Aristide Caruso

 

 1941

 

"La poesia è un macchinario potente del recupero del tempo perduto e Aristide Caruso questo lo sa, ma il suo recupero seppure straziante, per la perdita di ciò che non può essere assolutamente recuperato, non conosce il lamento crepuscolare; la poesia di questo ormai non più giovane poeta è una poesia fresca, vitale, perché veramente omnia vincit amor." (Antonio Iacopetta ln reportage, Anno 47 n..23/24(1-31 dicembre 2008)

 

 

 

Home

 

Biografia

 

 

 

 

Opere

 

Critica

 

 

Poesie

 

     

 

 

Bibliografia

 

 

 

Fotogallery

 

 

Nicastro Storia

 

Dove siamo

 

 

 

   Link

 


 

Bibliografia

 

.

Hanno scritto di lui:Augusto Leone-Prefazione a Canti degli anni tardi, Antonio Iacopetta - Amore e morte: i Canti di Aristide Caruso ln reportage, Anno 48 n..1(1-15 gennaio 2009), Antropologia e processo di formazione nel raffinato romanzo di Aristide Caruso in reportage, anno 49° n° 11 (1-15 giugno 2010); Francesco Vescio - Il fascino della parola nel tempo (Note sul lessico arcaicizzante dei Canti degli anni tardi di Aristide Caruso)  in reportage, Anno 48 n..1(1-15 gennaio 2009); Onirismo e memoria nella vicenda umana di un ex professore di filosofia (Annotazioni e riflessioni su <<Tre, la figlia del re>>, romanzo di Aristide Caruso) in reportage, anno 49° n° 11 (1-15 giugno 2010)   Benito Paola - Frutti di un autunno ancora rigoglioso  (La poesia di Aristide Caruso in <<Canti degli anni tardi>>) in reportage, Anno 48 n..10 (16-31 maggio 2009); Vincenzo Villella- Un libro di Aristide Caruso sulla seta in reportage 16 - 30 giugno 2007 e sul Corriere di S. Floro e della Calabria n.1- luglio - agosto -settembre 2007 Italo Leone - A.Caruso in Cultuta e letteratura nel Lametino vol.II pp 232-245, Lamezia Terme 2016

 

 Aggiornato il 27 . 01 - 2017

 Migliore visione  -  Rsisoluzione 1366x768

 Il webmaster