Michele Pane

     

 

1876 - 1953



 "...Dall'esame dei suoi versi risulta evidente la vicinanza ai poeti simbolisti europei, soprattutto a Giovanni Pascoli. I temi sono quelli delle memorie infantili, dei bozzetti campestri descritti con un linguaggio ricco di onomatopee e di analogie, carico di significati simbolici, in un dialetto che non aveva tradizioni letterarie alle spalle" (Pasquale Tuscano)

 

 

 

Home

 

Biografia

 

 

 

 

Opere

 

Critica

 

 

Poesie

 

     

 

 

Bibliografia

 

 

 

Fotogallery

 

    


Adami Frazione di Decollatura-Storia

 

Dove siamo

 

 

 

   Link

 


Poesie

A MIA FIGLIA LIBERTA'

 
Quand'arrivi alla colla d'Acquavona
quante funtane truovi: chilla''e Giallu,
de Surruscu e tanta'autre...'ntra la valla
l'acqua d'ille, calandu, ohi cumu sona!
vuoscura 'ncutti, dilizia de friscura,
pratura virdi... 'na tranquillità:
chilla è la conca de Dicollatura,
e tu salutamilla, o Libertà!

Sutta de Riventinu, lu paisiellu
primu chi truovi ha nume Tumaini
(parrocchia 'e S. Bernardu) ed ha vicini
lu Canciellu, 'u Passaggiu, 'u Praticiellu,
Rumanu,e doppu sû le Casenove,
li Cerrisi e l'Addame de papà:
(l'Addame, chi d'u core sue 'un se smove
ppe' tiempu e luntananza, o Libertà!

Andandu, si tu passi pe' lu chianu
d''u Praticiellu, truovi 'u campusantu:
llà fermate a portare lo mio chijantu
ali cari chi sutta terra stanu...
Cà, ccu tuttu ca si' “furasterella”
e nullu d'illi te canusce e sa,
la tua visita, o figliama mia bella,
ad illi de rifriscu le sarà.

All'Adame tu truovi zu Luice
ccu' zâ Maria e Marianna,
chi te cùntane d''a tua santa Nanna
(e vene de l'Accària zâ Filice):
Te mustranu li luochi chi lassai
tantu amati, chi forse 'un viju cchiù,
ma me cumpuorte ppemmu tu le sai
c'a fràtitta ed a sùorta 'e 'mpari tu.

Vasa ppe' mie d''a vecchia casa 'e mura
lu “cippariellu” mio d''u focularu,
le ziarelle, zu Luice caru,
sira e matina, cientu vote l'ura.
Circa 'ntra 'e carte de la livreria
'ncunu ricuordu d''a mia giuventù,
e sentirai l'adduru e l'armunia
de 'sta mia vita, chi nun vale cchiù.

Quande sienti sonare matutinu,
zumpa d''u lietu, spalanca 'u barcune,
saluta 'u sule chi d''u Carigliune
s'auza maestusu allu cielu turchinu.
Oh qùante vote l'àdi salutatu
quand'era virde... (ma...quant'anni fa?)
papà tuo ch'è mbecchiatu, no' cangiatu
e resta “calavrise”, o Libertà.

Pue te lieju 'ntra l'uocchi, quandu tuorni
li signi de la luoro amurusanza,
e me torna a jurire la speranza
de finire ccud'illi li mie' juorni.
Tornanduce pue nue, tutti a 'na vota,
cchi gioia chi nun forra, o Libertà!
Speramu sempre: “'u mundu gira e vota”,
chi sa si 'u suonnu nun s'avvererà







Traduzione libera

A MIA FIGLIA LIBERTA'

Quando arrivi sul colle di Acquqvona, quante fontane trovi: quella di Ponte giallo, di Sorrusco e tante altre... le loro acque,calando giù nella vallata incantano con il loro suono argentino. Fitta boscaglia, una deliziosa frescura, prati verdi...una pace: quella  è Decollatura, e tu salutamela, o Libertà.

Sotto al Reventino, il primo paesello che trovi è Tomaini (parrocchia di S.Bennardo) e nelle vicinanze ci sono Cancello, Passaggio e Praticello, passo Romano e poi Casenove, Cerrisi, Adami dove è nato papà tuo e che è sempre nel suo cuore. Proseguendo, se tu passi per il pianoro di Praticello, trovi il Camposanto: fermati a portare il mio pianto ai cari defunti...perché, anche se sei forestiera e nessuno di loro ti conosce,la tua visita, o figlia cara sarà per loro di conforto.

Ad Adami troverai zio Luigi con zia Carlotta, le zie Maria e Marianna che ti parleranno della tua santa nonna e da Accaria verrà a trovarti zia Felice, Ti mostreranno i luoghi cari che lasciai e che forse non vedrò più, ma faccio in modo che tu li conosca. perchè tu possa insegnarli a tuo fratello e a tua sorella,

Bacia tantissime volte per me le vecchie mura della casa, il mio banchetto davanti al focolare, le ziette, zio Luigi. Cerca fra le carte della lbreria qualche ricordo della mia gioventù e sentirai l'odore e l'armonia di questa vita mia che non vale più.

Quando senti suonare il mattutino, alzati dal letto, spalanca il balcone e saluta il sole che da dietro l'alto cerro s'innalza maestoso nel cielo turchino.Oh quante volte, in gioventù l'ha salutato papà tuo, che è invecchiato, ma non canbiato è resta calabrese o Libertà.

Poi, quando sarai tornata, ti leggerò negli occhi i segni del loro amore e rifiorerà la speranza di finire con loro i miei giorni. Che gioia sarebbe poterci tornare, tutti insieme o Libertà! Non perdiamo la speranza: il mondo gira e cambia, chi sa che questo sogno non possa, un giorno, realizzarsi!.

CUNTRATTU


Nun gàrru a fare 'nu grubu a 'na pitta
ca 'u core sbatte mo' ppe' 'na brunetta;
mi s'è 'mpizzàta 'mpiettu e mi l'abbritta
e mi lu scòtta cumu 'na coppètta,
e 'un gàrru a fare 'nu grubu a 'na pitta!

Oi frate, cchi fravetta ch'èdi! Jetta
vampe de l'uocchi, pièju de 'na gatta;
peccatu ch'è cattiva; ma 'na schetta
ppe' lli tratti e llu trùottu nu' ll'apatta;
oi frate,cchi garrietti ha 'sta muletta!

Hadi 'na capillèra niura e fitta
e cchi pumètte belle e cchi pagnotte!
Io la vaju appostandu, ma me sbritta
cumu 'na vurpe, prima de le botte;
io la vaju appostandu, ma me sbritta!

Lu maritu, ppe' jire a Serrastritta
troppu allu spissu, le moriudi spattu;
le lassàu 'nu mulinu e mo' st'affritta
l'ha chjusu, cà nun c'è n'ùominu adattu
mu lu 'ntrimòja e sburga lla sajitta.

Brunette', lu facimu nue 'nu pattu?
dùname lu mulinu a mie 'n'affittu;
sû viecchiu mulinaru adattu e 'sattu
e ogni notte 'nu tùmminu de vittu
t'accìertu curmu: vadi lu cuntrattu?

Haju cantatu a 'nu jurillu affrittu:
azzètta chistu pattu, o mia brunetta,
e àji voglia 'e viscuotti, s'hai pitìttu








Traduzione libera

Contratto

Non riesco a fare nemmeno un buco in una pala di fico d'India, perché il cuore mi batte per una brunetta; mi si è ficcata in petto e me lo brucia e me lo scotta come le coppette 1) e non riesco a fare nemmeno un buco in una pala di fico d'India.

Oh che passera 2) che è, fratello mio! lampi sprigiona dagli occhi peggio di una gatta. Peccato che sia  vededova, ma una nubile, per i suoi lineamenti e per l'incedere non l'eguaglia. O fratello mio, che garretti ha questa muletta!

Ha capelli neri e folti e che gote e che seni! Io la vado appostando, ma mi sfugge come una volpe prima dello sparo; io la vado appostando, ma mi sfugge.

Il marito per andare a Serrastretta troppo spesso le morì di consunzione; le lasciò un mulino, ma ora questa poverella l'ha chiuso perchè non c'è nessuno che sappia far funzionare la tramoggia e spurgare la doccia del mulino.

Brunettè, lo facciamo un patto tra di noi? Dammi il mulino in affitto; sono un vecchio molinaro, esperto e preciso e ogni notte ti garantisco un tomolo colmo di vettovaglie: ti va bene il contratto? Ho cantato ad un fiorellino afflitto: accetta questo patto o mia brunetta e ne avrai di biscotti, se hai appetito.





1) Sono coppette riscaldate che si applicavano al petto e alle spalle per guarire dalla polmo-nite.

2) Letteralmente beccafico ma preferisco passera che rende meglio il senso allusivo usato dal poeta. D'altronde, il beccafico  ed il passero appartengono allo  stesso ordine: Passeriformes.








TORA

Quandu lu viernu cc’era la vuòra
fridda,o jazzava,
chilla bon’anima cara de Tora
pped’ogni jurnu ne visitava.

Venìadi priestu la vecchiarella
affezionata,
e ne portavadi ‘na sarcinella
ppe’ ni ‘nde fare nue ‘na vampata.

E certe vote me dicìa: Caru,
te’ l’ovicelle;
sû puocu, fìgliuma, cà mo’ scacarû
(le vijad’ecate!) le gallinelle.

Tora passava forsi ccu’ll’anni
la novantina,
ma nun sapíadi cchi ssû malanni,
mai avía provatu ‘na medicina.

‘Icica fòdi de ‘sti cuntuorni
la cchiù pulita
alli sui tiempi: (vòlanu i juorni
bielli d’ ‘a nostra povara vita!)

Er’arriddutta ‘na croccarella
moni ‘ntostata;
restàte l’eranu l’ossa e lla pella
e avia lla facce tutt'arrappata.

‘Mperò tenìadi illa lu core
sempre gentile;
‘nu core tènnaru tenìadi ancore
cumu ‘nu friscu gigliu d’aprile.

Pàrca la sientu mo’: – Bontrovàti!
Vue cchi facìti?
Vue cumu stati? Vue cumu stati?
‘Stu friddiciellu nu’llu sentìti?

Nue rispundíamu: Bonavenuta!
lestu, allumàmu:
pperchídi, o Tora, te sî perduta?
mo’ ven’assèttate, ca ne scarfàmu

E llà, sedut’allu vancariellu
d’ ‘u focularu,
pue me dicìadi: – Figliuma biellu,
ti cce fai prievite? Fígliuma caru,

fattícce prievite, cà tu cce mieri
pperchì sì biellu;
nu’ stare a sèntere ss’àutri livrieri,
tu t’hai de fare ‘nu parachiellu —

Puru me dici ‘na missicella
quandu pue muoru;
rifríschi l’anima d’ ‘a vecchiarella
ch’è ‘m purgatoriu, duce ristuaru! –

– Quandu te minti la suppellizza
arrigamata,
pue piensi a Tora, noni bellizza?
la vecchiarella tandu è orvicata! –

No, parra d’àutru, oi Tora mia,
a mie perduna;
lassa li prieviti alla sacristia,
‘mpàrame, ‘mpàrame tu ‘na canzuna;

c'à pue la cantu io a ‘na quatrara
ccu’ lla catarra,
quandu me fazzu ‘rande: m’è cara
cchiù ‘na furracchia, ca la zimarra.

E ‘un de parrare, nun de parrare
cchiù dde morire,
cà si tu muori cum’àmu ‘e fare?
le rumanzelle chi n’ ‘e sa dire?

Io le dicíadi, ed illa ‘ntantu
– ccu’ pizzarrisu –
me rispundìadi: – Te vija santu,
‘nu santariellu d’ ‘u Paradisu! –

E me cuntavadi tante passate
de li briganti:
– A Riventinu cce sû le fate…
– diciadi sempre – ‘nd’anu brillanti!-

Ed appoggianduse pue la cunocchia
supra lu sinu,
dicíadi: – Puru cc’èdi ‘na jocca
ch’àdi de uoru ‘nu pulicinu"

e gira sempre dintra li faghi,
dduv’è orvicatu
lu cchiù putente riccu dei maghi
ccu’ lli trisuori; cc’è ‘nu ligatu

ca s’unu ‘a jocca, o lu pulicinu,
pòdi mu ‘ncappa,
chillu trisuaru ch’è a Riventinu,
resta pue ad illu; ma chi l’acchiappa!
.....................................
O Tora, o Tora, requimmetèrna
mo’ chi sì morta!
pperchì nun tuorni cchiù quandu ‘mberna?
ti l’hai scordata la nostra porta?

Pperchì nun vieni allu focularu
cumu solìe?
Nue, ad ogni ‘mposta de lu rusaru
chi dice Mamma, pensamu a tie.

E Mamma, Mamma mia bella, dice
ch’ere ‘na santa;
e sempre sempre te benedice
si te ventùma, sempre t’avanta.

Ma tu nun sienti cchiù, cara Tora,
nun sienti ‘u vantu;
nun tuorni quandu mina lla vuòra
e duormi ‘m pace ‘ntr’ ‘u campusantu!



Traduzione libera

Tora


Quando d' inverno soffiava la tramonana, fredda, o nevicava, quella buon'anima cara di Tora veniva a farci visita ogni giorno. Veniva presto l'affettuosa  vecchietta e ci portava un fascio di frasche secche per alimentare il fuoco. A volte mi diceva:-Caro, prendi queste uova; sono poche, figlio mio, perchè le galline (possa vederle all'inferno!) hanno smesso di fare l'uovo.Tora aveva superato i novant'anni, ma non sapeva cosa fossero le malattie, non aveva mai provato una medicina. Si dice, che al tempo della giovinezza, fosse la più bella della contrada:(volano i nostri giorni più belli di questa nostra povera vita!). Era incurvata come un uncino, con la pelle secca, ora, tutta pelle e ossa e la faccia rugosa. Però lei aveva ancora un cuore gentile, tenero come un fresco giglio di aprile,    Mi sembra di sentirla:-Ben trovati! che cosa state facendo? Come state? Non sentite questo freddo?- Noi rispondevamo: Bene arrivata! presto,, accendiamo il fuoco: perché o Tora non ti sei fatta più vedere? ora vieni, siediti che ci riscaldiamo..Seduta al banchetto del focolare, lei mi diceva:<< Figlio mio bello, ti ci vuoi fare prete? Figlio caro, fatti prete, perchè  fai onore alla categoria con la tua bellezza; non dare ascolto ad altri che sono cani da caccia, tu devi diventare un bel parroco, così mi dirai una bella messa quando sarò morta; pregherai per l'anima mia  rimasta in purgatorio, o che dolce ristoro sarebbe! Quando indosserai le suppellettili ricamate, tu penserai a Tora e non alla bellezza? la vecchietta sarà stata ormai sepolta.>>.


<<No, parla d'altro, o Tora mia, perdonami; lascia i preti in sacrestia e insegnami, piuttosto una canzone, perchè io possa cantarla con la chitarra ad una ragazza quando sarò grande: mi è cara più una forosetta che la tonaca del prete. E non parlare più di morire, perchè se muorissi tu, come dovremmo fare? le romanze chi ce le racconterebbe>>, io le dicevo. Lei, con un sorriso mi rispondeva: - Che possa vederti santo, un santerello del Paradiso!- e mi raccontava delle numerose volte che aveva visto passare i briganti; che a Reventino ci sono le fate ricche di brillanti. Appoggiandosi, poi la conocchia al petto mi diceva della chioccia col pulcino d'oro, che girava sempre nel fango dov'era sepolto il più ricco e potente dei maghi ma che per trovarne il tesoro nascosto e impossessarsene c'era una condizione: catturare la chioccia o il pulcino, ma chi sarebbe riuscito mai nell'impresa!

......................................................................

O Tora, Tora, riposa in pace ora che sei morta! perché non torni più in inverno? ha dimenticato la nostra casa? Perchè non vieni al focolare, come facevi un tempo? Noi, ad ogni posta del rosario che mamma recita, pensiamo a te. E mamma mia bella dice che eri una santa, e sempre ti benedice quando fa il tuo nome, sepre ti loda. Ma tu non senti più cara Tora, non senti le lodi; non torni quando soffia la tramonana e dormi in pace al camposanto!




 



I TUMBARI

Quand’alle feste venianu i tùmbari
curriamu lesti nue all’affruntare:
(o cari tiempi, tornati cchiù?)
O cchi alligrizza quandu sentiamu
‘ntra li cavuni nue rintronare:
bràbita brùbiti, bràbita brù

Due vote l’annu venianu i tumbari
alle due feste de lu paise,
(ch’a tantu tiempu nun viju cchiù!)
A San Rafèle ed allu Carminu:
iu tiegnu ancora le ricchie tise
a chillu suonu : bràbita brù!

Li miegli tùmbari eranu chilli
chi a nue venianu de Pittarella,
(tumbarinari fini su llà)
cà miegliu d’illi, mannaja puru,
chi la sonavadi la tarantella?
bràbita brùbiti, bràbita brà!

Quand’arrivavanu dintr’all’Addame
l’aggradiscianu propu li galli
(chi rispundianu chichirichì!)
li piedi a tutti furmiciàvanu
e llà tenianu ‘una l’abballi
e ‘ncuna mamma dicìa ccussì:

«Gioja de màmmata, figliu,‘nun chiangere
sienti li tùmbari : bràbiti, brà!
avanti ‘a gghiesa suni chi sonanu:
bràbita brùbiti, bràbita brà!»

«Si tu nun chiangi, core de mammata,
pue ti cce puortu io ‘vanzi llà:
o quanti gienti cce su ch’abballanu!
bràbita brùbiti, bràbita brà!»

«Stasira, sienti, cce su lli frùguli
e lle carcasse chi fannu : ttrà!
biellu, nun chiangere, sienti li tùmbari
e lla grancascia: bràbita brà!»

Ed accitavadi cumu ppe’ ‘ncantu
lu quatrariellu, nun chiangìa cchiù,
ca chillu suonu potìadi tantu:
bràbita brùbiti, bràbita brù!

A tantu tiempu mo’ nun ce vènenu
cchiùdi li tùmbari, sû dissusati
(è lu prugressu chi ‘un ci le vo’!...
moni alle feste vene la musica
e dde li tumbari se sû scordati
tutti i Gambùni, ma iosulu no!

Traduzione libera

Tamburi

Quando alle feste venivano i tamburi, noi correvamo velocemente a incontrarli:(o tempi
cari,tornate ancora?)O che allegria quando sentivamo rintronare dentro il burrone: bràbita brubiti, bràbita bru!
I tamburi venivano due volte all'anno, per la festa di San Raffaele e per quella del Carmine
(feste che non vedo più da tanto tempo): Io ho
sempre le orecchie tese a quel suono: bràbita brù.

I migliori tamburi erano quelli che venivano da Pittarella (suonatori fini sono là!) perché meglio di loro,mannaggia, chi la suonava la tarantella?  bràbita brubiti brabrita bru!
Quando arrivavano dentro Adami,(li gradivano
finanche i galli che rispondevano: chichirichì!)
a tutti formicolavano i piedi e lì tenevano il ballo, mentre qualche mamma diceva così:<< Gioia di mamma tua, figlio, non piangere, senti i tamburi:brabrita bra! Se tu non piangi, cuore di mamma, poi ti ci porto io là davanti; o quante persone ci sono che ballano! bràbita brubiti, bràbita bru! Questa sera ci sono i fuochi artificiali e le bombe che fanno :tra! bello non piangere senti i tamburi e la grancassa:brabrita brà!>> Ed il bambino, come per incanto, zittiva, perché quel suono poteva tanto:bràbita  brubiti, bràbita bru!

Da tanto tempo ormai non vengono più i tamburi, sono fuori moda(è il progresso che non li vuole più!...) Ora alle feste viene la banda musicale e dei tamburi, tutti i cosiddetti galantuomini si sono dimenticati, ma io no.



MAJU

Maju addurusu, tu chi ‘mbuoschi l’arvuli
de lu culure biellu d’a speranza,
rinvirde ‘u core mio chjnu de trivuli,
fallu sonnare n’atra vota tu!
‘mbolicamillu ccu pampine tènnare,
frische de l’acquazzina –cum’è usanza-
ppe sanare le chiaghe chi lu vruscianu,
ca nulla medecina cce po’ cchiù.

Maju addurusu ‘e menta e dde papaveri,
de sulla, de murtilla e nepitella,
famme tu risbigliare dintra ‘st’anima
tutti l’adduri d’ ‘a mia giuventù;
famme pensare sempre sempre a màmmama,
a chilla cara, santa vecchiarella
chi m’aspetta, suspira, chiange, spàntica,
pperchì se spagna ca nun tuornu cchiù.

Maju addurusu mio, fàmme tu sèntere
‘n’atra vota la notte i vriscignuoli
e lla matina ‘e rindine e lli pàssari
cumu ‘e sentiadi quandu èradi llà;
fàmme videre ancora ‘ntra li ticini
de le piche e dd’ e turture li vuoli,
‘u scrusciu d’e funtane fàmme sèntere
nò llu forte rumure ‘e ‘sta cità.

Fàmme videre ‘u cuozzu d’ ‘a Serràuta
‘n’atra vota, Ritùortu ed Acquanova;
Pùteru, i Cruci, ‘a Vota de lu Jùdice,
Vallùne Vuonu chi sonandu va;
i prati, ccu’ lapriste e ccu vurràjine
dduve lu furisiellu ‘u juornu prova
la zumbettana, appriessu de le piecure,
ed ogni tantu grida ; Gasci, gà!...

Pòrtame, o Maju, l’umbra frisca ‘e l’àuzini
de la bella jumara de Carvune,
duv’illa jìa a curare ‘a tila e a spàndere
le robe (ed iu facìa llu chichibà);
portame de le lavra sue de zuccaru
l’alitu, ‘u fuocu de’ suo’ uocchi niuri;
portame ad illa, ‘ncarne ed ossa, ccà!

Traduzine libera

Maggio

Maggio odoroso che ricopri gli alberi del colore della speranza, rinverdisci pure il cuore mio pieno di affanni, fallo di nuovo sognare! avvolgimelo con tenere foglie, fresche di rugiada - come si usa fare - per guarire le sue piaghe brucianti, perché non c'è medicina che lo possa guarire.

Maggio odoroso di menta e di papavero, di lupinella, di mirtillo e nepitella risveglia in me tutti gli odori della giovinezza; fammi pensare sempre a quella cara e santa vecchietta di mia madre, che mi aspetta piangendo, spaventata, perché teme che io non torni più.

Maggio odoroso, fammi di nuovo tu sentire di notte il verso degli usignoli e, di mattina, quello delle rondini e dei passeri come li sentivo quand'ero là(ad Adami); fammi vedere ancora il volo delle gazze e delle tortore tra gli ontani (Alnus cordifolia); fammi sentire lo scroscio delle fontane e non l'assordante rumore di questa città (Chicago).

Fammi vedere di nuovo il cucuzzolo di Serralta, Ritorto, Acquanova, Putero, le Croci, la Volta del Giudice, Vallone Vuono che scende rumoreggiando; i campi di rape selvatiche, di borragine dove il pastorello suona durante il giorno lo zufolo, menando il gregge e gridando di tanto in tanto:Gasci, ga!...

Portami, o Maggio, l'ombra fresca degli ontani,(Alnus glutinosa) delle bella fiumara di Carvone, dov'ella andava a curare la tela e a stendere i panni (ed io giocavo a nascondino); portami il dolce sapore di fragola delle sue labbra e l'alito del suo primo bacio, il fuoco degli occhi suoi neri; portami qui lei in carne ed ossa.





PALUMBA

Palumba janca janca chi te puosi
ogni matina all'uormu de la gghiesa,
si volando tu passi da sua casa,
salutamilla tantu tuni a Lisa;
arrubale 'na frunda 'e marvarosa,
cà illa è bona e nun te fadi offesa.

Illa sole filare lu sue fusu
avanti 'a casa.Si de mia te pisa,
palumba bella, dille: oilà, frambosa,
nata allu Surjituru 'ntra la prisa,
o ciopa, o Lisa, o tu chiacchi de 'mpisa,
si sapissi cchi gula mu te vasa!


Traduzione libera

Colomba

Colomba bianca bianca che ti posi sull'olmo della chiesa, se volando tu passi da casa sua, salutamela tu a Lisa; rubale una foglia di malvarosa, perché ella è buona e non ti fa del male
Lei suole filare davanti alla porta di casa, Se hai pietà di me , colombella bella, dille: oilà luce splendente, nata tra i mulini del Surjituru, o  bella e maliziosa, Lisa, se sapessi che grande desiderio ha di baciarti


NATALE


Ricuardi de Natale addurmisciuti
ve risbigliati ogn'annu, o affezionat!
vua siti sempre li buanivenuti
cà li vird'anni a mie vue ricurdati;
dei suonni d'uoru moni sprejuti,
dei fuorti amori mie' moni orvicatii
parràteme, o ricuordi risbigliati,
duci ricuordi mie', buonivenuti!

'Ntinnava lla campana: è natu, è natu!
gridavanu pue tutti, nun dormiti!
lu Rre d''u Cielu 'n terra èdi calatu,
o paisani, veniti, curriti!
ccu lla fòcara l'hamû quadijatu,
s''u viditi cche'è biellu, s''u viditi!
purtàtile la strina,u miegliu vutu,
o, s'un'aviti nente,'nu salutu!

E lli gienti venianu ad unu ad unu
alla gghiesa e 'ntinnava lla campana;
chi cce restava 'n casa sua? nesciunu,
ccu' tutta la nivèra, 'a tramuntana;
cà la cchiù bella festa 'e quantu sunu,
chi pòrtadi la pace e ll'arma sana,
è lu Natale di Gesù Bambinu
e tremadi lu core a ognunu 'nsinu!

Linguiandu saglianu li vampili
'mbersu lu cielu e pàrc'avianu l'ale,
e nue, assettati supra li sedili
d' 'a gghiesa, aviamu 'n'aria patriarcale.
L'organu s'aperia: pepoli-pili...
bella sunata ch'è lla pasturale!
la duce pasturale de Carmelu
faceva volare l'arme nostre 'n cielu!

E ppe d'ogni paise, pp'ogni vallu
ìn luntananza vidie 'na focarella,
e ad ogni ammasunaru sentie 'u gallu
fare: chichirichì! cchi festa bella!
Ogni mamma allu figliu: Va', vasàllu
- dicia - cà sa de zuccheru e cannella...
va', vasa allu Prisebiu 'u Bambiniellu,
chi dorme ccu llu voi e llu ciucciariellu.

'Ntantu la vuce de duonnu Pasquale
accurdava ccu chilla de Carmelu:
(e Gesaru votava llu Missale)
Tu scendi dalle stelle o Re del Cielo...
Oje, Bambinu,che llu tuo Natale,
e vieni in una grotta al freddo, al gelo,
ricòrdate de mie che sugnu sulu
e, a 'n'autru mundu, fazzu lu cucùlu.

Traduzione libera
Natale
Ricordi di Natale, addormentati, ogni anno vi
svegliati, oh come mi siete affezionati! Voi siete sempre i benvenuti perché mi ricordate gli anni verdi, i sogni e i progetti ormai dispersi, gli intensi amori ormai sepolti,parlatemi, o dolci ricordi.
Suonava la campana e tutti gridavano: non dormite, è nato il Re del Cielo, accorrete o paesani; col focarone l'abbiamo riscaldato; portategli doni e se nulla avete almeno un saluto.
Alte lingue di fuoco salivano fino al cielo e noi seduti nei sedili della chiesa sembravamo tanti patriarchi. L'organo incominciava a suonare la pastorale, eseguita da Carmelo, che faceva volare le anime nostre fino al cielo.
La gente si raccoglieva in chiesa, mentre la campana continuava a suonare; in casa non restava più nessuno e dai vicini paesi  e nei valloni si vedevano le luci dei focaroni. Nei pollai i galli facevano il loro verso e le mamme incitavano i figli ad andare a baciare il bambinello.
Alla fine il ricordo del poeta si sofferma  sulla
figura di don Pasquaale che unisce la sua voce a quella di Carmelo. di Gesaro che girava le pagine del messale
La poesia finisce con l'invocazione del Poeta al Signore: ricordati di me, che sono solo e  in un paese straniero faccioil canto del cuculo
 
'A ZUMBETTANA

Quandu sientu sunare 'a zumbettana
dintra 'nu vuascu, o dintra 'nu cavune,
te dicu 'a verità, sientu chi 'u bene
crisce ppe tie nun sacciu cumu va!

Piensica è llu suspiru chi me vene
'nta chillu suonu, 'e tie chi si luntana,
e benedicu 'u povaru guagliune
chi, sonanandu, pensare a tie me fa!

Crideme: 'u suonu de la zumbettana
pare chillu d''a tua voce argentina
- chi 'ntra 'st' anima affritta ancora sona
cumu 'nu tiempu chi nu vene cchiù! -

e m'arricorda dde chilla matina
chi n'abbrazzamme;- fodi 'ntra 'na cona,
e ll'uocchi bielli tui parianu lune
sutta chilla figura de Gesù! -

Puru tandu sunavadi luntana
'na zumbettana, dintra lu cavùne,
quandu giuramme 'e ne vulire bene
sempre, 'nsinca alla morte, sempre cchiù.

Traduzione libera

Lo zufolo

Quando sento suonare lo zufalo, dentro un bosco o un burrone, ti dico la verità, sento che
l'amore mio per te cresce, non so perché.
Forse è il sospiro di te, lontana, che mi giunge con quel suono e io benedico il povero ragazzo che, suonando, mi fa pensare a te.
Credimi il suono dello zufolo mi fa pensare alla tua voce argentina che ancora risuona in quest'anima afflitta come un tempo che non ritorna più e mi ricorda di quella mattina, quando ci abbracciammo dentro quella nicchia
col quadro di Gesù. I tuoi occhi lucevano come la luna. Anche allora, quando ci giurammo amore eterno, si sentiva in lontananza il suono di uno zufolo in un burrone.

APPUNTAMENTU
 
Ricuordi, anima mia,
la sira, all'umbraliata,
sutta chillu ruviettu?

Vattia 'stu core 'm piattu
'na marcia scelerata
'nsica ch''un te vidia.

E tuni, o affezionata!
nu' sbagliave mai l'ura
de chill'appuntamentu.

Cce cridi? quandu scura
pàrca te viju e sientu,
occhiuta mia ammagata!

E addumandu lu vientu:
hai tu 'ncuna 'mbasciata
d'illa? 'nappuntamentu?

Rispunde:S'è scordata
- mo' chi s'è alluntanata -
de tie, l'uocchi ammagata!

Traduzione libera
Appuntamento
Ricordi, amore mio, l'appuntamento verso sera, sotto quel rovo? Il cuore mi batteva forte nel petto fino a quando non ti vedevo. E tu, fedele, eri sempre puntuale. Credimi,appena scende la sera, mi sembra di vederti e di sentirti, o mia cara dagli occhi ammalianti! Domando al vento se porta notizia di te, ma quegli risponde:ora che è lontana, si è scordata di te, l'ammalitrice.

'A MENTA
Io te dicia: pperchì si fatta lenta
e stai tu culerusa e cchiù nun canti?
cchid'hai patutu, diceme, cchi fu?
- Haiu adduratu a 'na troppa de menta,
l'uomini 'nnamurati sû briganti,
ma 'u capu d'illi, crideme, sî tu!

Ed iu ridiendu rispundia: cchi cunti?
tu sî lla malandrina chi nun sienti,
chi nun cridi 'e mie pene, oi Tiresù'!
Tu chi prumitti sempre mari e munti
e allu stessu mumentu te ripenti,
'a brigantòla mia, cara, sî tu!

E sî lla maga chi 'stu cori 'ncanta,
tu chi tieni l'adduru de la menta,
tuni chi mari e munti me prumitti
e quand'è ll'ura pue nun sî mai pronta,
tuni chi sî lla luce de 'sta frunte
'a latra de lu core miu sî tu.

Haiu adduratu a 'na troppa de menta,
'a brigantola mia, cara, sî  tu!

Traduzione libera
La menta
Io ti dicevo, prchè sei così pigra, triste e non canti più? Che cosa ti è successo.
- Ho odorato una pianta di menta e mi ha detto che gli uomini innamorati sono briganti e che tu sei il peggiore.
Io rispondevo:
-Che racconti mai, tu sei una malandrina che non crede alle mie pene. Tu, o Teresina, sei quella che promette e non mantiene, tu mia cara sei la brigantessa, ma sei pure la maga che incanta questo mio cuore e che malgrado le tue mancate promesse mi  hai rubato il cuore.
Ho odorato una pianta di menta è mi ha detto che la brigantessa mia, cara, sei tu.
.


 Aggiornato il 29 - 03 - 2019

 Migliore visione -  Risoluzione 1366x768

 Il webmaster