Dario Galli

 

 Il cantore nostalgico della vecchia Nicastro

 1914 - 1977

"Per questa poesia della memoria, che ha trovato la sua espressione pi felice nel dialetto nicastrese, Dario Galli merita di appartenere al patrimonio culturale della Calabria e di avere un posto accanto agli altri poeti del Reventino" in (Eugenio Leone-Dario Galli/La poetica della  memoria e il dialetto nicastrese, Soveria Mannelli).

 

 

 

 

 

Home

 

Biografia

 

 

 

Opere

 

Critica

 

 

 

Poesie

 

     

 

 

Bibliografia

 

 

 

Fotogallery

 

 

Nicastro Storia

 

Dove siamo

 

 

 

   Link

 


Poesie

 

ALLU CANTU D' 'A VRASCERA

jjinnru! Di fhora, pullullja...

Allu cantu assitttu d' 'a vrascera,

mi scrfu e cimu... Trnanu i ricardi:

Giunni; Fhiliclzzu d' 'a Valera;

 

'nu Migni-Mogni ccu' lla scolla russa;

'i Scoli 'i Cardamuni; l'umbrillinu,

i guanti senza jirita, 'u pilsciu,

'i pinni 'i Donna 'Mlia Mindicinu;

 

'nu sillabriu apartu, navu navu;

Ciccu-Tonnu ch' abbssa allu purtuni;

'nu guagghjni chi sta a ssintri ' a strina,

mianzu ammuccitu arratu a 'nnu barcuni...:

 

'nu cancilluzzu apartu; 'na fhurnsta

chi sbtti e sbtti; 'a vuci 'i Catirina;

l'oru e ll'argantu d'i capilli 'i Rosa;

'nu pasturallu 'i crita intr' 'a vitrina...

 

Rpiru l'acchji... 'U facu ccunsumtu:

cinnira, sulu cinnira rristta...

e, ddintra 'u cori, l'rtimu ricardu:

'a vintura 'i 'na zingara 'ncamta...

 

Tutti 'i vagghju firmri 'sti ricardi:

ad unu ad unu, cc, supra 'sti carti:

ricardi vacchji e nnavi...Fhgghii, fhgghji

tutti scrivti... tutti misi 'i parti

 

ppi' Il'rtima jurnata... Fhgghji, fhgghji...:

mu 'i jattu intr...a vrascera cunsumta...;

e mmu alla vampa mi quadju 'u cori

'i l'rtima... cchj bella fhocarata...

 

 

 


Accanto al braciere

gennaio! Fuori turbinano i piccoli fiocchi di  neve..seduto accanto al braciere, mi riscaldo e sonnecchio...Tornano i ricordi: Giovanni;"Fhiliciuzzu d' 'a Valera; un " Migni-Mogni" con la cravatta rossa, le scuole di Cardamone; l'ombrellino, i guanti senza dita,la pelliccetta, le penne di donna Amalia Mendicino; un sillabario aperto, nuovo nuovo;"Ciccu-Tonnu" che bussa al portone, un ragazzo che ascolta la strenna, mezzo nascosto dietro un balcone...: un cancelletto aperto; una finestra che sbatte; la voce di Caterina; l'oro e l'argento dei capelli di Rosa, un pastorello di creta nella vetrina...Apro gli occhi...Il fuoco consumato:cenere, solo cenere rimasta...e, dentro il cuore, l'ultimo ricordo:La ventura di una zingara affamata...Tutti li voglio fissare questi ricordi,ad uno ad uno, sopra queste carte: ricordi vecchi e nuovi...Fogli, fogli tutti scritti...tutti messi da parte per l'ultimo giorno...fogli,fogli...:perch li butti nel braciere quasi spento...;e perch mi scaldi il cuore alla vampa dell'ultima...pi bella fiammata...

 

CATINI

 

Di quandu s ppartta,

tagnu 'na pena, Catiri', intr''o cori:

'na pena randi! Pansic'accuss

s'ha ddi sintri, Catiri', chi' mri!

 

Ti 'ndi ricardi quandu...

iu ti guardava ddintra l'acchji chjri

o ti tina lla manu dintra 'i manu...!?

Oh, 'sti ricardi, mo', cumu s amari!

 

Chi sa cchj quantu voti

sgnu turntu, Catiri', allu puzzu

duvi tu m' aspittvi ogni mmatina,

all'impadi, vicinu 'u cancilluzzu...?!

 

'U puzzu ancora chjsu

e dduvi 'a strata fha lla giravota

c' ancora 'a petra dduvi t'assittsti

ciangandu, Catiri', l'rtima vota...

 

Ed rristtu apartu

'u cancilluzzu, cumu tu 'u lasssti

quandu l'rtima vota, di luntanu,

ciangandu, Catiri', mi salutsti...

 

Ed rristta aperta

d' 'a casa 'na pirsiana chi mo' vtti,

chi jca ccu' llu viantu jarnu e nnotti:

si rpiri. ..si chjdi. ..e sbtti, sbtti...

 

Pirch, pirch nun tarni

a 'sta casa ch' cchjsa e cchi t'asptta?!

'U rampicanti sta mintandu 'u juri,

'u gridu cchj 'un si snti dd' 'a civetta...

 

e ddavant' 'u purtuni

puru 'u cani t'asptta, Ccatiri'...,

'u cani d' 'u colonu: t' 'u ricardi?

Pirch nun tarni, dcimi, pirch...?

 

'Stu cancilluzzu apartu

mo' pri ca mi dici: Trna, trna...,

mo' pri ca mi dici: 'Un trna cchj....

Pssa llu jarnu, 'a notti; scra, 'nghjrna...

 

ed iu aspattu... t'aspattu!

Iu ti vulra, Ccatiri', 'na cosa,

'na cosa sula ancora dumandari:

-P mmai campri, senza suli, 'a rosa...?

 

Alla spiranza 'u cori

si rpiri, si chjdi... e bbtti... vtti:

cumu allu viantu 'a pirsana tua. ..

chi si chjdi, si rpiri...e cchi sbtti...

 

 

 


 

 Catene

Da quando sei partita, o Caterina, tengo una pena al cuore; una pena grande. Credo che in questo stesso stato d'animo, o Caterina, si trova chi sta per morire.

Ti ricordi quando io ti guardavo dentro gli occhi chiari o ti tenevo la mano nelle mani? Oh, questi ricordi, ora, come sono amari!

Chiss quante volte, o Caterina, sono tornato al pozzo dove tu mi aspettavi ogni mattina, in piedi, vicino al cancelletto!

Il pozzo ancora chiuso e dove la strada incomincia a curvare, c' ancora, o Caterina, la pietra dove ti sedesti piangendo l'ultima volta...

Ed rimasto aperto il cancelletto, come tu lo lasciasti quando l'ultima volta, da lontano, piangendo, o Caterina, mi salutasti...

Ed rimasta aperta una persiana della casa che ora sbatte, gioca col vento giorno e notte. si apre... si chiude... e sbatte e sbatte...

Perch,perch non torni a questa casa che chiusa e che ti aspetta? Il rampicante sta fiorendo, non si sente pi il grido della civetta...

e davanti al portone anche il cane ti aspetta, o Caterina...,il cane del colono: te lo ricordi? Perch non torni, dimmi, perch...?

Questo cancelletto aperto sembra, a volte,  dirmi:" Torna, torna...", alttre volte:"Non torna pi...".Passa il giorno, la notte; si fa sera, spunta il mattino ed io aspetto...ti aspetto! Io ti vorrei, o Caterina, chiederti ancora una sola cosa: Pu mai vivere, senza sole, la rosa...?

Alla speranza il cuore si riapre, si chiude... e batte...batte come al vento la tua persiana...che si chiude, si riapre...e che sbatte...

 

CIUCCIU 'I FHATIGA

                             (A V.T.)

 

'Un sgnu, 'Onna Vitto', 'nu scustumatu

s' 'un bagnu mu vi dcu: Tant'agri!.

V' 'u dicinu ppi' mmia, Donna Vitto',

v' 'u dcinu ppi' mmia 'sti quattru juri.

 

L' avti vistu mmai ' nu ciucciarallu

alla sdanga attaccatu 'i 'na cisterna,

chi gra e gra ppi' ttirari l'acqua,

ccu' 'nna pezza alla capu... e mmai si fhrma?

 

Iu sgnu cumu a cchillu ciucciarallu

chi gra e gra ccu' llu callu startu...

Sulu ca, 'mbeci 'i ntarnu a 'nna cisterna,

gru, Donna Vitto', giru intra 'n-artu

 

duvi -' mbeci di cvuli e ccurini,

di rapi, di cipulli e ccrozzi d'gghju -

ci su cchjantti nmari chi cntu...

E gguai, Donna Vitto', s' 'u cuntu 'u sbgghju!

 

Iu sgnu cumu a cchillu ciucciarallu

alla sdanga attaccatu 'i 'na cisterna,

chi tni 'nnu patruni senza cori...

chi gra, gra, gra e mmai si fhrma...

 

'Un sgnu, 'Onna Vitto', 'nu scustumatu

s' 'un bagnu mu vi dcu: Tant'agri!.

V' 'u dcinu ppi' mmia, Donna Vitto'

v' 'u dcinu ppi' mmia 'sti quattru juri.

 

 

 


 

 

Somaro da lavoro

Non sono, donna Vittoria, un maleducato se non vengo a dirvi:"Tanti auguri!" Ve lo dicono per me, donna Vittoria, ve lo dicono per me questi quattro fiori. L'avete mai visto un somarello attaccato alla stanga di una cisterna, che gira e gira per tirare l'acqua, con una benda agli occhi e che mai si ferma?. Io sono come quel somarello che gira e gira col collo storto...Solo che, invece che attorno ad una cisterna, giro, donna Vittoria, giro in un orto dove al posto di cavoli, zucchine, rape, cipolle e teste d'aglio, ci sono piantati numeri che io conto...E guai, donna Vittoria, se il conto lo sbaglio! Io sono come quel somarello legato alla stanga di una cisterna che tiene un padrone senza cuore... che gira, gira, gira e mai si ferma....Non sono donna Vittoria uno scostumato se non vengo a dirvi " Tanti auguri!". Ve lo dicono per me, donna Vittoria, ve lo dicono per me questi quattro fiori.

 

LLA VITA CHI PASSA E SSI RINNOVA...

 

'Mbulictu a 'nnu fgghju 'i calandriu

d''u milli e nnovicantu-diciannvi,

truvtu hju mo' mo''nu sillabriu

ccu' lli pagin ancora nvi nvi.

 

'U numi miu c' scrttu ed allu cantu

di certi parulcchji c' 'nnu signu

d'bbissi russu, a ccruci, ma ogni tantu.

Cumu 'na vota, a lljari mo''ncgnu:

 

ma- no, ma -re. Mi vju 'nginucchjatu

supra 'na sggia, accant''u tavulinu:

'u jiritallu tsu ed ammacchjtu...

a capu janca i patrimma, vicinu...

 

Ra -mo, ra -na. Mi vju chi lija,

ccu' ssupra 'u libru 'na manuzza aperta;

mamma, sidta 'm-pacci-a-ffrunti a mmia,

attenta fhatigva a 'nna cuverta...

 

Mo' cc, dintra 'sta cmbara 'i mangiri

-duvi 'mparvi a lljari e scrivri,

chi sppi ll'alligrizza d' 'u cantri

e llu duluri sppi d' 'u ciangri -

 

'nginucchjtu a 'nna sggia cumu a mmia,

fhigghjuma lji, 'u jiritallu tisu

puggitu supra 'u libru: zo -na, zi -a.

'A mamma 'u gurda ccu' 'nnu pizzu-a-rrisu;

 

gurda pptrimma puru, d''a curnici...

Mi lji 'n cori...? Pri ca mi dici:

Oh,fhigghjuma, nun 'nna cosa nova!

E' lla vita chi passa... e si rinnova...! .

 

 


 

la vita che passa e si rinnova

 

Avvolto in un foglio di calendario del 1919 ho trovato or ora un sillabario con le pagine ancora nuove.

C' scritto il mio nome ed accanto a certe paroline ci sono sporadici segni a croce di matita rossa. Come una volta, ora incomincio a sillabare:"ma-no, ma-re". Mi vedo inginocchiato sopra una sedia accanto ad un tavolino: il ditino teso e macchiato...la testa bianca di mio padre, vicino...

"Ra-mo, ra-na". Mi vedo che leggevo con una manina aperta sopra il libro; mamma seduta di fronte a me, attenta lavorava ad una coperta...

Ora, qui,in questa camera da pranzo - dove imparai a leggere ed a scrivere, che conobbe la gioia del cantare e il dolore del piagere - inginocchiato ad una sedia, come me, mio figlio legge, il ditino teso, poggiato sopra il libro: "zo-na, zi-a". La mamma lo guarda con un sorriso; guarda anche mio padre, dalla cornice...Mi legge in cuore? Sembra che mi dica: " Oh, figlio, non una novit! la vita che passa...e si rinnova...!"

 

 

CUNCITTELLA, SPERA 'I SULI

 

Di quandu Giosi, ch'era 'nnu 'ncamtu,

jjtu a ffatigri all' Argintina,

cc, Cuncittella, dintr' 'a ruga 'i Braschi,

ddivintata cumu 'na rigina...

 

Prta lli scarpi, mo', ccu' llu tacchettu

-'nu paru 'i scarpi 'i pelli di sirpenti -

ed ogni mmisi crri dduvi Rizzu

...mu si fha ffri 'n'atra pirmanenti.

 

Prta qquazatti 'i sita 'i magghju a mmagghju,

fhirmgghji d'oru, analli ed aricchjni...

ed ogni bbota chi l'affrntu fhora,

sempri 'ncantta 'a vju alli vitrini:

 

mo' dduvi 'U Chimiu, mo' alla Rinascenza,

mo' dduvi Rocca, mo' duvi Birtucci,

mo' davant'a Parmari, mo' a Mmancusu,

mo' davant'a Ccaputu o dduvi Fhurci.

 

bberu, Cuncitte', ca s ppulta...

bberu ca, ccu ttuttu 'st'oru 'n-callu,

pri 'na spera 'i suli... e cca cchj dd'unu

s'ha ppigghjtu ppi' ttia 'nu tuarcicallu;

 

per... per, l'avra ddi sapri

chillu pvaru Giosi, o Cuncittella,

ca dintr' 'a ruga 'i Braschi mo' i rugagni

ti chjmanu Cuncetta 'a riginella...;

 

l'avra ddi sapri ca, luntanu,

illu fhatga ccumu 'nu 'nimali

e ttu ogni jjarnu cchj ti lnchji d'oru:

d'analli, d'aricchjni, di bracciali...;

 

l'avra ddi sapri chill'affrttu,

chi mu spirgna mmngia fforsi asciuttu,

ca tu t'asssti, cc, ccu' mmuzzarelli,

ccu' ppravuli d' 'a Sila e ccu' pprusuttu!

 

Oh, Giosi! Binidttu mu ti vja!

Binidttu mu s, dduvi ti travi!

Tu ll fhatghi... e cc mugghirta... arrja.

 

 


 

Concettina, raggio di sole

Da quando Giosi (dim. di Giuseppe), che era un morto di fame, era andato a lavorare in Argentina, qua, Concettina, in via Braschi, diventata come una regina.

Ora porta le scarpe col tacchetto - un paio di scarpe di pelle di serpente - ed ogni mese corre da Rizzo ... per farsi rifare la permanente.

Porta calze di seta, fra le migliori, fermagli d'oro, anelli ed orecchini...ed ogni volta che l'incontro fuori, la vedo sempre ferma davanti allle vetrine: ora di Lachimia( Negozio di radio e materiale elettrico), ora della Rinascenza (Negozio di tessuti), ora della gioielleria di Rocca, ora di Bertucci (Tessuti), ora di Palmieri, ora di Mancuso, ora davanti alla gioielleria di Caputo o di Furci(Tessuti).

E' vero, Concettina, che sei bella... E' che con tutto quest'oro addosso sembri un raggio di sole... e che pi di uno si preso per te un torcicollo; per... per, dovrebbe saperlo quel povero di Giosi, o Concettina, che nel rione di Braschi ora  gli abitanti ti chiamano " Concetta la reginella..."; dovrebbe saperlo che, lontano, lui lavora come una bestia e tu ogni giorno di pi ti riempi di oro: di anelli, di orecchini, di bracciali...; dovrebbe saperlo quel poveraccio, che per risparmiare mangia forse asciutto (rinuncia ai piatti caldi), che tu qua ti alimenti con mozzarelle, provole della sila e con prosciutto!

O Gios, che ti veda benedetto! Che tu sia benedetto dove ti trovi! Tu l ti ammazzi di lavoro... e qua tua moglie...se la spassa.

 

CRUCI E SMIRAGGHJI

Caru Pippinu, accttu 'nu giurnali...

e llaju d' ariuprni ed armi novi;

'nd' accattu n-atru.. ed lla stessa cosa.

Ogni giurnali cchjnu 'i malinovi:

 

dischi vulanti... bumbi a ffngiu... razzi...

suttamarini 'tomici... cannuni...!

Ogni jjarnu: e llu sbatu, e llu marti,

e llu javi e llu vnnari e llu luni...!

 

Tu chi s ammanzu a ttanti pazzi grassi,

dicimi, Pippinu', c' beramenti

pirculu 'i 'na guerra? A mmia 'u po' diri:

smu o nun smu, Pippinu', parenti...?!

 

E ppua m'avri 'i dri 'nu cunsigghju

{chistu, ppi' 'un cumbinri 'n-atru guai...):

ccu' ttantu 'i cartulina e ddi stiIletti,

iu fhci 'a guerra 'i Spagna (gi t' 'u si:

 

ha' vistu 'a cruci 'i guerra e lli smirgghji),

per, Pippi', sa' puru ch' 'nna guerra

ch' 'un mi cnta; e ss' 'u dcu, Pippinu',

mi fhanu d'accuss ..cumu cc 'n-terra.

 

Vistu, perci, ca cc... unu fa gguerri...

ci dnanu 'na cruci... cumbattenti...

pua cngia llu Guvernu... e cchilla cruci

e cchilla guerra 'un blinu cchj nnenti...

 

dcimi tu... si scppia nn'atra guerra,

Pippi', cum' chi m'hju 'i rigulri...:

tarnu a ppartiri... o ccu' lla scusa 'i st'ugna

ch' 'ncarnta, mi fhzzu rifhurmri...?

 

Dcimi tu, carissimu Pippinu...

E ttramenti chi scrivi, ti saluta

'stu tua affizionatissimu cuginu.

 

 

 


Croci e medaglie

Caro Peppino, compro un giornale... e leggo di aeroplani ed armi nuove; ne compro un altro ed la stessa cosa. Ogni giornale pieno di cattive notizie: dischi volanti...bombe a fungo(atomiche)...razzi...sottomarini atomici...cannoni...! Ogni giorno: e il sabato e il marted e il gioved e il venerd e il luned...! Tu che sei in mezzo a tanti pezzi grossi, dimmi, Peppino, c' veramente pericolo di una guerra? A me lo puoi dire: Siamo o non siamo, Peppino, parenti...?! E poi dovresti darmi un consiglio (questo per non combinare un altro guaio...): con tanto di cartolina (precetto) e di stellette, io feci la guerra di Spagna (gi tu lo sai: hai visto la croce di guerra e le medaglie), per, Peppino, sai pure che una guerra che non mi conta; e se ne parlo, Peppino, mi fanno cos...come qua in terra (mi calpestano, mi offendono).Visto, perci, che qua...uno fa guerre... gli donano una croce... "combattente"...poi cambia il governo... e quella croce e quella guerra non valgono pi niente...dimmi tu...si scoppia un'altra guerra, Peppino, come mi debbo regolare...: torno a partire... o con il pretesto di quest'unghia incarnata mi faccio riformare...? Dimmi tu, carissimo Peppino... E nell'attesa che tu scriva, ti saluta questo tuo affezionatissimo cugino.

 

'I SCOLI 'I CARDAMUNI

Duvi c' mmo' 'u palazzu d' 'a Marchisa,

ccu' ttant' 'i stemma misu allu purtuni,

c'era 'nna vota, menza sdirrupata,

'na casa, ccu' lli Scoli 'i Cardamuni.

 

'M-pacci-a-ffrunti alla via: quattro fhurnesti,

'nu barcuniallu 'i lignu ed arruzzata

-supra 'u barcuni: a ttnami-c-cju -

pinda ' nna canaletta rusicata.

 

Si ti pigghjvi 'a prica ppimmu 'i cnti,

tri bitri 'n tuttu, 'un li trovavi, sani:

'i rompanu 'a 'mmazzati d'i guagghjni,

ccu' lla junda, di fhora, a 'mmazzacni.

 

Ccu' 'nnu cappiallu niguru alla capu

e ttantu 'i gradu, 'i fhregiu e ddi visera

-ca s' 'un sapivi ch'era llu bidellu,

'u pigghjvi ppi' gguardia carcirera -

 

Mastru Vicianzu, dittu 'u Pani-jncu,

scinda alla strata, armatu di' na canna

-di 'na scupa, 'i 'nu palu, 'i 'na bacchetta -

'i manu all'aria: ...E ffgghji.. 'i bona-mamma!.

 

E ll, duv' arrivava lla pitrata

-a' nna fhurnesta opuru allu barcuni -

truvvamu 'nchjuvtu, 'u jarnu appriassu,

allu postu d' 'u vitru, 'nu cartuni.

 

Alla fhurnesta 'i cc, c'era Ggagghjrdi,

ccu' lla sicunda: ed era 'nna gastima...;

apprassu c'era Zupu, ccu' lla terza;

Bonacci, appriassu ancora, ccu' lla prima.

 

'I tri scoli d'i msculi, c chilli

d' 'i fhimminelli -ed ranu 'na passa -

affaccivanu 'a 'rriatu, intra 'nu vgghju.

C'eranu ppi' mmaistri, tandu: 'a Massa,

 

'a Guzzi e, s' 'un mi sbgghju, 'a Catinacci.

lntr' 'o vgghju crisca -spinnata, storta,

'ngialiniscita- 'na parmuzza mscia;

di l'atra parti, 'm-pacci-a-ffrunti 'a porta,

 

-ccu' butti, vutticelli e ccosi vecchji -

c'era 'nna fhila 'i magazzini scuri...

duvi 'nu spiardu 'i mnacu -dicanu -

'a capu ja sbattandu i muri muri.

 

'A scola mia era lla scola 'a 'mmianzu:

'a terza, duvi c'era llu barcuni;

'u prifhissuri miu: Pippinu Zupu,

'u sulu ch'hju avutu, di guagghjni

 

(di prifhissuri strani, vagghju diri,

c tutti l' atri scoli limintari

l'hju fhtti ccu' pptrimma). Quant'anni

su ppassati, di tandu! E lli sculari

 

di Zupu, di Bonacci, di Gagghjrdi

su ppatri 'i fhigghji, mo', amini randi,

siminati di cc, 'sti rasi rasi...

siminati di ll, 'sti bandi bandi...

 

Ma dintr' 'o cori port'ancora ognunu

-cumu a vita sua stessa, sti via via -

di Mnnissi, di Gherghi, di Borelli,

di ptrimma...'u ricardu: cumu a mmia.

 

Prifhissri 'un ci 'nd', mo', cumu a cchilli...

chi 'mbizzvanu a rrandi ed a gguagghjni!

Donatu...?! Milanesi...?!: 'Nu ricuardu...!

Cum' lla Scola, mo', di Cardamuni...

 


Le scuole di Cardamone*

Dove c' ora il palazzo della Marchesa, con tanto di stemma sul portone, c'era una volta una casa mezza cadente con le scuole di Cardamone.

Di fronte alla strada: quattro finestre, un balconcino di legno e sopra il balcone pendeva, come se stesse per cadere da un momento all'altro, una canaletta arrugginita e corrosa.

Se ti prendevi la briga di contarli, tre vetri interi non li trovavi: li rompevano, dalla strada, quei bricconi di ragazzi con  pietre, talmente grosse da ammazzare un cane,  scagliate con la fionda.

Con un cappello nero in testa e tanto di grado, di fregio e di visiera - che, a non sapere che era il bidello, lo avresti scambiato per una guardia carceraria - Mastro Vincenzo, detto " il  Pane-bianco", scendeva in strada armato di una canna - di una scopa, di un bastone o di una bacchetta - e con le braccia alzate (gridava minaccioso): "E figli... di buona mamma!".

L dove arrivava la sassata - ad una finestra oppure ad un balcone - trovavamo, il giorno dopo, al posto del vetro, un cartone inchiodato.

Alla finestra di qua(sulla strada),c'era( il maestro) Gagliardi, con la"seconda":e questi, (per la sua severit) era considerato dagli alunni "una maledizione "; di seguito c'era Zupo con la "terza" e dietro ancora Bonacci con la "prima".

Queste erano le tre aule dei maschi, mentre quelle delle femminucce - ed erano tante - affacciavano dietro, in un cortile interno. Le maestre allora erano la Massa, la Guzzi e se non mi sbaglio la Catinacci. Nel cortile cresceva - spennata (senza foglie), storta ed ingiallita - una piccola palma avvizzita; dall'altra parte, di fronte alla porta, - con botti, botticelle e cose vecchie - c'era una fila di magazzini scuri... dove - si diceva- il fantasma di un monaco andava sbattendo la testa sulle pareti.

La mia aula - quella della terza classe - era in mezzo, dove c'era il balcone; il mio maestro: Peppino Zupo, il solo che ho avuto da ragazzo (di maestri estranei, voglio dire, perch tutte le quattro classi successive le ho fatte con mio padre). Quanti anni son passati da allora! E gli scolari di Zupu, di Bonacci e di Gagliardi sono ora padri di figli, uomini grandi, sparsi di qu e di l, per il mondo. Ma dentro il cuore ognuno porta, come la sua stessa vita, lungo le vie del mondo il ricordo - come lo porto io - di Mannis, di Gherghi, di Borelli, di mio padre.

Maestri, come quelli, che insegnavano a grandi ed a piccolii, non ce ne sono pi. Donato...?! Milanesi...?!: Un ricordo...! Com' la "Scuola", ora, "di Cardamone"...

 

*Le scuole elementari a Nicastro erano chiamate cos dal nome del proprietario del fabbricato dove erano allocate

 

'MAMMA CUNCETTA

          (A Concetta Scardamaglia, mia nutrice)

 

T'hju vstu passri di luntanu,

Mamma Cuncetta, chjsa intra 'u tavutu...

e ddintra 'u pattu, mmmama, 'stu cori

-si tu sapssi...! -cumu m'ha cciangitu!

 

Ti 'ndi s jjta senza dri nenti...

Senza- 'u vi'!? -mu mi guardi 'n'atra vota...

Senza nemmenu, o mma', l'rtimu vasu!

Cum' 'sta morti, o mma', chi t'ha rricta

 

-chi nun snti ppiet ppi' cchini rsta,

chi nun snti ppiet ppi' cchini mri -

cum' 'sta morti, o mma' , si puru a morti

ch'iu vidatti 'na vota ava 'nnu cori...?!

 

Ma chini 'u sa si pua 'un- statu magghju

mu tu si mmorta senza mu ti vju!

-Chini 'un bdi, nun cridi -ed iu a 'sta morti,

o mmmama, ci crju...e nnun ci crui...

 

Pp' mmia s ancora cc: ccu' mmia, a 'stumundu;

ppi' mmia s bbiva, puru si s mmorta...

E ppansica si spju 'i 'sta fhurnesta,

ti vju ancora vttari alla porta...

 

Ti vju, o mma', cum'eri: jnca e rrussa,

rsula e bella, givini e ccuntenta...

ccu' ll'acchji chjri e cchilla fhacci tunda

chi t'addurva, o mma', di rosa e mmenta...

 

Ppi' mmia ch' 'un t'hju vistu, o mma', suffrri

intra 'i vrazza d' 'a Morti, tu s bbiva!

E bbiva ha' di ristri 'nsinc'a-qquandu

puru ppi' mmia l'rtimu jarnu arriva:

 

pirch chjdari vagghju ' stu distinu

puggindu 'a capu, o mma', supra 'stu sinu...

 


Mamma Concetta

 

Ti ho visto passare da lontano, Mamma Cocetta, chiusa dentro la bara... e dentro questo petto, o madre mia,- se tu sapessi...!- questo cuore come ha pianto !

Te ne sei andata senza dire niente... Senza - lo vedi ?- guardarmi un'altra volta... Senza nemmeno, o madre , l'ultimo bacio! Com' questa morte, o madre,  che ti ha portato via - che non sente piet per chi resta, che non sente piet per chi muore - com' questa morte, o madre, se pure la morte che io vidi una volta (in guerra) aveva un cuore.

Ma chi lo sa se poi non stato meglio che tu sia morta senza che io ti veda! - "Chi non vede non crede"-ed io a questa morte, o madre mia, ci credo e non ci credo.

Per me sei ancora qui: con me in questo mondo; per me sei (ancora) viva anche se sei morta... E forse se spio da questa finestra ti vedo ancora bussare alla porta...

Ti vedo, o madre, com' eri: bianca e rossa, sorridente e bella, giovane e felice... con gli occhi chiari  e quel volto tondo che profumava di rosa e menta...

Per me che non ti ho visto, o madre, soffrire nelle braccia della Morte, tu sei viva! E viva devi restare fino a quando anche per me non arriva l'ultimo giorno: perch voglio chiudere questo( mio) destino, reclinando,  o madre, il capo sul tuo petto.

 

PELLI 'I TAMBURRU

 

O Pelli chi niscisti di tamburru,

chi di tamburru sempri s rristta,

e mmo ti vua cangiri, cumu nenti,

in pelli -nenti 'i menu - di sirpenti:

 

'un ti l'ha ddittu mmai, mmmata, o Pelli,

ca chini nsci Pelli di tamburru

p ddivintri appena e ssulamenti

Pelli di tmbaru, mmai di sirpenti?!

 

'Un ti l'ha ddittu mmai? Allura, o Pelli,

iu mo tu dicu: a rrima... 'n-canzunella... -:

'Un ci su Ssanti 'n Calu, 'un ci su scampi:

Tamburru rasti ppi' ttramenti cmpi...!!!

 


Pelle di tamburo (Persona grossolana)

O "Pelli" che nascesti "di tamburo", che di tamburo sempre sei rimasta, e ora ti vuoi cambiare, come se fosse niente, in pelle - niente di meno - di serpente: non te l'ha detto mai tua madre, o "pelle", che chi nasce "Pelle di tamburo" pu diventare appena e solamente "pelle di tamburo", mai di serpente?! Non te l'ha detto mai? allora o "pelle", ora io te lo dico: in poesia... in canzone...-: Non ci sono Santi in Cielo, non c' scampo: "Tamburo" resti fino a che campi...!!!

 

PALUMBELLA 'NNAMURATA

 

Mi gstu d' 'afhurnesta ogni mmatina

'na palumbella jnca 'nnamurata.

Si cnza ssupr' 'a casa 'i Catirina,

vicinu 'a canaletta rusicta,

 

e aspetta...fa glu-glu...si paparjia.

'Un pssa assai ch'arrva llu quatraru.

Illa di cchj s'annca... e mmurmurjia...

Dci: Palumbu miu, cumu s ccaru!.

 

Si cnzanu di traca, pattu a ppattu

(c d'accuss s'abbrzzanu i palumbi),

si pizzicnu quasi ccu' ddispattu

(c d'accuss ssi vsanu i palumbi);

 

pua, ccu' 'nnu 'ngastru e ccu' 'nna giravota

-glu-glu -paparindu illa s'arrsa...

Illu ci va dd'apprassu... ed a 'nna vota

si lnzanu, vulandu, arratu 'a casa...

 

Pur' iu 'na vota ava 'nna palumbella

chi mi fhaca glu-glu di 'nu barcuni:

ava lli pinni d' oru ed era bella,

ma l'ali ancora ava ddi 'nu picciuni...

 

Glu-glu. ..!. L 'hju cc dintra chilla vuci:

dintra l'anima mia, misa a 'nnu cantu;

l'hju 'ntr' 'o cori, cc, cumu 'na croci...

l'hju 'ntr 'o pattu, cc, cumu 'nu chjntu...

 


Colombella innamorata

Mi diverto ad osservare dalla finestra, ogni mattina, una colombella bianca innamorata. Si posa sulla casa di Caterina, vicino  alla grondaia rosicchiata (dalla ruggine), e aspetta...fa "glu-glu"... si pavoneggia. Non passa molto che arriva l'innamorato. Ella si dondola ancora di pi e mormora... Dice:"Colombo mio, come sei caro!". Si girano di traverso, petto a petto,(ch cos si abbracciano i colombi) si pizzicano quasi con dispetto (ch cos si baciano i colombi); poi con una moina ed una piroetta - "glu-glu"- pavoneggiandosi lei si scosta...Lui le va appresso ... e d'un tratto si lanciano in volo dietro alla casa...Anche io una volta avevo una colombella che mi faceva glu-glu da un balcone: aveva le penne d'oro ed era bella, ma aveva ancora le ali di un piccione..."Glu-glu...!".L'ho qui dentro quella voce: dentro l'anima mia, messa in un angolo; l'ho nel cuore, qua, come una croce...l'ho dentro il petto, qua, come un pianto..

 

'A STRINA

                  

                             (A mia sorella Dora )

 

Vatta, quand'era nninnu, allu purtuni,

vatta lla strina. Arratu d' 'u barcuni,

mianz' ammucciatu, a ssntari stavia

chillu chi ni cantva e nni dica.

 

Siantu 'nu sgrsciu, di 'stu tavulatu...

Fhmmi la strina ccu' 'nnu guccilltu;

fhammilla 'i nuci, 'i pira, 'i fhicu, 'i vinu:

per fhammilla ppi' Ges-Bambinu!.

 

E pptrimma dica: Dori', dacclla

'na jetta 'i ficu, 'na suprissatella...

cchi sscciu?!... ancuna pgIia 'i turruncinu.

dua susumelli, 'na buttiglia 'i vinu....

 

'Na zingara m'ha ddttu, supra 'u ponti,

ca 'stu guagghjni tua divnta Cconti....

'A sira dopu, 'a musica cangiva

e lla strina, 'sta vota, ni cantva:

 

Fhmmi la strina e ffmmila 'i turduni,

si va 'stu fhigghju mu si fha Baroni...

O Prifissuri miu, rpiri-ra':

fhmmi la strina, fhmmi... e nnun tarda'!.

 

Moni, s' 'a strina vtti allu purtuni,

sulu fhgghjuma Cconti ed Baroni....

Iu sgnu, alla vicchjja, divintatu...

'u sulu juri 'i tuttu 'u parintatu....

 


La strenna

Bussava, quand'ero piccolo, al portone, bussava la strenna. Dietro a un balcone, mezzo nascosto, stavo ad ascoltare quello che mi cantava e mi diceva.

"Sento un rumore, da questo tavolato...Fammi la strenna con un grooso pane; fammela di noci, di pere, di fichi(secchi), di vino: per fammela per Ges Bambino!".

E mio padre diceva:"Dorina, dagliela una treccia di fichi(fichi secchi infilati a delle cannucce), una soppressata, che so?!...qualche pezzo di torrone, due "susumelle"( dolcetti natalizi fatti con farina e miele ricoperti di cioccolato o di glassa), una bottiglia di vino..."

"Una zingara (incontrata) sopra il ponte mi ha detto che questo bambino tuo diventa Conte...". La sera seguente, la musica ( la canzone) cambiava e la strenna questa volta  diceva:

"Fammi la strenna e fammela di "turduni" (castagne infornate, mondate ed infilate ad uno spago ), se vuoi che questo figlio diventi Barone...O Profesore mio, apri la porta,:fammi la strenna, fammella... e non tardare!".

Ora se la strenna bussa al portone, solo mio figlio "Conti ed Barone..." Io sono, in vecchiaia, diventato... "il solo fiore di tutto il parentado..."

 

'A SIRINATA 'I 'NTONI

 

Cantava a mmenzannotti, 'Ntoni 'i Rosa:

'Sta sirinata, o bella, 'a fhzzu a ttia:

a ttia, Mari', ch'addri 'i marvarosa

e ss cchj dduci 'i l'uva marvasa.

 

Ccu' ssuli ed oru ' sti capilli a ttrizza

ti fhici, o bella, mmmata e ddi mari

d'acqua, 'ntra l'acchji, ti mintu 'nna stizza.

Affcciati, Mari' : fhtti guardari,

 

fhtti vidiri... A 'st'nima chi dli

dnacci 'na spiranza mu si quta!

'Un ti carcu carizzi, n pparoli:

ma 'na guardata mu 'stu cori acquta!.

 

E mmentri iu mi sinta di 'Ntoni 'i Rosa

'a sirinata chi vina ddi fhora,

Mariuzza mi dica...: Vasami ancora...! .

Ed addurva ttutta 'i marvarosa...

 

 


 

La serenata di Antonio

Cantava a mezzanotte Antonio, figlio di Rosa: "Questa serenata, o bella, la faccio a te; a te, Maria, che odori di malvarosa e sei pi dolce dell' uva malvasia. Con sole ed oro questi capelli a treccia ti fece, o bella, tua madre e ti mise negli occhi una goccia d'acqua di mare. Affacciati, Maria: fatti guardare, fatti vedere... A quest'anima che soffre  donale una speranza perch si quieti! Non ti cerco carezze, n parole: ma uno sguardo che acquieti questo cuore!". E mentre io sentivo la serenata di Antonio di Rosa che veniva da fuori, Mariuccia mi diceva...:"Baciami ancora...!". Ed odorava tutta di malvarosa..

 

SUANNI STRAMBI

M'ha ffttu mali 'a fhrlttula d'ajiari

opur' 'a 'livi 'i dintr' 'a giarricella,

cartu ca stanotti, ed a nnuttata,

m'hju sunntu cantu e 'nna strumbella.

 

M'hju sunntu ch'era ssagristanu,

per 'a campana 'un la sapa ssunri...!

M'hju sunntu ch'era mmarinaru:

'nu marinaru ch' 'un sapa nnatri...!

 

Pua m'hju vistu 'ntra 'na casa 'i lussu

-'i chilli ch' 'u Guvernu dna a cchini

'un tni ccasa e... 'un pga Il'<<lna-Casa>> -

ccu' lli barcuni 'i marvarosa chjini

 

e ccu' 'nna vasca 'i bagnu chi luca,

tant'ra jjnca, e ccu' 'nnu lavandinu

chjini, per, di terra tutti i dua,

ccu' cchjnti d'cciu e cchjnti 'i pitrusinu...

 

M'hju truvtu avant' 'u spurtilluzzu

d' 'a Satturia, di dduvi 'nu cassari,

ridandu, mi turnav' arratu i sordi

ch'ava ppagtu, ppi' lli tassi, ajari...

 

Sgnu trastu doppu a 'nnu triatu

-ch'assumigghjva a cchillu 'i Grandinetti -

duv' 'a fhulla, vidandumi, gridava

Ebbiva! Ebbiva!, ammianzu a scirubbetti,

 

gazzosi e ttaralluzzi e ddua signori,

ccu' 'nna tuba alla capu... e ddua paroli,

mi mintianu alla fhrunti 'na curuna...

ccu' pampinelli fhtta di scaroli...

 

E mm'hju pua truvtu fhora 'a porta

-'a fhulla chi gridava: Affca! Affca! -

senza giacchetta, senza cchj ccuruna...

e ddintra 'i manu, 'mbeci, 'na lattuca.

 

Quandu mi sgnu, 'm-pini, risbigghjtu:

ava 'nnu pedi 'i Sergiu supra 'u pattu...

ava lla capu sutt'a 'nnu cuscinu...

ava ddintra 'na manu... 'nu quazattu...

 

 


Sogni strambi

Mi ha fatto male la frittola ( cotica di maiale) che ho mangiato ieri, oppure le olive della giara, certo che stanotte, e per tutta la nottata ho sognato cento ed una stramberia. Ho sognato che ero sagrestano, per la campana non la sapevo suonare...! Ho sognato che ero marinaio: un marinaio che non sapeva nuotare...! Poi mi son visto in una casa di lusso - di quelle che il Governo d a chi non a casa e ... non paga l'"Ina Casa" - con i balconi pieni di malvarosa e con una vasca da bagno che brillava, tanto era bianca, e con un lavandino, pieni per entrambi di terra con piante di sedano e prezzemolo... Mi son trovato davanti allo sportello della Esattoria, da dove un cassiere, ridendo mi tornava indietro i soldi che avevo pagato ieri per le tasse... Sono entrato dopo in un teatro - che somiglia a quello di Grandinetti - dove la folla, vedendomi, gridava "Evviva! Evviva!", in mezzo a sorbetti, gassose e tarallucci e due signori, con la tuba in testa...e due parole, mi mettevano in testa una corona fatta con fogliuzze di scarole(indivia)...E mi son trovato poi fuori della porta - la folla gridava: "Strozza(lo)! srozzaa(lo)!" - senza giacca, senza pi corona... e nelle mani, invece, una lattuga. Appena mi sono risvegliato: avevo un piede di "Sergio (il figlioletto) sopra il petto... avevo la testa sotto un cuscino... avevo in mano...un calzino...

 

VIJILIA 'I NATALI

 

Alla gghjiasa, stasira, 'i Sarancscu,

ccu' ffigghjuma d' 'a manu, alla scurata,

sgnu turnatu, doppu trintun' annu,

ppi' bdari di l' Angilu 'a calata.

 

Allu prisepi c' era -dintr' 'a grutti -

'u 'stessu Bambinuzzu grassuttiallu,

'u stessu San Giuseppi e lla Madonna,

'u stessu vi, 'u stessu ciucciarallu.

 

E ssupr' 'a grutti, 'i cc e ddi ll, i pasturi:

'a fhmmina chi prta llu crapattu;

'a vecchjarlla chi, vidandu 'a stilla

si vtti, 'nginucchjta, supra 'u pattu;

 

'i quattru lavandari alla jumara;

'a guagghjunlla ccu' llu mazzu 'i juri;

'u picuraru ccu' lla pezza 'i casu;

'u stessu cani, 'u stessu cacciaturi;

 

'u pasturiallu sutta 'u pedi 'i cerza

chi si cccia lla spina di' nu pedi;

'u vecchjarallu chi ppi' rripusri,

si cnza a 'nnu murattu, mu si sdi:

 

e ddi 'nu cantu -tra 'na mandra 'i vacchi

e 'nna mandra 'ntassta 'i picurelli -

i tri Rre Mmagi, tutti 'ntabarrti,

a ccavallu d' 'i stessi tri cammelli...

 

Davant' 'a grutti m'haju arricurdtu

di quandu, ancora nninnu, mamma mia,

ppi' bdari 'a calata, mi purtva...

e dd' 'a manu, allu cantu, mi tina;

 

di Donn' Antoni Fiori 'ndaffartu

chi ja di cc e ddi ll, di supra e ssutta,

guardandu startu 'i schetti e lli quatrari;

di Fhrancischiallu ch'assista lla grutta;

 

di Jacintu ch'all'rganu cantava:

Tu scendi dalle stelle, o Re del Cielo...:

e, ppinsndu, davanti all'acchji mia

m 'hju sinttu scndari 'nu velu...

 

Turnndu 'mbers''a porta ppi' nnisciri,

Sirgizzu miu m'ha ddittu: Pap, cingi...?!.

No, ca nun cingiu, fhigghjuma... ch' st'acchju

chi, nun scciu pirch, mi vrscia. ..e ccingi....

 


Vigilia di Natale

 

Alla chiesa, questa sera, di San Francesco, con mio figlio per mano, all'imbrunire, sono tornato, dopo 31 anni, per vedere la "calata" (discesa) dell'Angelo.

Al presepe, c'era - dentro la grotta - lo steeso Ges bambino grassottello, gli stessi S. Giuseppe e Madonna, lo stesso bue e lo stesso asinello.

E sopra la grotta, sparsi di qua e di l i pastori: la donna che porta il capretto, la vecchietta che, vedendo la stella si batte, inginocchiata sopra il petto;

le quattro lavandaie alla fiumara; la bambina con il mazzo di fiori; il pecoraio con la forma di cacio; lo stesso cane, lo stesso cacciatore;

il pastorello sotto un albero di quercia che si toglie la spina dal piede;il vecchiarello, che, per riposare, si appoggia ad un muretto per sedersi:

e da un lato - tra una mandria di vacche ed un gregge spaventato di pecorelle - i tre Re-Magi, tutti intabbarrati, a cavallo degli stessi tre cammelli...

Davanti alla grotta, mi sono ricordato di quando, ancora piccolo, mia madre mi portava per vedere la "calata" e mi teneva per mano accanto a s;

di don Antonio Fiore, che indaffarato, andava di qua e di l, sopra e sotto, guardando storto le ragazze da marito e i giovanotti; di Franceschello che assisteva la grotta (era addetto al funzionamento del meccanismo che faceva scendere l'angeelo sulla grotta;

di Giacinto (don Giacinto Greco) che cantava all'organo:" Tu scendi dalle stelle, o Re del Cielo...": e, preso dai ricordi, davanti agli occhi, mi son sentito scendere un velo...

Tornando verso la porta per uscire, il mio piccolo Sergio mi ha detto:"Pap, piangi...?!". "No,  non piango, figlio mio, quest'occhio, che, non so perch, mi brucia... e piange...".

 

'A VINTURA

Vattu alla porta mia, 'na sira 'i marzu,

'na zingarella squaza e appatiscita:

Uacchji di Cavaleri, 'un mi cacciri!

Pur'iu fhgghja di Ddiu sgnu niscita!

 

Dnami 'na vrascizza mu m'ascicu;

'un mi cacciri, tu, cumu 'nu cani!

'U vi'sugnu vagnata 'nsinc' all' ossa...

e ss ddua jarni chi nun pravu pani....

 

Quand'assittta accantu alla vrascera,

si risturu ddi carni, latti e ffacu...

e ssupra chilIa fhcci 'i madunnuzza

cumparu llu culuri a ppacu a ppacu:

 

Dmmi 'sta manu -dissi -o Cavaleri;

dmmi 'sta manu bella, o baruncinu:

mu ti ci laju, si lu va sapiri,

prima mu mi 'ndi vju, lu distinu.

 

Ma quand'ppi 'sta manu dintra 'i manu,

si fhici rrussa... pua 'ngialiniscu:

Bruttu distinu tni, o Cavaleri!

'nnu distinu bruttu cumu 'u miu...!

 

T' aspttanu jurnati di duluri

-c 'i gioji, si, ci su... ma nun su beri... -

t' aspttanu jurnati di duluri...

Bruttu distinu tni, o Cavaleri...!.

 

'A manu mi vasu, cc, duvi 'u signu

d' 'a vita avimu... e ssempri m'arricardu

chillu chi dissi pprima mu mi lssa:

D' 'u bbeni chi m'ha' fhattu, 'un mi 'ndi scardu!.

 

Oh, zingarella! Chi 'na sira 'i marzu

accantu a sta vrascera t'assittasti,

tuttu fu bberu chillu chi dicisti!

Oh, 'stu distinu miu cum' 'u 'ngagghjsti...!

 


La ventura

 

Buss alla mia porta, una sera di marzo, una zingarella scalza e malnutrita: "Occhi di Cavaliere, non mi scacciare! Anche io sono una creatura di Dio!

Dammi un po' di fuoco per asciugarmi, non scacciarmi come un cane! Lo vedi sono bagnata fino alle ossa... e sono due giorni che non tocco pane (non mangio )..."

Quando seduta vicino al braciere si ristor con carne, latte e fuoco...e su quel viso di piccola madonna ricomparve a poco a poco il colorito: "Dammi questa mano - disse - o Cavaliere; dammi questa mano bella, o baroncino: ti voglio leggere, se lo vuoi sapere, prima di andarmene, il destino".

Ma quando ebbe questa mano tra le sue mani, divenne rossa...poi impallid: "Brutto destino tieni, o Cavaliere! un destino brutto come il mio...!

Ti aspettano giorni di dolore - ch le gioe, s, ci sono...ma non sono vere...- ti aspettano giorni di dolore...Brutto destino, tieni, o Cavaliere...!"

Mi baci la mano, qua, dove abbiamo il segno della vita... e sempre mi ricordo quello che mi disse prima di lasciarmi:"Del bene che mi ha fatto, non me ne scordo!".

Oh, zingarella! Che una sera di marzo ti sedesti vicino a questo braciere, tutto si avver quello che dicesti! Oh, questo destino mio come lo indovinasti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'A VUCI

Ancora nninnu, di 'stu barcuni,

mentri cunzva lla Santa-Cruci,

di Catirina sinta lla vuci

ch'avanti 'a porta, supra 'u scaluni,

cantava -bella, tutta cuntenta,

chjna di vita -: -Juri di menta...

 

Ed iu lassva llu misurallu

chjnu di colla fhtta 'i fharina,

carti, cartuzzi, carta-vilina,

farbici e cchjva, spagu e mmartiallu,

mu santu ' a vuci -duci, sirena -

chi mi cantva: -Juri 'i virbena...

 

Iu, cchj nun fzzu mo' Santi-Cruci...

Tu, cchj nun cnti davant''a porta...

Sgnu turnatu, ma tu si mmorta...

E ssulu 'n cori mo' siantu 'a vuci

-chjra, 'ntunta, duci, cuntenta -

chi mi cantva: -Juri di menta...

 

Juri di menta... Juri 'i virbena...

Oh, chilla vuci duci e ccuntenta!

Juri 'i virbena... Juri di menta...

Oh, chilla vuci chira e ssirena!

L'hju cc dintra... L 'hju intr''o cori...:

'a sula cosa ch'ancora 'un mri!

 

 

 


 

La voce

Ancora piccolo, da questo balcone, mentre allestivo l'altarino della Santa Croce, sentivo la voce di Caterina che, sul gradino davanti alla soglia del suo basso, cantava - bella, contenta, piena di vita -:" Fiore di menta..."

Ed io lasciavo il misurino pieno di colla di farina, le carte, i ritagli di carta, la cartavelina, le forbici e i chiodi, lo spago e il martello, per ascoltare la voce - dolce e serena - che cantava per me: "Fiore di verbena..."

Io, ora pi non allesto l'altarino della Santa Croce... Tu, pi non canti davanti alla soglia... Sono tornato, ma tu sei morta...E solo nel cuore ora sento la voce - chiara, intonata, dolce e contenta- che cantava per me:"Fiore di menta..."

Fiore di menta... Fiore di verbena... Oh, quella voce dolce e contenta! Fiore di verbena...Fiore di menta...Oh, quella voce chiara e serena! L'ho qui dentro...l'ho nel cuore, la  sola cosa che ancora non muore!

 

CHINI DISSI CA CHI SPERA...

                                          (A T. T. )

Chini dissi ca chi spra...

si' ndi mri dispiratu

era 'nn-uaminu saputu:

'u cchju rrandi d' 'u Criatu!

 

Cumu 'm-patti, iu... jiari sira

m'aspittva 'i 'sti manuzzi

-ccu' llu zzccaru e llu meli -

'na quattrina 'i grispilluzzi"...

 

Cchi tt' aspatti...?! Cchi tti spari...?!

'Na sirata hju aspitttu!

D' 'i grispelli... 'un m' bintu

manc' 'a 'dduru d' 'u livatu...!

 

Cculla vucca, moni, asciutta,

per piansu: Mancu mali!

C 'i grispelli fhorsi 'i pravu

'sta vijilia di Natali....

 

E rringrziu 'u Patiternu

ca sta gula ssulu a mia...!

C 'nsammi vina a mmugghjrma...:

chini 'u sa... cchi ssuccida!!!

 

 

 


 

Chi disse che " chi spera...."

Chi disse che "chi spera...muore disperato" era un uomo saggio: il pi grande del Creato! Come infatti, io...ieri sera mi aspettavo da queste manine -con lo zucchero e il miele un po' di zeppolette...Che ti aspetti...?! Che cosa speri...?! Una sera ho aspettato! Delle zeppolette... non mi giunto nemmeno l'odore del lievito...! Con la bocca ora asciutta, adesso penso."Poco male! Ch le zeppole forse le provo questa vigilia di Natale...". E ringrazio il Padreterno che questo desiderio solo mio. Che non sia mai fosse venuto a mia moglie,,, chi lo sa che cosa sarebbe successo

'A CARRITTELLA

 

'Nd' ha' ragiuni mu cingi, o Fhrancischallu,

e mmu ti sgrgi cumu 'a fhimminella:

'nd'ha' ragiuni! T' mmartu 'u ciucciariallu

e ssula mo' rristta 'a carrittella.

 

Cingi, Fhranciscu, cingi! 'Stu duluri

pur'iu l'hju pruvtu dintr' 'o cari.

Ogni bbivu 'u cansci 'stu duluri

quand'ancunu, vicinu, c'... chi mri...

 

Puru 'stu cani... Puru 'sti sipali...

Puru 'st'acqua intra 'u catu ch' 'nna stizza...

Puru- 'u vidi, Fhranci'?! -'stu pitturali-

'stu 'mbastu, 'sta gavetta, 'sta capizza...

 

Gurda 'a carretta...! 'U cori ci si strzza!

Gurda, Fhranciscu! Gurda chilli sdanghi

chi su cchjantti all'aria cumu vrazza...

E ddicimi, Fhranciscu, si nun cingi...!

 

Puru ' a carretta tni -cchi tti cridi? -

tni 'nnu cori chi ridia e mmo' cingi...:

'nu cori cumu 'u tua, chi cingi e rridi...

'nu cori cumu 'u miu, chi ridi e ccingi...

 


La carrettella

 

Ne hai motivo per piangere, o "Franciscello" e per graffiarti il viso come una donnicciola; ne hai motivo, si! Ti morto il somarello ed ora sola rimasta la carrettella.

Piangi, Francesco, piangi! questo dolore pure io l'ho provato dentro il cuore. Ogni essere vivente lo conosce questo dolore, quando c' qualche parente che muore...

Anche questo cane...Anche questi pali da siepe...Anche quest'acqua dentro il secchio, che una goccia...Anche - lo vedi  Francesco?! - questo pettorale, questo basto, questa cavezza...

Guarda la carretta...! Il cuore le si straccia! Guarda, Franceso! Guarda quelle stanghe che sono alzate in aria come braccia...E dimmi, Francesco, se non piange...!

Anche la carretta tiene - che ti credi? - un cuore che rideva ed ora piange...: un cuore come il tuo che piange e ride... un cuore come il mio che ride e piange...

 

'U CARDILLUZZU

 

Cardilluzzu chi cnti intra 'sta caggia

allu fhiarru attaccta 'i 'nu barcuni,

cchi mmi va dri, tu, ccu' 'stu cu-cu..,

ogni bbota chi pssu d' 'u purtuni...?!

 

Tu vi di cc e ddi ll, sbattandu l'ali:

Cu-cu..., ma iu 'a capsciu 'sta parola!

'U scciu, 'u scciu tu cchi mmi va diri!

Tu mi va diri... ca di 'sta scagghjla,

 

di 'sta pmpina fhrisca di lattuca,

di' sta fhicuzza duci ' mpassulata

'un ti 'ndi 'mprta nnenti... Mi va diri

ch' 'a caggia rrandi, bella, ch' argintata,

 

ma ch' ssempri 'na caggia. E ddi 'na caggia,

tra fhiarru e ffiarru 'u suli 'un pssa e rrdi...

tra fhiarru e ffiarru l'aria ccumu 'a ngghja...

tra fhiarru e ffiarru 'u calu nun si vdi...

 

Chistu tu mi va dri, o cardilluzzu!

Mi va dri ca senza' a libirt

'un c' aria, 'un c' calu, nun c' ssuli...

Ch'intra 'na caggia 'un c' ffilicit...

 

Ma cchj ttardu, cchj ttardu... 'a porticella

-ppi' ccumu bbera'a luci 'i 'sta jurnata! -

parola mia, ti rpiru d' 'a cggia!

Ni vidmu cchj ttardu: alla passata!!!

 

 

 


 

Il Cardellino

Cardellino che canti in questa gabbia legata ai ferri di un balcone, che cosa mi vuoi dire, tu con questo tuo "cu cu...", ogni qual volta passo dal portone...?! tu vai di qua e di l, sbattendo le ali:"C, c", ma io le capisco queste parole! Lo so, lo so tu che mi vuoi dire! tu  mi vuoi dire... che di questa scagliola, di questa foglia fresca di lattuga, di questa piccola fico dolce e appassita non te ne importa niente...Mi vuoi dire che la gabbia grande, bella, che argentata, ma che comunque una gabbia. E da una gabbia, tra ferro e ferro il sole non passa e non ride...tra ferro e ferro l'aria come la nebbia...tra ferro e ferro il cielo non si vede...Questo tu mi vuoi dire, o cardellino! Mi vuoi dire che senza la libert non c' aria, non c' cielo, non c' sole...che dentro una gabbia non c' felicit... ma pi tardi, pi tardi...la porticina - per come vera la luce di questa giornata! - ti do la mia parola, ti faccio uscire dalla gabbia! Ci vediamo, pi tardi: quando ripasso!!!.

 

CICCU-TONNU

Tc! Tc! Tc!

Sempri accuss abbussva Ciccu-Tonnu

quandu alla casa mia, doppu mangiatu,

si prisintva ccu' llu salaturu

mu cerca nnu vuccuni 'i cucinatu.

 

Signuri', oji mmarti 'i Sant' Antoni...!

sempri dica di sutta allu purtuni;

e mmarti era ogni ssbatu ppid'illu,

e mmarti era llu vnnari e llu luni.

 

Tc! Tc! Tc!

Ed iu curra mmu rpiru, quatraru

-'nu quatrarallu ccu' lli cazi curti-:

Oh, Ciccu-To'! M' 'a cnti 'a canzunella

d' 'u gallu chi pirdisti dintra l'arti...?!.

 

E ci pruja ddua sordi all'ammuccini.

Ciccu-Tonnu si rapira llu mantu...

stinda lla manu aperta...e rrispunda:

Se, ca t' 'a cntu, fhigghjuma, t' 'a cntu!.

 

E ccuminciva: E cchi-ri, chi-ri, chi-ri...

e cchi-ri, chi-ri, chi-ri, chi-ri-c...

L' aviti vistu vua, cummari Rosa,

lu miu gallettu passri di cc...?.

 

E lla durva -Chi-ri... chi-ri... chi-ri...

ppi' qquantu jatu ava dintra i purmuni;

...e cchi-ri, chi-ri, chi-ri, chi-ri-c...:

si sinta ppuru fhora d' 'u purtuni.

 

Tc! Tc! Tc!

Oh, Ciccu-Tonnu! Prica ti viju

ancora mo', ccu' cchillu mantu arrota:

oji ch' mmarti, marti 'i Sant' Antoni!

Per... mo nun cchj cumu na vota...!

 

A' stu purtuni duvi tu abbussvi

ogni bbotta tri bboti e ssempri fhorti,

vatttu ha ppuru-ccu' 'nna bbotta 'a vota,

ma ppi' ttri bboti - chjnu chjnu...'a Morti.

 

 

 


 

Ciccu-Tonnu (Francesco Antonio)

Toc! Toc! Toc! sempre cos bussava Ciccu-Tonnu, quando a casa mia, dopo pranzo si presentava con il recipiente di terracotta  per cercare un boccone di cibo caldo."Signorino, oggi marted di Sant'Antonio...!" diceva sempre da sotto al portone; e marted era ogni sabato per lui, e marted era il venerd ed il luned. Toc! Toc! Toc! Ed io correvo ad aprire, ragazzo - un ragazzo con i calzoni corti- "Oh, Ciccu-To'! Me la canti la canzoncina del gallo che perdesti dentro l'orto...?!" E gli porgevo due soldi di nascosto. Cicco-Tonno si apriva il mantello, stendeva la mano aperta...e rispondeva: "Si,che te la canto, figlio mio, te la canto!" E cominciava:E cchi-ri, chi-ri, chi-ri...e cchi-ri, chi-ri, chi-ri, chi-ri-c... L'avete visto voi, comare Rosa, il mio galletto passare di qua?..." E continuava -Chi-ri... chi-ri... chi-ri... per quanto fiato aveva nei polmoni;...e cchi-ri, chi-ri, chi-ri, chi-ri-c...: si sentiva anche fuori dal portone.Tc! Tc! Tc! Oh, Cicco-Tonno mi sembra di vederti ancora adesso, con quel mantello a ruota: oggi che marted, marted di Sant'Antonio! Per... ora non pi come allora...! A questo portone, dove tu bussavi ogni volta tre volte e sempre forte ha pure bussato - con un colpo per volta, ma per tre volte - piano, piano... la Morte.

FHlLICIUZZU D' 'A VALERA

                     (A Giovanni Esposito)

Ti saltu, Giua'! Ti 'ndi ricardi

d' 'u fhgghju d' 'a Valera: 'i Fhilicizzu?!

L'haju vistu mo' mo'. Ja 'mbers' 'a Posta.

Era ccu' Ccicciu Gatti e ccu' Tturzzu.

 

'U si, Giua', ca 'un- ccangitu 'i nenti?

ssempr' 'u stessu! Appena l'hju vistu

mi sgnu ricurdtu di quand'era

guagghjni e ttu 'u chjamvi Ges-Cristu.

 

Ci l'hju dittu, 'u si? Illu ha rridtu;

prpriu cumu rida quand'era nninnu:

'a stessa risatella! T''a ricardi

chilla risata chi para 'nnu 'ntinnu?!

 

'Nd'amu fhttu, Giua', di bagattella

quand'ramu guagghjuni: iu, tu, Fhilici,

Ciccillu Gatti,fhrtimma, Micheli...

Ed ramu, Giua', cumu 'na pici,

 

cumu 'na pigna. Di', ti 'ndi ricardi

quand'ammucciti arratu d' 'u barcuni

tirvamu pastilli e ppumadari

a cchini ni passva dd' 'u purtuni...?

 

T' 'u ricardi, Giua'?! Quantu risati!

E quandu 'i supr'Ariella o arriatu 'u muru

ni divirtiamu mu tirmu 'u lazzu

attacctu, Giua', a 'nnu vattituru,

 

t' 'u ricardi...? Quant'anni su passati!

Tandu campva ancora Ndon Fillci,

'a bon'nima 'i Donna Fhilicizza;

campva mmamma mia! Tiampi fhilci!

 

Mo' ni rsta, Giua', sulu 'u ricardu

'i chilli tiampi: quandu, ogni Nnatali,

ptrimma mi fhaca chillu prisepi

chi pigghjva lla cmbara 'i mangiri...

 

quandu fhaciamu, a mmaju, 'a Santa-Cruci...

o quandu Fhilumena d' 'a Valera

ni cuntava ogni ssira na rumanza,

allu cantu assittti d' 'a vrascera...

 

o quandu mamma mia -Oh, chilli manu...! -

assista ddintr' 'a loggia chilla rosa

ppi' ci dri 'nu juri alla Madonna...

Giua', Giua'...! Parrmu 'i 'natra cosa...!

 

 


Felice della Valera

Ti saluto, Giova' ! Ti ricordi del figlio della Valera: di Felice?! L'ho visto adesso adesso. Andava verso la Posta. Era con Ciccio e Salvatore. Lo sai, Giova', che non cambiato affatto? sempre lo stesso! Appena l'ho visto mi sono ricordato di quand'era ragazzo e tu lo chiamavi "Ges-Cristo". Glielo ho detto, lo sai? Ed egli ha riso, proprio come rideva quand'era piccolo: la stessa risatina! Te la ricordi quella risata che sembrava uno squillo?! Ne abbiamo fatto, Giova', di chiasso: io, tu, Felice, Ciccillo Gatti, mio Fratello, Michele...Ed eravamo, Giova', (sempre insieme) come incollati con la colla di pece, come pinoli in una pigna. Dimmi, te ne ricordi quando nascosti dietro al balcone tiravamo castagne essiccate e pomodori a chi passava davanti al portone...? Ti ricordi, Giova'!? Quante risate! E quando da sopra l' "Ariella" o da dietro al muro ci divertivamo a tirare il laccio legato ad un battiporta, ti ricordi...? Quanti anni sono passati! Allora viveva ancora Don Felice, la buon'anima di Donna Felicetta; viveva mamma mia! Tempi felici! Ora ci resta, Giova', soltnto il ricordo di quei tempi: qundo, ogni Natale, mio padre costruiva quel grande presepe che occupava l'intera camera da pranzo..., quando facevamo- a maggio, la La "Santa Croce" (L' altarino con la Croce)...o quando Filomena della Valera mi raccontava ogni sera una fiaba, seduti intorno al braciere....o quando mia madre - oh quella mano...! - assisteva nella loggia quella pianta di rose per dare un fiore alla Madonna...Giova', Giova'...! Parliamo d'altre cose.

 

GRISPILLUZZI 'I NATALI

                                       (A T. T. )

Cumu su belli... cumu su dduci...

prinu d'oru 'sti grispilluzzi...!

Chin'ha 'mpastti, chin'ha ffrijti...?

O, biniditti chilli manuzzi...!

Cartu 'na Fhata ci ha mmsu manu:

chi l'ha 'mpastti ccu' mmeli e jjtu...

chi l'ha cculti dintr' 'a  frissura:

ppi' cchini ancora nun ha mmangitu...!

 

 


 

Zeppolette di Natale

 

Come son belle...come son dolci...sembrano d'oro queste zeppolette...!Chi le ha impastate, chi le ha fritte...? O, benedette quelle manine...!

Certamente una fata ci ha messo mano: chi le ha impastate con miele e fiato (con forza tale da provocare il sopraffiato)... Chi le ha versate nella padella: per chi ancora non ha mangiato...!

 

 

DONNA 'MALIA MINDICINU

                       (A mia sorella Dora)

Vinia, quand ' ra nninnu, a nni truvri,

di tantu 'n tantu, 'Mlia Mindicinu.

Pric' 'a viju mo': 'n giru allu callu,

'nu pilsciu spinntu, l'umbrillinu

 

ccu' 'nnu mnicu langu menza canna,

'a fhacci longa sutt'a 'nna viletta,

'u cappilluzzu ccu' ddua pinni... musci,

'a vurza chi para 'nna balicetta...

 

Ja, Donna 'Mlia, ccu' lla moda antica:

ccu' lla moda d' 'u sculu passatu...

E ppurtva llu stampu, 'i chilli tiampi,

sutta 'u pumillu, cc: 'nu nu 'mpacchjtu.

 

Pric' 'a viju mo'! Trasa ddiritta,

diritta si 'mpilva intr' 'a cucina...

e ccud'illa trasa 'nnu tampu 'i chisu,

di tampu anticu, di niffittillna...

 

Dori', Dori': cchid' chi m'ha' stiptu...?!.

(Era lliscitta 'Mlia Mindicinu...

liscitta cchj ddi mia ch'era gguagghjni...!).

A 'nnu cantu pusva Il'umbrillinu,

 

'u pilsciu spinntu, ' a vurza, i guanti

senza jirita fhtti all'uncinettu,

s'anchjanva llu velu supr' 'a fhrunti,

'u fhirmva rricatu a 'nnu fhirrettu...

 

e mmentri si muva, chilli dua pinni

ci janu 'i cc e ddi ll, di supra e ssutta,

avanti e arratu...: dua pinnuzzi musci,

sculurisciti, ccu' lla punta rutta...

 

Pric' 'a vju mo'! C'era intra l'acchji

'i Donna 'Mlia cumu 'nu ricardu,

cumu 'na pena, cumu 'nu pinsaru,

cumu 'nu sannu... E ssi sinta 'nn-accardu

 

l'acchji ci si fhacanu nninni nninni,

duci, lucenti... Cchi tt'arricurdva

chill'accardu 'i chitarra, o Donna 'Ma'...?

Chi sa... chi sa cchid' chi ti passva,

 

Donna 'Ma, ppi'llu cori?! Nu ricuardu...:

'Nu ricardu luntanu 'i giuvinella...

'Nu ricardu luntanu 'i sirinata...

'Nu ricardu d' 'u tampu ch'eri bella...

 

Pric' 'a viju mo'! Ccu' ll'acchji russi,

affritta, si vasciva lla viletta:

Mi 'ndi vju, Dori'! Tarnu dumani.

Si ricugghja lla vurza a balicetta,

 

u' 'mbrillinu, 'u pilsciu: Bona-sira...!.

E dd'illa ni ristava intr' 'a cucina,

intra 'u passettu, chillu tampu 'i chjsu,

di tampu anticu, di niffittillna...

 


Donna Amalia Mendicino

Veniva, qund'ero piccolo a trovarci, donna Amalia Mendicino. Mi sembra  di vederla adesso:intorno al collo una pelliccetta spennata,l'ombrellino con un manico lungo mezza canna,  il viso lungo sotto una veletta, il cappellino con due penne flosce, la borsa che sembrava una valigetta...Andava donna Amalia con la moda antica:con la moda del secolo passato...E portava lo stampo di quei tempi, sotto lo zigomo,qua:un  neo appicicato. Mi sembra di vederla adesso! Entrava difilato, e subito s'infilava nella cucina...e con lei entrava un odore di chiuso, di tempo antico, di naftalina..."Dor, Dor:cos' che mi hai conservato...?!". (Era golosa Amalia Mendicino...golosa pi di me ch'ero bambino...!). Posava l'ombrellino in un angolo, la pelliccetta spelacchiata, la borsa, i guanti senza dita fatti all'uncinetto, si tirava  la veletta sulla fronte, la fissava dopo averla raccolta ad un ferretto... e mentre si muoveva, quelle due pinne andavano di qua e di l, di sopra e di sotto, avanti e indietro...:due pennuzze flosce, scolorite, con la punta rotta...Mi sembra di vederla adesso! C'era negli occhi di donna Amalia come un ricordo,come una pena, come un pensiero, come un sogno...E se sentiva un accordo gli occhi le diventavano piccoli, piccoli, dolci, lucenti...Cosa ti ricordava quel suono di chitarra, o donna Amalia...? Chi lo sa...chi lo sa cosa ti passava, o donna Amalia, per il cuore?! Un ricordo...:Un ricordo lontano di giovinetta...Un lontano ricordo di serenata...Un ricordo di quando eri bella...Mi sembra di vederla adesso! Con gli occhi rossi,  triste, si abbassava la veletta:"Me ne vado, Dor! Torno domani". Raccoglieva la borsa a valigetta, l'ombrellino, la pelliccetta:"Buona sera...!" E di lei restava nella cucina, nel pianerottolo, quell'odore di chiuso, di tempo antico, di naftalina...

 

'A MIDICINA

 

Si ti pgghja ttuarcicallu

o ti santi sdirrinatu;

si ti cgghji, ppi' llu rallu

d' 'i cirasa ch'ha' mangiatu,

 

'na diarrea chi nun ha ffini;

si ti dlinu 'i 'ngingghji,

'a cudilla o puru i rini

o si' a fhrevi ancora sgghji;

 

si ti trci ddgghja 'i panza

o ppi' cclichi ti dnni

o, parrndu ccu' ccrianza,

di murridi saffri ad anni;

 

si 'u cirvallu ti fha ppussu

o ti cgghji llu muntuni;

si ti spoca ttuttu u mussu;

si t' azznna ' nnu curzuni;

 

si ti santi tutta 'a crozza

cumu d'mitu abbuffta

o jujjati i cannarozza

o 'n'aricchja t"e ggigghjta;

 

si ti pgghja lla frussioni

e llu nasu cla e scla;

si ti chjmpi ' nna gnizioni

o 'i mangiari 'un tani gula

 

c ti vni llu ristarnu;

si ti fhti ttantu 'u jatu

chi nissunu ti sta' ntarnu

ed appasti 'u vicinatu:

 

ballu miu, nun dispirri!

Senza prughi, n ddicotti,

senza 'mpistri, n ccirotti,

tuttu, tuttu p ppassri...!

 

C' 'nna sula midicina:

ed lla...pinicillina!!!

 


La medicina

Se ti piglia un torcicollo o ti senti  tutto indolenzito, o se ti prende, per la grande quantit di ciliege che hai mangiato, una diarrea senza fine; se ti dolgono gli inguini, la schiena o anche le reni o se la febbre ancora sale; se un dolore di pancia ti fa torcere o soffri per coliche o, parlando con decenza soffri da anni di emorroidi; se il cervello ti va in suppurazione, o ti coglie la pertosse; se ti esce un erpes sulle labra; se ti morde una serpe; se ti senti la testa come gonfia di umidit o la gola gonfia o un'orecchia ti gigliata( piena di pustole); se ti piglia l'influenza  ed il naso gocciola; se ti suppura un'inezione o non hai voglia di mangiare perch ti viene il vomito; se ti puzza  il fiato tanto che nessuno ti sta attorno ed appesti il vicinato: bello mio, non disperare! Senza purghe, n decotti, senza impiastri n cerotti, tutto, tutto pu passare...!C' una sola medicina ed la...penicellina!!!

 

MIGNI-MOGNI

 

Iu pssu, 'u jarnu, e spssu di 'sta chjzza,

per cchj nun t'affrntu, o 'Ntonarallu!

Ti viju sulamenti intra 'u ritrattu

chi tni Centuvinti: 'u bbirrittallu

 

caltu supr' 'a 'ricchji a ccajullla

e lla visera a ffurma 'i ciaramru;

'u giacchittuni 'nsinca alli dincchja;

sbracatu 'u pantaluni e ssenza giru;

 

'i scarpi scarcagnti e lli quazatti

sculurisciti e ssenza cchj ggarruni;

'a scolla russa chi sapa llu tampu

'i quandu Centuvinti era gguagghjni...

 

'Un ci lu fhi mo' cchj 'nu pizzu-a-rrisu

alla signurinella chi spassjia. ..!

Di ta mo' rsta ssulu 'nu ritrattu

chi dintra 'i 'na vitrina ridi e spja...

 

'Nu ritrattallu dintra a 'nna vitrina,

cc, duvi i vivi pssanu fumndu...

'Na cruci 'n terra dintra 'u campusantu,

ll, duvi i marti stnu ripusandu...

 


Migni-Mogni (Soprannome di un giovane portatore di handicap, derivato per onomatopeia dai suoni inarticolati emessi nello sforzo di parlare.)

Passo, durante il giorno, e ripasso da questa piazza, per non ti incontro pi, o "Ntonariallu" (diminuitivo di Antonio)! Ti vedo solamente nel ritratto che tiene " Centoventi"( Soprannome del titolare della tabaccheria di Corso Numistrano. Persona molto buona e piena di umanit che spesso andava incontro ai bisogni del povero giovane.):il berrettuccio , piatto, calato sulle orecchie e la visiera a forma di tegola; una grande giacca lunga sino alle ginocchia; i pantaloni sbracati e senza risvolti; le scarpe sformate e le calze scolorite e senza pi calcagno; la cravatta rossa che conosceva i tempi di quando "Centoventi" era giovane...Non ce lo fai ora pi un sorriso alla signorinella che passeggiava...! Di te resta ora solo un ritratto che da dentro una vetrina ride e spia...Un piccolo ritratto dentro una vetrina, qui, dove i vivi passano fumando... Una croce a terra dentro il camposanto, l dove i morti stanno riposando...

 

NICOLA D' 'U PIZZU

 

Manindu mundizzi

ppi' ccgghjari pezzi;

vindandu strifhizzi,

cascitti e mmarzzi:

Nicola d' 'u Pizzu

s' ffttu 'u palazzu,

s' fftta 'a carrozza,

s' ffttu 'u mustazzu,

di sordi ha' nnu puzzu.

 

Iu sdu, m'ammzzu

chi cchj nnu' 'ndi pazzu:

'ntramenti cchi ffzzu...?

Chj ttiru ' a capizza,

fatgu e mmi strzzu,

cchj rrastu 'na pezza...:

'un tagnu palazzu,

'un tagnu carrozza,

'un tagnu. ..mustazzu.

 

M'ha ddittu Turuzzu

ajari alla chjzza,

vicinu 'u palazzu

di Cola d' 'u Pizzu:

Ti santi na pezza...?!

Tu tani 'na crozza!

Chi rsta strifhzzu

ccu' ttuttu 'u palazzu,

ccu' ttutta ' a carrozza,

 

ccu ttuttu u mustazzu,

ccu ll'oru d' 'u puzzu...

Ccola d' 'u Pizzu:

t' 'u dici Tturuzzu!.

 


Nicola di Pizzo (Calabro)

Maneggiando immondizie per raccogliere pezze; vendendo cenci, scatole e lumache: Nicola di Pizzo si fatto un palazzo, si fatta la carrozza, si fatto crescere i baffi, di soldi ne ha un pozzo.

Io sudo, mi ammazzo che pi non ne posso: ed intanto che faccio...? Pi tiro la cavezza, lavoro e mi faccio a pezzi, pi resto uno straccio...: non ho palazzo, non ho carrozza, non ho... baffi.

Mi ha detto "Turuzzu" (dim. di Salvatore) ieri in piazza, vicino al palazzo di Cola di Pizzo:"Ti senti di essere una pezza...?! Tu hai una testa! Chi resta un cencio con tutto il palazzo, con tutta la carrozza, con tutti i baffi, con l'oro del pozzo... Cola di Pizzo: te lo dice ' Turuzzu ' !"....

 

'U SALOTTU 'I DONNA CICCIA

 

'Na purtera, alla bssula, 'i villutu:

cc spinnatu, cchj ll sculuriscitu;

 

alla fhurnesta chjsa, dirimpettu,

dua tindinelli gialli, all'uncinettu.

 

Di 'nu suffittu -duvi 'nu pitturi

si sbizzarru mu pitta stilIi e jjri

 

e dduvi -tra muntagni, luna e mmari -

hnu pittatu, mo', puru i vuttari -

 

pndi ' nnu lampadriu rilucenti,

tuttu pindgghji 'i vitru trasparenti.

 

Sutta 'nu quatru ad agghju di 'nu santu,

dua poltroni ci su, misi a 'nnu cantu;

 

ammanzu, ccu' ttri ppadi, 'nu tundinu

e, ssupra, 'nu ritrattu e 'nnu cintrinu.

 

All'ngulu, cchj ll, 'na cristallera:

sia bicchirini 'm-pila, 'a caffittera,

 

'i tazzi d' 'u cafh, sia cucchjarini,

'na guantirella ccu' lli sarviittini,

 

'na bumbunara antica di cristallu,

'na bbuttigghjlla ccu' rrosliu giallu.

 

'M-pacci alli dua poltroni, all'atru muru:

'nu tavulinu, ccu' 'nnu tiraturu;

 

supra, startu chi pri ca mo' tmba,

'nu fhongrafu anticu ccu' lla trumba.

 

Cchj ll, ' nu stipiciallu a biruncinu,

ccu' 'nna lampa allu quatru 'i San Martinu.

 

'Un c' 'nna seggia, si ti va sidri;

ci su, pper, ritratti a nnun finiri...

 

Su mmsi 'm-pila, ppi' lli quattru mura:

'u ritrattu d' 'u Rre, chillu d' 'a Gnura

 

('i Donna Ciccia}, chillu d' 'u Baruni

bon'nima, 'u ritrattu 'i 'nu guagghjni

 

ccu' 'nn-abiticchju br alla marinara,

trallatu 'nu ritrattu di quatrara...

 

Ritratti antichi, vacchji, sculuriti...

Ritratti 'i marti: marti e ssippillti...

 

ddintr' 'a muffa 'i 'stu salottu scuru

-ccu' 'sti ritratti antichi muru muru -

 

chi Donna Ciccia asptta llu distinu:

l'asptta, tra ricardi duci e amari,

 

lijandu 'i littirelli d'i quatrari

chi tni cchjsi dintra 'u biruncinu...

 


Il salotto di donna Ciccia (Francesca)

Un tendaggio, alla porta, di velluto, qui spelacchiato, p in l scolorito; alla finestra chiusa, di fronte, due piccole tendine gialle, lavorate all'uncinetto. Da un soffitto - dove un pittore si sbizzarr a dipingere stelle e fiori e dove ' tra montagne, luna e mare ' hanno dipinto pure le infiltrazioni d'acqua - pende un lampadario lucente tutto adorno di pendagli di vetro trasparente. Sotto un quadro ad olio di un santo, ci sono due poltrone messe in un angolo; in mezzo, un tondino con tre piedi (piccolo tavolo) e sopra un ritratto ed un centrino. All'angolo, pi in l, una cristalliera, sei bicchierini in fila, la caffettiera, le tazze del caff, sei cucchiaini, un piccola guantiera (vassoio) con le salviette (tovaglioli), una bottiglina col rosolio giallo (liquore a bassa gradazione, molto dolce). Di fronte alle due poltrone, all'altra parete: un tavolino con un tiretto; sopra, storto che sembra di stare per cadere, un fonografo antico con la tromba. Pi in l, uno stipetto a scrittoio con una lampada al quadro di S. Martino. Non c' una sedia, se ti vuoi sedere; ci sono per ritratti a non finire... Sono messi in filla sulle quattro pareti: il ritratto del Re, quello della Signora (di Donna Ciccia), quello del Barone, buon'anima, il ritratto di un bambino con un abituccio blu alla marinara, un ritratto tarlato di ragazza... Ritratti antichi, vecchi, scoloriti... Ritratti di gente morta, morta e sepolta... E' dentro la muffa di questo salotto - con questi ritratti antichi lungo le pareti - che Donna Ciccia aspetta il destino: l'aspetta tra ricordi dolci e amari, leggendo le letterine dei suoi ammiratori che tiene chiuse nello scrittoio...

 

'U RITRATTU

Girandu ammanzu a tanti cosi vecchji,

hju truvtu ajari 'nu ritrattu:

tralltu sculuritu, consumtu...

e ccunturntu 'i 'mpacchjatni 'i vrattu.

 

L 'hju tintu 'n manu ppi' 'nnu pazzu

e mm'hju cantu voti dumandatu,

vutndulu e girndulu 'i cc e ll:

Chin'... 'stu mascaruni rusicatu...?!

 

E ffigghjuma chi m'era ll, allu cantu,

m' ' ppigghjtu d' 'i manu, l'ha gguardtu...

e rridandu m'ha ddittu: -'Un lu cansci!

Pap... si ttu...! Vistutu di surdatu...!

 

Ed iu, murtifictu: -Guarda tu...!

Fhigghju, cchi ba...!? Nun mi canusciu cchj...!

 

 


Il ritratto

Rovistando fra tante cose vecchie, ho trovato ieri un ritratto: tarlato scololorito, consumato... e contornato da porcherie di blatta. L'ho tenuto in mano per un po' e mi sono domandato cento volte, voltandolo e rigirandolo di qua e di l - Chi questo mascherone rosicchiato...?! E mio figlio che mi era vicino, me l'ha preso dalle mani, l'ha guardato...e ridendo mi ha detto: -Non lo conosci! Pap...sei tu...! Vestito da soldato...! Ed io , mortificato:- Guarda tu...! Figlio(mio), che vuoi...!?   Non mi riconosco pi...!

 

'U PRIMU AMURI

 

A prima vota chi ni 'ncuntrmmi,

fhu ssutta l'arcu di 'na vinella.

'I prscia, 'i prscia -pigghjati e ddmmi-

iu ci prujivi 'na littirella:

'na littirella chi 'n-atru pacu,

tantu era ardenti, pigghjva ffacu.

 

'Un ni stringimmi nemmenu 'a manu.

Nenti: nemmenu 'na parulicchja.

Sul'illa dissi: Ciau..., chjnu chjnu.

Iu avia 'nnu rumbu, cc, dintr''a 'ricchja:

'nu rumbu 'i tranu, di tirrimatu...

E lla guardava ccumu 'nu ciatu...

 

Paria 'nna rosa, tantu era bella

-'na rosa 'i maju: fhrisca, addurusa -,

'na spera 'i suli, 'na madunnella...

Ma ccu' lla capu tutta cumpusa,

ma ccu' llu cori chi mi vatta,

mi truvi sulu, ll, 'n-mianzu 'a via,

 

mentri 'na vecchja sutta 'na porta

-brutta, sdintata, lorda, fhitusa,

'na fhacci longa jnca di morta,

'u mantisinu chjnu 'i linusa -

mi ja gguardandu ccu' ll'acchju startu:

acchji 'ncavti, acchji di martu.

 

Mentri era ancora dintr''a vinella,

mentri pinsva: Cum'era brutta!,

ja ppua diciandu: Cum'era bella!.

E ddintra 'u cori, di sutta-sutta,

mo' s'affacciva lla vecchjarlla,

mo' s'affacciva lla giuvinella...

 

Sinta 'nna vuci cingiari chjnu,

sinta 'nna vuci rdari fhorti...

Longa ed ussuta vida lla manu,

'a manu ussuta longa d''a morti...

Vida 'nna rosa... Sinta 'nn-addri...

Vida llu suli d''u primu amuri...

 


Il primo amore

La prima volta che ci incontrammo fu sotto l'arco di una viuzza. In fretta, in fretta -giusto il tempo di prendere e dare- io le porsi una lettera: una lettera che un altro poco, tanto era calda (di passione), prendeva fuoco.

Non ci stringemmo nemmeno la mano. Niente: nemmeno una parolina. Ella  soltanto disse:"Ciao...", piano piano. Io avevo un rombo, qui, nell'orecchio: un rombo di tuono, di terremoto...E la guardavo (intontito) come un ebete.

Sembrava una rosa, tanto era bella - una rosa di maggio: fresca, odorosa -, un raggio di sole, una madonna...Ma con la testa confusa, col cuore che mi batteva (forte), mi trovai solo, l, in mezzo alla via, mentre una vecchia - brutta, sporca, sudicia, col viso lungo e cereo, il grembiule coperto di sfilacci di lino- dalla soglia di una porta mi andava guardando con occhi privi di benevolenza: occhi incavati, occhi di morto.

Mentre ero ancora nella viuzza, mentre pensavo: "Com''era brutta!", andavo poi dicendo: "Com'era bella!". E dentro il cuore, di soppiatto si alternavano ora l'immagine della vecchia, ora l'immagine della giovane...

Sentivo una voce piangere piano, sentivo una voce ridere forte...Lunga ed ossuta vedevo la mano, la mano ossuta lunga della morte...Vedevo una rosa...Sentivo un profumo...Vedevo il sole del primo amore...

 

 

'U SUANNU

                    (A Giovanni Esposito)

 

M'hju sunntu, 'mbers' 'a matinata,

ch' a' nna vota, accuss, senza ragiuni...

ava ffttu 'na fhacci 'mprivitata,

'na fhacci tunda cumu 'nu miluni.

 

'Ncuntrndumi, Giu, tu mi dicisti,

tuttu maravigghjtu: Cch' ssuccssu...?!

S jjujjtu a 'nna vota! E cchi ffacsti,

di jari ad oji, ch' 'un s cchj llu stessu...!?.

 

Cchi ba ppimmu ti dcu... Scciu sulu

ca sgnu accuss grassu ch'hju 'a 'ffannu...

ca 'i stamatina di suduri sclu...

e pp lla chjna -'u vi'! -di 'stu malannu,

 

mancu mi si' mbuttna cchj 'a pistagna...

e mmi strngi, Giua', d'accuss fforti

ca, 'i sutta e ssupra, 'u callu mi si 'ncgna

ch'ad ogni ssuspirata vju 'a morti.

 

Chistu 'u sannu, Giua'! E 'un ci fha nnenti,

'nsinc'a qquandu 'nnu sannu, pirch 'm-pini

mali 'un d'ha ffttu, n 'ndi fha, alla genti:

ma diventa 'nnu guaju si, alla fhini,

 

ti travi, cumu a mmia, pua risbigghjtu:

ccu' 'nnu duluri dintra 'i cannarozza...

'nu gangularu tastu ed abbufftu...

e' nna mazza chi vtti dintra 'a crozza...

 

 


Il sogno

Ho sognato, sul far del mattino, che d'un tratto, cos, senza

ragione...avevo fatto una faccia da prete, una faccia tonda come un cocomero. Incontrandomi, Giov, tu mi dicesti, pieno di meraviglia:" Cos' successo...?! Sei gonfiato di colpo! E cosa hai fatto da ieri ad oggi, che non sei pi lo stesso...!?"

" Che vuoi che ti dica...So solo che sono cos grasso ed ho l'affanno... che da stamattina grondo di sudore...e per il guaio - lo vedi - di questo malanno, non mi si abbottona pi il colletto della camicia...e mi stringe,Giov, cos forte che il ollo mi si gonfia di sotto e di sopra che ad ogni suspiro vedo la morte". Questo il sogno,Giov! E poco male fino a quando un sogno, perch, infine, male non ne ha fatto, n ne fa alla

gente: ma diventa un guaio se alla fine ti trovi come me, poi, risvegliato: con un dolore nella gola... le guance dure e gonfie... ed un martello che batte nella testa..! Ed io ,mortificato:- Guarda tu...! Figlio(mio),che vuoi...!? Non mi riconosco pi...!

 

VINT'ANNI

Vint'anni arratu: tutt''u misi 'i maju

iu mi cunzva, o Rosa, a 'sta culonna...

e ttu, 'm-pacci allu prpitu, cchj lladi,

duvi si mmo', vicinu alla Madonna.

 

Fratelli pridicva Ndon Pippinu,

tutt'arzillu, d' 'u prpitu: Fratelli...,

e ttu ogni ttantu, o Rosa, ti vutvi

e mmi guardvi ccu' cchill'acchji belli.

 

Ti vagghju bbeni! mi dicianu l'acchji;

Ti vagghju bbeni! rispundianu i mia;

e Ndon Pippinu: Questo, o miei fratelli,

il mese della Vergine Maria....

 

Vint'anni arratu! Tu, ogni ssira, o Rosa,

passandu virgugnsa ammianzu i banchi,

alli piadi pusvi d' 'a Madonna

'nu mazzu 'i rosi: rosi russi e jjnchi.

 

Vint' anni arratu! Ed iu stasira, o Rosa,

mi canzu, cumu tandu, a 'sta culonna,

ppimmu ti gurdu... E ccumu tandu, ancora,

dunri t'hju vistu alla Madonna

 

-passandu virgugnsa ammianzu i banchi -

tra 'na bbotta di chjntu e 'nn'atra 'i tussi,

dunri t'hju vistu alla Madonna. ..

'nu mazzu 'i rosi: rosi jnchi e rrussi.

 

D''a Mmaculata lci ssupr''a capu

chilla stessa curuna ftta 'i stilli;

di fhila d'oru, a ttia, lci llu velu...

di fhila 'a 'rgantu lcinu i capilli...

 

D' 'u prpitu Ndon Peppi -'a capu jnca,

'a fhacci gialla cumu 'na luma -

ha ccumincitu: Questo, o miei fratelli...

il mese della Vergine Maria....

 

Tu m'ha' guardtu... e mm'hnu dittu 'st' acchji:

Sapissi, intra 'stu cori, quantu chjntu...!.

E ddintra 'u piattu, o Rosa, hju sinttu

riptari 'na vuci: Quantu chjntu...!.

 


Vent'anni

Vent'anni addietro: tutto il mese di maggio, io mi mettevo ,o Rosa, appoggiato a questa colonna e tu pi in l, di fronte al pulpito,  dove sei ora, vicino alla Madonna.

"Fratelli" predicava don Peppino, ancora giovane, dal pulpito:"Fratelli...", e tu di tanto in tanto, o Rosa, ti giravi e mi guardavi con  i tuoi begli occhi.

"Ti voglio bene!" mi dicevano gli occh; "Ti voglio bene!" rispondevano i miei; e don Peppino:"Questo, o miei fratelli, il mese della Vergine Maria...".

Vent'anni addietro! Tu ogni sera, passando timida tra i banchi, posavi ai piedi della Madonna un mazzo di rose rosse e bianche.

Vent'anni addietro! Ed io questa sera, o Rosa, mi metto, come allora, appoggiato a questa colonna, per guardarti... E come allora, ti ho visto ancora donare alla Madonna

- passando timida in mezzo ai banchi - tra uno scoppio di pianto ed un colpo di tosse, donare t'ho visto alla Madomma...un mazzo di rose: rose bianche e rosse.

Sulla testa dell'Immacolata splende quella corona fatta di stelle; di fili d'oro, a te riluce  il velo... rilucono i capelli tuoi come fili d'argento...

Dal pulpito don Peppino - la testa bianca e la faccia gialla come un limone - ha incominciato a predicare: "Questo, o miei fratelli il mese della Vergine Maria..."

Tu mi hai guardato...e questi (tuoi) occhi mi hanno detto:"Sapessi quanto pianto nel mio cuore...!". E dentro il mio petto ho sentito, o Rosa, ripetere una voce: "Quanto pianto...!"

 

'U DONU

                                    (A mia figlia)

Oh, 'sta vuccuzza russa a ppizzu-a-rrisu,

chi 'nu cirasu pri a ddua spaccatu!

E 'st'acchji...!? Dimmi tu, cchi tt'hnu misu,

chi tninu 'u culuri d' 'u Criatu?!

 

Ti gurdu...: e cc, d' 'u pattu, ad unu ad unu,

scumprinu i duluri, 'i gioji, 'i peni...

Mi linchji 'u cori! Pansica a nnissunu,

nemmenu a mmamma, vazi tantu beni!

 

Si binta -tra pgghji 'i cicculata...

jocarialli...cartuzzi di gi-gi. ..-

d' 'u Vattisimu 'a notti, all'antrasata:

cumu 'nu jocariallu puru tu.

 

Fhorsi 'nu donu 'i Ddiu ppi' mmia si stata,

'nu donu d' 'u Distinu, o figghja bella,

'nu donu ppi' 'sta vita scunsulata...:

perci t'haju chjamtu Donatella!

 


Il dono

Oh, questa boccuccia rossa sorridente che sembra una ciliegia spaccata a due! E questi occhi..!? Dimmi tu, che cosa ti hanno messo, che tengono il colore del Creato?!

Ti guardo...: e qui, dal petto, ad uno ad uno scompaiono i dolori, le gioie, le pene...Mi riempi il cuore! Penso che nemmeno a mia madre volli tanto bene!

Sei venuta -tra tavolette di cioccolata, giocattoli e carte di caramelle... - la notte dell'Epifania, all'improvviso: come un giocattolo anche tu.

Forse un dono di Dio per me sei stata, un dono del destino, o figlia diletta, un dono per questa vita sconsolata...: perci ti ho chiamato Donatella.

 

 

 

 

 Aggiornato il 27 . 01 - 2017

 Migjiore visione -  Rsisoluzione 1366x768

 Il webmaster