Pina Majone Mauro

      

 

  "Le esperienze di vita, la tensione ideologica verso una società più equa e aperta ai cambiamenti imposti dalla modernità si coniugano strettamente in Pina con la concezione di una poesia che non può essere solo esternazione di buoni sentimenti o rivelazione al mondo della profondità del proprio sentire". Italo Leone in Cultura e letteratura nel Lametino vol.II pp.337,338 Lamezia Terme 2016

 

 

 

 

Home

Biografia

 

 

 

Opere

 

 

Critica

 

 

 

Poesie

 

 

 

 

 

 

 

Bibliografia

 

 

 

 

 

 

Fotogallery

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sambiase Storia

 

Dove siamo

 

 

   Link

 

 


Sambiase - Storia recente

Sambiase - Storia recente

La seduta del 18 ottobre 1967, la I Commissione permanente (Affari della Presidenza del Consiglio e dell'Interno) del Senato della Repubblica, approva la "Costituzione del Comune di Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro", grazie alla proposta di legge dell'On. Foderaro, congiunta a quella di iniziativa del Sen. Arturo Perugini.

L'art. 1 della proposta di legge dice testualmente: "I comuni di Nicastro, Sambiase e Santa Eufemia Lamezia in provincia di Catanzaro sono riuniti in un unico comune con  la denominazione di Lamezia Terme".

Il decreto di attuazione della legge istitutiva del nuovo comune previde la nomina di un commissario prefettizio e il 15 novembre 1968 i sindaci dei tre comuni operarono le consegne al rappresentante dello Stato alla guida della Città.

Il suo mandato avrebbe dovuto durare solo per un semestre, ma si protrasse fino alla primavera del 1970, poiché il Governo decise che le prime elezioni del nuovo comune si sarebbero dovute tenere nella tornata elettorale nazionale del giugno 1970, quando per la prima volta si sarebbero anche tenute le elezioni per la Regione Calabria, istituita in quel periodo. Il primo Sindaco di Lamezia Terme fu Arturo Perugini che si insediò il 28 settembre 1970.

 

Sambiase

 

Scrive il Barrio: "Est in agro hoc (neocastrensi) Blasium pagus, Turres olim Antonino Pio Caesari in Itinerario dictus..." Il Barrio, dunque, è il primo a dire che Sambiase era chiamata Le Torri, nell'itinerario di Antonino. L'Aceti, che annotò l'opera del Barrio, aggiunse Blasium.

Il Barrio ne celebra il miele, l'olio, i vini, tutti di grande bontà. Vi nascono li Giunipari (vulgo: Jinipari, ancora oggi la contrada si chiama così), vi sono in questo territorio "li bagni d'acque calde e sulfuree".

Non si mostrò persuaso il Giustiniani sull'antichità delle terre di Sambiase o San Biagio, accennato anche da Padre Fiore, il quale ne indica come vecchia denominazione, Le Torri.

In tale garbuglio di deduzioni e contraddizioni, diciamo, invece, che Sambiase era un villaggio di Nicastro e che il suo nome deriva da San Biagio, una delle quattordici chiese di Sambiase, visitate dal vescovo Pace nel dicembre del 1769. Infatti, accanto al piccolo cenobio di San Biagio, sorgeranno le prime abitazioni; il nome si adatterà alla fonìa del volgo e diventerà Sambiase.

Nel 1482, il feudo di Sambiase, appartenente a Ferrante I d'Aragona, venne aggregato alla Contea di Nicastro fino al 1799, seguendone le stesse vicende storiche.

Dopo il 1719, introdotto in Nicastro il Sindaco dei nobili, anche Sambiase ebbe il suo, cominciando ad avere completa indipendenza amministrativa.

 

Aggiornato il 07 - 10 - 2018

 Migjiore visione  Rsisoluzione 1366x768

 Il webmaster