Gaspare Caputo

      

1945

 

[...] Il poeta rievoca paesaggi, personaggi, affetti dell'infanzia e giovinezza, consapevole del tempo che non ritorna più e distrugge persone e cose, e questi ricordi li vuole strappare alla dimentcanza, li accarezza nell'animo, ce li fa amare.[...]
[...] Il suo vernacolo ha l'autenticità e la sincerità di chi lo ha parlato, lo ha ricordato anche nella lontananza e lo ha amato tanto da formulare spontaneamente in quella lingua i propri pensieri  (in Italo Leone in Cultura e letteratura nel Lametino vol. 2° pp.200, 201)

 

 

 

 

Home

Biografia

 

 

 

Opere

 

 

Critica

 

 

 

Poesie

 

 

 

 

 

Bibliografia

 

 

 

 

 

 

Fotogallery

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Martirano Storia

 

Dove siamo

 

 

   Link

 


 

Critica

 

Il paesaggio, i personaggi e  l'amore nella poesia vernacolare di G. Caputo (Aristide Caruso)


La poesia vernacolare del dott. Gaspare Caputo, incentrata  tutta sulla memoria, affronta i temi tipici, cari a tanti Poeti del Reventino in un  dialetto, quello di Martirano suo paese natale, che per molti aspetti è  simile a quello di Conflenti, paese poco distante dal suo.

    Egli pertanto entra a buon diritto nella schiera di questi poeti distinguendosi per un uso rigoroso della metrica: i suoi versi sono quasi sempre endecasillabi strutturati in quartine a rime alternate. Addirittura nella  poesia  A trizza il poeta mostra tutta la sua abilità con versi in cui si alternano rime in zza, zze, zzi, zzo, zzu, che ci ricordano  la poesia Nicola d' 'u Pizzu del nicastrese  Dario Galli. In questi, però, la scelta metrica più si confà all'intento satirico e umoristico del suo componimento, che non alla rievocazione di una figura femminile, Ginuzza, che  faceva impazzire l'adolescente Caputo: me facia diventare a capu pazza.

   Ma torniamo ai temi di questa sua poesia ad esempio il paesaggio, che nella rievocazione del poeta e a volte lugubre come in questi versi: Chira muntagna me facia paura/ quannu u lustru da luna jancu e mutu/ cadia supra na petra granne e scura/ chi mi paria nu viacchiu addurmisciutu.( A Luna 'e Martuaranu vv.5-8)ma più spesso rasserenante, elegiaco come in questi altri versi dove rievoca le nebbie che avvolgono la cima del Reventino:Su' tutte janche, pàranu 'e cuttune/ su' legge legge, u viantu 'e nturcinìa,/ m'e priaju de quannu era nu guagliune/ e, cumu tannu a capu strolachìa.(E neglie 'e Riventinu vv.9-12)

   E ancora: teneri, delicati sono i versi delle due quartine che descrivono il lento fluire del Savuto verso il mare:Cce guardu ancora,l'acqua sua se vida/ lucia sutta ssu sule cum'argiantu/ va chianu chianu u jume, nu'sse fida,/ a malappena u scruscieddu sientu// Cchi cumpagnia  chi me fa moni u scrusciu/ de ssu jume che scurre lisciu lisciu/ è na musica duce chi canusciu,/ na ninna nanna, io mi cci addurmisciu. (A jumara vv. 13-20)

   Alla rievocazione dei paesaggi contemplati e dei pensieri conseguenti del fanciullo seguono  momenti di riflessione del poeta ormai adulto: cumu tannu a capu strolachìa.

   Nella poesia A Luna 'e Martuaranu, infatti, è la scuola a fugare le sue congetture infantili sulla luna, dove sono giunti anche gli astronauti che hannu vistu cumu cc'è daveru, ma la luna nel cuore del poeta è sempre quella della sua infanzia, che sorge là dove ora purtroppo c'è il tracciato del metano.

   Anche nella poesia E neglie 'e Riventinu, il poeta, dopo la rievocazione, delle forme assunte dalle nebbie spinte dal vento, pecore, cane,cavaliere su un destriero, immagina, chissà, di poter vedere, un giorno, la figura del padre, che gira di qua e di là, e di poterne invocare la presenza al suo fianco, perché egli, sebbene adulto e padre a sua volta, ha ancora bisogno dei suoi consigli.

   E nella poesia A jumara la riflessione del poeta: Ccè l'autostrada, chi cumu nu verme/ se stenna supra puanti de cimentu,/vanu, venanu e nnu se stanu mai ferme/sse machine e ssi cammii ogne mumentu//(A jumara vv. 9-12) precede i versi citati(13-20) e interrompe la descrizione idillica del paesaggio felicemente avviata nelle strofe iniziali

 

   Nella poesia di Caputo non mancano poi le rievocazioni di figure e personaggi che hanno colpito il suo immaginario infantile. Una di queste è Ciccu Melara, un diverso, come si direbbe oggi, uno dei tanti che un tempo circolavano liberamente nei piccoli paesi, vivendo di carità e protetti dall'umana solidarietà dei compaesani, ma spesso oggetto di scherno da parte dei bambini.

   Ciccio Melara era diventato un incubo per il poeta bambino, che lo vedeva quotidianamente lungo la salita di via Milano con un cappello militare in testa mentre con voce lamentosa de jestigne faciadi nu cunciartu. Il poeta ne rievoca l'aspetto fisico insieme alla paura che suscitava nei bambini:<<U vastune a na manu, u vrazzu izatu,/nu mazzacane all'autra manu avia,/ne spagnavamu e ne mintiamu e latu/quannu nue lu 'ncuntravamu ppe bia.>>(Ciccu Melara vv.13- 16); gli strambi atteggiamenti:<<...parica mustra a pinna e ra cartuzza/ e ne scrivia na contravvenzione ; /Parica 'u vijiu ancora ccu ru vette /chi intr'a purvirata scarvarìa,/ pue jetta dui cuticchi intr'e cunette/ e dicia ca na ha fattu a magaria>>(Ciccu Melara vv.19-24)

   Col tempo il piccolo riesce a dominare la paura, anche perché il bizzarro personaggio frequentava spesso la sua casa, accolto dal padre che lo rifocellava con cibo e un bicchiere di vino.

   Superate le paure infantili, il poeta riconosce che non era cattivo, non era colpa sua se la natura lo aveva fatto così.

   Quando lo chiusero in un ospizio, privo della sua libertà, Ciccu si sentì morire e fuggì.<<Ma doppu pocu juarni lu pigliaru/ e restau chiusu a chiru postu amaru,/ ma a morte chi fa tuttu u munnu paru/ fice ra carità a Ciccu Melaru>>. Bellissimi questi versi che eprimono la commozione e la pietas del poeta a conferma di quella già preannunciata nell'espressione iniziale <<chira bonanim' e ciccu Malera>>.

   In A putiga 'e Molinaru, lungo componimento di ben 22 quartine, il poeta descrive l'esercizio commerciale dei fratelli Molinaro, molto noto ai nicastresi e a tutti i bottegai dei paesi vicini che venivano a fornirsi di merce per i loro piccolo commercio. Nel negozio dei Molinaro si vendeva di tutto: materiale di cancelleria, materiale elettrico, saponi da barba, lamette e rasoi, carta igienica, occhiali, orologi e quant'altro.

  Il poeta vi entrò, per la prima volta, da piccolo col padre, bottegaio, che da Martirano era venuto a fare acquisti:<<M'arricuardu, papà era putigaru,/Quannu fhurnia i quaderni o a cartasciuca/'i jia accattare dduve Molinaru,/ara sagliuta "Fratelli Maruca".//Ed iu chi tannu era nu scolaru/me livava a matina ccu ru scuru/pecchì intr'a putiga 'e Molinaru/ncuna cosa ppe mmi' a truvava puru.>>(A putiga 'e Molinaru vv.1-8).

   La figura che il poeta rievoca è quella di Totò, l'addetto al banco delle vendite, descrivendone i gesti, la cordialità e la disponibilità a risolvere piccoli problemi dei clenti.

   Davanti al banco di vendita c'era quasi sempre una ressa <<...Chine vulia ra penna, chine a busta/chine avia pressa e avia de fare priastu/chine vulia truvare a vurza giusta./Ne sirvia, ne ridia, ne dav'u riestu.//Pigliava i sordi spicci intru na manu, dava n'occhiata e, supra chire carte/simminava ru riastu, cumu granu./e nun spagliava mai.Ccà cc'è vo arte!//Cc'u pizzu a risu , era sempre gentile,/Totò ne rispunnia ccu modi belli,/ad uacchi chiusi trovav'e cannile/u cumpassu, a squatretta e ri pastelli.//(A putiga 'e Molinaru vv.25-33)...Nun c'è chiù n'atru cumu Molinaru, ppe tanti aggeggi, quannu eranu rutti,/lestu lestu truvava ru riparu;/quantu pacienza! Accuntintava a tutti!(A putiga 'e Molinaru vv.46-49>>

   Quando il poeta vi ritorna dopo quarant'anni niente è cambiato in quel negozio: la stessa confusione, persino l'odore è rimasto quello di un tempo, gli stessi gesti di Totò <<e nun riposa chilla manu lesta >>(A putiga 'e Molinaru v, 76

   Un giorno, pero, egli trova la porta del negozio chiusa con un un nastro nero: Totò non c'è più, è andato via per sempre. E mentre gli luccicano gli occhi dalla commozione non può non ascoltare i commenti di alcune male lingue alle quali egli contrabbatte con questi ultimi versi:<<Totò, io te ringrazziu
a nume 'e tutti/d'u mastru, d'u mpiegatu e d'u studente./Viniamu dduve a ttie cumu prisutti;/e tu ne servie... sempre sorridente!>>.(A putiga 'e Molinaru vv.85-88)


   L'amore è un tema  comune ai poeti di ogni tempo e paese, ma nella poesia Na sira d'agustu du sessantasei esso si riempie di una drammatica concretezza con precisi riferimenti spazio-temporali:un viale di tigli, una sera d'agosto del 1966, un cielo coperto di stelle. In questa cornice si consuma tra pianti e tremori l'ultimo atto di un amore così intenso da oscurare persino il cielo e da far dire al poeta, <<l'amore u capiscivi propriu tannu,/ è ra cchiù brutta 'e tutt'e malatie.>>(ibidem vv.31-32). Il poeta non sa bene il motivo di quella separazione, tanto tempo ormai è trascorso ed egli ormai non s'illude più, <<nun  criju cchiù a rumanze  e fantasie>>(ibidem v.42); ma quando ripassa da quei luoghi, li guarda ancora con mestizia.

  Consapevole che nella vita non si può tornare indietro, conclude amaramente che la gioventù, nemica dei consigli, fa compiere pazzie; ma la bellezza di quel lontano ricordo,<<Cum'era bellu u vale d'i tigli/na sira d'agustu du sessantasei.>>, non l'abbandonerà mai più, come si intuisce da quel secondo verso, che poi è il titolo stesso della lirica, ripetuto ossessivamente in tutte le dodici quartine che la compogono.




Aristide Caruso




 Aggiornato il 14 - 04 - 2019

 Migjiore visione -  Rsisoluzione 1366x768

 Il webmaster