Felice Mastroianni

         

 

1914 - 1982

 

<<Felice <Mastroianni, non bara al  grande responsabile gioco della poesia, confessata senza lezio letterario e fuor d' ogni ricalco, e il suo linguaggio decantato fino a una essenziale limpidezza, fa della memoria affabulata o reale, una continua occasione di verità lirica>>. Dalla relazione della Giuria del Premio Naz. " Sebeto"-1966:S.Battaglia, A.Grande, M. Pomilio, M. Prisco, M. Stefanile.

 

home1.gif

 

Home

 

Biografia

 

 

 

 

 

Opere

 

 

 

Critica

 

 

 

 Poesie

 

 

 

 

Bibliografia

 

 

 

Fotogallery

 

 

 

 

Platania-Storia

 

 

 

Dove siamo

 

 

 

   Link

 

 


 

 

                        Poesie

 

Treni sulla mia terra  

                Sbianca il viso notturno

                dei treni alle frontiere

                della mia terra all'alba.

                Gli scali hanno odor di marine e d'oleandri.

                Chi torna,

                ormai povero anche d'illusioni

                s'avvia verso i monti.

                Nel cuore gli ricanta mattutino

                di lontani campanili,

                fresco come voce di giovane sposa.

                          

                  I treni che vengono a sera dal Sud

                lasciano questa terra

                di zagare e d'addio

                e recano pei sogni

                delle notti del nord

                mitiche apparizioni di donne

                che scendono alle fonti presso il mare:

                le anfore al tramonto

                han luce di conchiglie

                nell'oro dei limoni.

 

                   Chi lascia questa terra d'abbandono

                cerca un angolo in treno

                e pensa l'ignoto volto della fortuna.

                Suono di campanili

                rotto dal vento della sera

                come voce di pianto sulla soglia

                lo segue fino ai monti lucani

                ove sorge la luna.

Da: L'arcata sul sereno

 

Costa calabra


               Nella sera fosca di nembi
               il bovaro della mia terra
               sulla costa deserta
               ha negli occhi la tristezza dei millenni
               ha il cuore antico dei padri,
               scavato dall'ineluttabile
               come le scogliere ai marosi.

               Sotto le nuvole nere
               i buoi sono bianchi: nettunii giganti
               sulla soglia del mare.
               Ed hanno il mugghio dei fondi marini.

               Sulle corna lunate si spuntano i lampi.

Da: L 'arcata sul sereno.

 

 Da lune estive


                    Alti, scalpitanti
                    risalgono al ricordo
                    come da lune estive
                    agli antichi mattini dei miei colli,
                    i muli d 'Amantèa.

                    Era fresca la traccia
                    di scaglie lucenti,
                    odorosa di cesti
                    dell'ignorato mare.

 Da:Favoloso è' il vento

 

 

Ballata per una madre della mia terra
                         

                      Oh la storia di una madre
                      antica come la terra
                      che le ha dato sangue e amore,
                      breve spazio di monti e camini,
                      sogni poveri e scarne parole.

                      Una madre così uguale
                      alla terra nei giorni e nel viso:
                      amore - belati sulla montagna,
                      veglie e lagrime - fiumare
                      che affondano nella notte,
                      pensiero d'assenti, rosari -
                      acqua fonda di burroni,
                      speranze - mannelli di spighe
                      quanti i giorni della ventura,
                      poverta' silenziosa e diritta -
                      pioppi della mia terra.

                      Oh la storia di una madre
                      bianca e tremula in un frastuono
                      d'organetti e di balli dall'aia.

Da: Il vento dopo mezzodì

 

Dal cimitero di Poggioreale
 
          Non ha tombe per me Poggioreale.
          Hanno pace i miei cari
          laggiu' tra colli onde fraterno ai morti
          torna d'autunno il vento.

           Qui dan senso d'angustia
           loculi sovrapposti e urbana pompa
           d'arche e di marmi.
           E il " recinto dei grandi "
           non mi commuove piu' che i vostri nomi
           su scarne croci, antichi montanari,
           a sommo della piana
           ove fumano lontane
           locomotive tra gli ulivi e il mare.

           Piccolo cimitero tutto ascolto
           odoroso di greggi sul pendio.

           È sì breve il cammino
           dalle case al cancello.
           Ci si abitua al pensiero
           di quest'ultima strada
           come del verde viottolo nel campo
           del vicolo che scende
           ai gradini corrosi della chiesa.

            E quell'estremo andare
            s'attende come il tempo
            certo delle castagne
            dei grappoli dorati
            delle nubi che vanno al Reventino.

            I vecchi hanno un sorriso
            dolce e bianco
            se ricercan laggiu'
            qualcuno cui da tempo
            vorrebbero ridire tante cose
            nella vecchia osteria
            e che attende, in ascolto:
            e' si' breve il cammino
            dalle case al cancello.

Da:Quest'ombra sul terreno.

 

 

 Mi  cantano le fate del mio monte   

 

        Se ti strugge desio

        di vive fonti e cercan gli occhi luce

        di orizzonti lontani;

        se un nostalgico amore 

        d'azzurre solitudini e d'oblio

        ti fa straniero ed esule nel mondo,

        a noi ritornerai:

        non son fantasmi vani

        le fate del tuo monte.

        Quassu' ritroverai

        i magici reami                       

        ove cantano l'acque sui sentieri

        e al transito dei venti

        un tepido respiro

        di bianche greggi sale dai torrenti.

 

        Tu  conosci il cammino

        su pei declivi d'oro

        quando di rosse fragole e di viole

        odora il fresco bacio del mattino

        e son le conche cerule nel verde

        specchi iridati alla magia del sole.

 

        Tu porti ancor negli occhi lo stupore

        e un dolce incantamento

        di risvegli di bimbi nell'avvento

        di notturne nevate

        e favolose aurore

        sul caro monte delle belle fate.

 Da:L'arcata sul sereno 

                   L' arcata sul sereno

                     Rifioriscon le rose
                     dei cieli sopra il mondo
                     e ricanta la vita
                     in un flusso di eterni
                     ritorni, sempre nuovi, delle cose.

                     Al respiro profondo
                     di selve e di marine
                     si disancora l'anima ai superni
                     lavacri della luce, oltre il confine
                     breve dell'ombra.
                     E d'azzurro s'irrora
                     la giovinezza mia
                     nella giovane luce dell'aurora.

                     A me la vita sia
                     non avara d'azzurro e di sereno
                     per te dolce Poesia.

 

Da: L'arcata sul sereno.

 

                  Vento d'isole d'oro

                   Ancora seppellita la mia sorte

                   in sabbia d'anni e di naufragi.

                   E invano

                   ritorni a queste rive

                   vento d'isole d'oro.

                   Ho scordato gli azzurri sentieri.

 

                    Ora, in albe d'insonnia

                    vi ripensa e sussulta,

                    isole d'oro, il cuore alla risacca.

 

 

Da:L'arcata sul sereno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Angeli del silenzio e della solitudine

 

           Sono tornato ai vostri ultimi regni,

           nella pace delle vallate

           e delle rupi,

           sui sentieri

           senza piu' orme.

             

           Ho ritrovato l'odore del mirto

           e della menta selvatica.

           Mi ha sorriso il muschio

           come un talismano di smeraldo dimenticato.

 

           Ho ritrovato sui ventosi altopiani

           l'indicibile musica del risveglio del vento

           e il vorticoso respiro dell'infinito.

 

           Ho riascoltato di notte l'infausto incanto

           delle invisibili civette.

           E ho trasalito come per un rimorso

           d'un' inesplicabile colpa.

 

           Non fuggite da me

           Angeli del Silenzio e della Solitudine!

           Ho bisogno di voi.

           Ho camminato tanto.

           Sono un sopravvissuto.

           E ora sono quasi

           vicino alle mie origini primigenie.

           Sento le foglie umide

           tendermi le loro bocche

           come coppe inebrianti di purezza.

 

           Sara' passato un secolo

           o una sola notte:

           non importa piu' il tempo

           ora che quest'alba

           mi guarda come ad un bimbo.

 

           I gridi degli anni

           che sono trascorsi

           non sono che un 'eco remota.

           Era qui il miracolo della perduta innocenza

           qui dove ho portato

           il mio ansito di fuggiasco.

 

           Qui mi ha spinto quest'arsura

           di fresche sorgive

           come un cervo ferito.

 

           Forse solo nell'ultimo istante

           potro' cogliere per sempre

           l'intera, viva, pura vostra luce,

           Angeli del Silenzio e della Solitudine.

           Per intanto abbiate pieta' di me!

 

  Da: Trilogia neoellenica

 

Ho misurato gli anni


               
Qui ho imparato gli odori
               tutti delle stagioni
               e il linguaggio vellutato dei merli.
               Ho spiato le tane
               delle serpi e dei gufi
               e ruzzolo a valle col riccio.

               Si aprirono i miei occhi
               su una verde vallata
               ove scorre un torrente
               e scendono fiori
               a ciottoli ambrati
               di granchi e di anguille.

               Ho misurato gli anni
               al ritorno dei mosti
               e al miele dei cannicci,
               al respiro del vento nel camino
               e al croscio argentato sulla soglia
               delle palme benedette.

               Ma quando il bosco esala
               di funghi e foglie morte
               sento piu' dolce ed intima la voce
               della terra,
               un po' simile a mia madre
               nel ricordo
               che settembre fa triste.


                Da:Quest'ombra sul terreno.

 

               

           La ragazza del fieno

 

                         Un ricordo dei 16 anni 
 

            Alta e rosea 
            fianchi schietti e rotondi 
            di giovinetto castagno 
            reca sul capo
            fasci odorosi al fienile.

 

            Se canta
            è un risucchio la voce
            e se mi sorride
            ha occhi docili
            come quando il vento è sulle spighe.

            Quando la madre la chiama dall'aia
            il suo nome sull'erbe è uno squillo.
            Ne assaporo le sillabe
            chicchi d'uva dorata
            asprigni al palato.

            Il padre capraio cala dal monte
            all'ora dei camini
            e delle vacche al torrente.

            Allora
            le giovani lavandaie
            lasciano fresco odore di schiume
            sul sentiero che sale al paese.

             Che peccato
            con tutto quel fieno nel pagliaio!
            Forse anch'essa la pensa così.

            
E passano intanto
            i giorni del fieno odoroso.

            Chissa' quanti baci
            - soli e non visti -
            col padre sul monte
            e la madre dall'aia,
            dietro la grande quercia,
            ove i suoi fratellini
            razzolano coi galli.

 



Da: Favoloso è il vento

 

 

 

 La "centenaria"
                  

                       Nel limpido mattino
                       e' riemersa dal buio della terra
                       la testuggine antica
                       a ricercare sull'erbe delle aiole
                       pigri incontri col sole.
                      

                       Ad ogni suo ritorno pei viali 
                       nei suoi occhi terrosi e sonnolenti 
                       reca sopravvivenze 
                       di mostri e di diluvi primordiali. 
                       

                       E nel suo lento andare  
                       ancor misura in corte dimensioni 
                       nuove comparse e nuove dissolvenze
                       sullo schermo familiare.
                                                                   
                                     
Da:L'arcata sul sereno

 

 

                 Il tuo ricordo

                      ( per la mia figlioletta )

                                  

                  Sette mesi di vita

                  con un tremito lieve,

                  nelle pupille cerule, di neve

                  in tempo di fiorita.

 

                  Mia, non piu' che la breve

                  dolcezza della terra rifiorente

                  tra un ritorno di rondini e un addio.

 

                  Ora, per sempre mio

                  il tuo azzurro, in un cielo di memoria

                  che a me tu rassereni del tuo amore.

 

                  Nel ricordo fai mite la tua storia

                  di pianto con quel tuo mite sorriso.

                  E mi torni, pietosa, nel tremore

                  della man sulle tue palpebre spente.

 

 

 

Da: Quest'ombra sul terreno.

 

 

                I tuoi occhi Franco

                 La tua infanzia e' una dolce
                 memoria, vellutata
                 di ricci ed occhi neri.
                 C 'illuminava l'anima e i pensieri
                 il riso dei tuoi occhi.

                 Prometteano fulgore,
                 le tue pupille, di meriggi ardenti.
                 Si spensero sull'alba
                 in una estrema luce di stupore.

                 Nel ricordo si fa riva fiorita
                 ancor la nostra vita
                 se vi si posan gli occhi tuoi ridenti.

Da: L'arcata sul serno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Aggiornato il 27 . 01 - 2017

 Migjiore visione -  Rsisoluzione 1366x768

 Il webmaster