Michele Pane


 

1876 - 1953



 "...Dall'esame dei suoi versi risulta evidente la vicinanza ai poeti simbolisti europei, soprattutto a Giovanni Pascoli. I temi sono quelli delle memorie infantili, dei bozzetti campestri descritti con un linguaggio ricco di onomatopee e di analogie, carico di significati simbolici, in un dialetto che non aveva tradizioni letterarie alle spalle" (Pasquale Tuscano)


 

 

 

Home

 

Biografia

 

 

 

 

Opere

 

Critica

 

 

Poesie

 

     

 

 

Bibliografia

 

 

 

Fotogallery

 

    


Adami Frazione di Decollatura-Storia

 

Dove siamo

 

 

 

   Link

 



Notize biografiche



Nacque ad Adami, un piccolo borgo di montagna del Reventino, l'11 marzo 1876, in una famiglia della piccola borghesia colta (il padre era farmacista, la madre era sorella del filosofo Francesco Fiorentino); frequentò le scuole medie inferiori e superiori in collegi di Nicastro (oggi Lamezia Terme) e di Monteleone (oggi Vibo Valentia). A Napoli, frequentò la facoltà di Giurisprudenza , ma interruppe gli studi prima di conseguire la laurea.

   A seguito della pubblicazione del poemetto, L'uominu russu (una satira contro un suo compaesano, Leopoldo Perri, accusato di essere un garibaldino) Pane fu denunciato e processato per diffamazione. Il poeta venne difeso dall’On. Gaspare Colosimo, avvocato e uomo di governo; inizialmente condannato a pagare una multa, fu poi prosciolto per sopraggiunta prescrizione.

   Nel 1902 partì per gli Stati Uniti d'America, ritornando in Italia nel 1908; in Italia nel 1910 sposa una sua cugina di 2° grado, Maria Concetta Bilotta, di Sambiase.

   A novembre 1910 tornò con la moglie a New York ed ebbero 3 figli: Salvatore, Penelope Libertà e Leda.

  Nel 1915. L’Accademia Cosentina lo nomina Socio Corrispondente e si trasferisce a Brooklyn, apre in proprio una agenzia di viaggi e affari generali. Per congiuntura economica nel 1923 si trasferisce a Omaha nel Nebraska, dove lavora come giornalista e fonda “Il Lupo” che dura meno di un anno.

  Ritornato a Chicago, vi trascorse (tranne un breve rientro in Italia nel 1938 per il matrimonio della figlia Libertà) il resto dela sua vita, svolgendo l' attività di giornalista e di editore.

  Morì a Chicago, il 18 aprile 1953.

 Aggiornato il 29 - 03 - 2019

 Migliore visione -  Risoluzione 1366x768

 Il webmaster