Raffaele Proto

  

Raffaele Proto 1941 - 1987

"Oggi, dopo tutte le rivoluzioni formali e l'avvento dell'essenzialitÓ lirica, si possono scrivere sonetti solo con forte capacitÓ di sintesi formale ed Ŕ quello che Ŕ riuscito a fare Proto che Ŕ ben lontano dal calligrafismo e lancia questi sonetti come strali animati da biblico vigore... La poesia di protesta di Proto Ŕ incentrata sulla figura del poeta che sente, riflette e pensa, sull'ethos della civiltÓ contadina plurimillenaria e che ha il suo monumento in Esiodo, la saggezza civile in Solone antibraminico e antipopulista, in Gioacchino da Fiore che presenta contro la źlussuria di palazzo╗, mistiche trame di ascese purificatrici." (Antonio Piromalli, La letteratura calabrese, Pellegrini Ed 1996, pp. 252-253).

 

 

 

 

Home

 

Biografia

 

Opere

 

Critica

 

Poesie

 

 

 

 

Bibliografia

 

Fotogallery

 

Soveria Mannelli Dizionarietto suveritano

 

Dove siamo

 

Link


Poesie

PARTE PRIMA

RASCUNATE SUVERITANE

Si tratta di una serie di quadretti brevi, incisivi, alcuni addirittura lapidari, in cui, con plastica evidenza, prendono immediatamente corpo situazioni, fatti e personaggi. Ci˛ che subito colpisce il lettore Ŕ il sarcasmo sferzante che denuda impietosamente delle loro maschere gli ipocriti e tronfi pro-tagonisti di quel mondo bieco per intimo marciume. Questo sarcasmo diventa giudizio morale, severo ed inappellabile. C'Ŕ appena da precisare che non si tratta di un moralismo che si sovrappone dal di fuori alla trasfigurazione poetica, ma scaturisce dall'interno della poesia, come da un meraviglioso gioco di luci e di ombre, che, mentre meglio evidenzia e sottolinea la veritÓ dei fatti denudati delle apperenze, allo stesso tempo coinvolge il lettore che si sente provocato per una presa di posizione. Ci˛ che suscita le ire del poeta non Ŕ l'umana fragilitÓ, per cui egli sente compassione sia perchÚ sperimenta in sÚ la stessa fragili-tÓ, sia perchÚ si sente profondamente solidale con gli altri, specie con i pi¨ umili e con i pi¨ emarginati da quel mondo di prepotenza, che egli dipinge in modo cosý magistrale. Egli, invece, diventa fusti-gatore implacabile del malcostume, soprattutto quando questo si ammanta di ipocrita virt¨, di benevoli e compiaciuti sorrisi, di verbosa ampollositÓ.

Natale Colafati

SQUAZUNARIELLU

Sullo scenario della sofferenza umana, ecco che finalmente spunta ed emerge un per-sonaggio vivo, vero, grandioso e dignitoso nella sua miseria, il quale, simile ad un Cri-sto e, come Cristo, quotidianamente offeso dall'indifferenza godereccia, ha il coraggio di portare sulle sue spalle, deboli e indo-lenzite, il calvario di una societÓ in declino.

Squazunariellu, tÚnnaru e zzirr¨su,

te raghi 'nc¨ollu 'a 'nzunza (1) d'u paýse.

Si' ssempre spagnatýzzu e llimarr¨su,

ma ste labbr¨zze tue su' ggrise grise.

 

Ccu lli garr¨ni luordi e 'ntostatýzzi,

te scallozzýji 'n'urricÚlle 'e pane.

Te scÓrmini i capýlli 'mpastatýzzi

e ppÓrri de carýzze... ccu llu cane.

 

'NtinnÓndu, verzu sira, 'a Vemberýa,

te 'mpiesi 'na gamÚlla de vrodÓta.

'Nde sýmmini la menza ppe lla via e

'mpasti, ccu lle manu, 'a canigliÓta.

 

'Ntr'a zimba s'arremýna llu rivuotu

e 'mpunda 'ntra lu scifu 'a grugnar˛la.

'MbuttÓndu, le patate t'hai ricuotu

e... lle strucýni 'ntra 'na cassar˛la.

 

'U jurnu de la festa te 'ncull¨ri

ccu nnu caz¨llu strittu e arripezzÓtu.

Te 'nzurchi 'na cammýsa ccu lli juri

e vai ciliÓndu dintra lu mercatu.

 

Nu stentiniellu, 'nzýpitu e zzill¨su,

te passa dde vicýnu e tte scurrýde.

De fore Ŕ 'ncipratýzzu e mmuttett¨su,

ma dintra cc'e lla surra e... nnu lla vide.

 

Squazunariellu mio, poveru 'ncÓnna,

'ng¨mate... quetu quetu... sta grispÚlla.

Chillu Ŕ ffazÓnu cumu 'na succÓnna,

tu... sý 'mpastÓtu 'e luce!...Sý nna...stellal..

 


 

(1) In senso propriamente letterale vuol dire sugna, cioŔ la parte grassa e molle del maiale, specialmente della regione renale, da cui, unitamente alle cotenne, si ricava lo strutto. In senso pi¨ generale e figurato, ź 'a 'nz¨nza ╗ indica sia ogni genere di sporcizia esteriore, fastidiosa al tatto e alla vista, sia un aspetto interiore infido e sfuggente.

'U SPIZZU DE CUNTARE

Molti sono i personaggi che pretendono di comandare e primeg-giare a tutti i costi. Il loro modo di agire, spregiudicato e capzioso, viene criticato e osteggiato su vasta scala, ma essi, pur essendo miseramente schiaffeggiati dalla pubblica opinione e strapazzati come strofinacci da cucina, continuano imperterriti a perseguire disegni di primato.

AppagliarÓtu cumu 'na gallina,

te siedi ccu llu spizzu de cuntÓre.

Te sý arredd¨ttu cumu 'na mappýna,

senza pÚrdere 'u vizzu de 'mbrogliÓre.

'A ZAGAROGNA

Quella beffarda, pittorescamente incisiva e sferzante, risentitiva e pungente, Ŕ una delle componenti pi¨ vitali e dilettevoli dell'a-nima poetica popolare. In essa confluiscono, con dantesca efficacia e tagliente veracitÓ, i crucci, le amarezze, le gelosie, di chi ha ricevuto un'offesa, un torto, un mortificante affronto, di chi Ŕ stato tradito e ingiustamente criticato, di chi Ŕ stato deluso, vilipeso, trascurato, beffeggiato e deriso. I versi diventano un mezzo ed un fine per dare un p˛ di sfogo e di pace alle proprie frenesie interiori ed Ŕ proprio questa peculiaritÓ aggressiva che conferisce a siffatta poesia un carattere di piacevolezza, di insostituibile colorito dram-matico ed aderenza alla realtÓ. Si parla senza reticenze, si va alla ricerca delle immagini e delle parole pi¨ efficaci, ci si sente viril-mente soddisfatti, si getta sul proprio squallore quotidiano uno spruzzo di azione e di decisa genialitÓ. Questo, sarcastico ed allusivo, Ŕ, secondo me, il filone poetico pi¨ autentico dell'anima popolare, perchÚ Ŕ il pi¨ immediato, il pi¨ pittoresco, il pi¨ passionale, il pi¨ congeniale ai tormenti dell'uomo di ogni etÓ.

O zagar˛gna sýsita e nasc¨ta,

te 'nzýcchi sempre duve 'un tt'appartÚne.

'NgÓrra nu friscu e ffatte 'na dorm¨ta,

lassÓndu jire 'u mundu cumu vene!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PAISE MIO

Il mio paese Ŕ circondato da amene e riposanti verzure che emanano ossigeno e purezza. Quest'aria salubre e balsamica sta, per˛, diventando irrespirabile e velenosa per i malefici vapori esala-ti dall'ipocrisia e dell'adulazione che compromettono lo spirito di soli-darietÓ sociale.

Paýse mio 'ncurmÓtu de carýghi,

de týcini, de chj¨ppi e dde castagne,

davÚru nu prisÚbbju m'assimýgli

ammasunÓtu sutta ste muntÓgne.

 

La Mente de zu' pÓracu Vicienzu (1)

t'all¨ce dde luntÓnu e tte cunz¨la.

St'ammasunÓru... pecca dde discienzu (2)

e..., ppe Ila rusca. l'erva sicca ssula.

 

Anima 'ncurunÓta de sapýre,

sýmmina 'ngiru n'Ócinu 'e speranza...

RÓpere l'uocchji a cchine vo' ddormýre,

ca ccÓ... se scafunýja... ppe lla panza!


(1) Si tratta dell'augusto educatore e maestro Don Vincenzo Sirianni (Serrastretta 3-3-1883 - Soveria Mannelli 21-1-1943), la cui dottrina aleggia, come un'aquila di speranza, su tutto il nostro paese. Ecco, su di Lui, un giudizio sintetico di un ex discepolo: ź Era un uomo senza orpelli, un sacerdote illuminato e generoso, un profondo umanista dottissimo in filosofia intesa come sincresi di sapienza e saggezza ╗. (EDOARDO PERONACE, insegnante elementare in pensione). (2) Grave manifestazione di tossicosi prevalentemente infantile (eclampsia) caratterizzata da convulsioni simili a quelle epilettiche, o da sintomatologia diarroica; epidemia paesana di sottile rancore.

'U REMITA

Il danaro, come il rancore, avvelena l'esi- stenza, aliena le amicizie, compromette i valori morali, affettivi e familiari, sbiadisce i colori ed i sapori della vita, offende la dignitÓ e la laboriositÓ delle classi sociali umili, oneste, incantate e leali, abrade, scuote, corrompe e calpesta le coscienze, prospetta all'uomo una visione godereccia e demoniaca della vita, la quale diventa irrimediabilmente prigioniera delle scintille policrome della materia.

Te sý 'ntanÓtu cumu nu remýta

e..., ppe nna carta russa, si"nciotÓtu!

I sordi su' llu tuossicu d'a vita,

ma, 'ntra sta crozza tua, cc'Ŕ... nnu mercÓtu!

 

SUVERITANI

Noi Soveritani siamo generalmente attivi ed operosi, ma potremmo essere addirittura irre-prensibili e signorilmente impeccabili, se non fossimo distorti e sferzati dallo staffile del clientelismo, dell'arroganza, della presunzione impertinente, della sete di denaro e di potere e soprattutto dell'adulazione.

SuveritÓni mie, spierti e vurpýgni, ch'a llu dinÓru simu 'ncarpinÓti, ne ruccjuliÓmu sempre ccu prestýgni e dd'affriggienze simu 'ncarcarÓti.

ScordÓmune tal¨orni e ddispiacýri, sgrusciÓmu cuverchielli e ppisciat¨ri. Sta vita nostra Ŕ fatta de suspýri, de vÚrvari, 'ncriscienza e dde lang¨ri.

'U CJUCCJU DE CAPIZZA

Si t'arruffiÓni e vvÓsci sempre 'a cr˛zza,

cumu nu cj¨ccju viecchju de capýzza,

te 'ngrÓssanu e parinchýjenu la vozza,

mentre, si parri sempre, mangi vizza.

'A SCOLA

La scuola, secondo me, Ŕ come un tempio dove si dovrebbe entrare con compostezza, rispetto, laboriositÓ, professionalitÓ e decoro, per esple-tare il proprio dovere e per dare un senso di soddisfazione alla propria coscienza e una veste di serietÓ al proprio magistero. La scuola Ŕ an che come un orticello ricco di riposante e spe-ranzosa verzura curata e protetta dalla sinceritÓ dei ragazzi e dell'entusiasmo dei docenti. Ma i sogni, molto spesso, muoiono all'alba...

'A scola Ŕ ll'orticiellu d'a sperÓnza, '

a scola Ŕ llu cummientu d'a cuscienza.

Ma, ppe lli mali 'ntragni e lla 'mpurrÓnza,

se perde ogni sent¨re de spertienza.

'U SCURRUBBANDU

Caratterialmente sono irrequieto e impulsivo, sincero e leale fino all'ingenuitÓ, ma spesso vengo pregiudizialmente e vigliaccamente os-teggiato da alcune lucciole che brillano di luce riflessa ed annaspano nella melma dell'intri-ganza e della malignitÓ.

Un ppiglju mai riciettu a nullu pizzu

e, 'ntra le vene, cc'Ŕ llu scurrubbÓndu!

S'a vampa scillichýja, mi l'attýzzu

e lla vent¨ra vaju 'ndiminÓndu...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'A SCACATURA

In ogni borgata paesana o cittadina, per completare lo schizzo mosso e pittoresco dell'ambiente, c'Ŕ sempre la persona linguacciuta e pettegola, la quale semina la discordia in tutto il vicinato con insinuazioni cervellotiche, sparla di tutti, ma pretende di essere la pi¨ giusta e la pi¨ riservata delle comari.

Zann¨ta, valen¨sa e 'mbalenÓta,

tu sý 'ntroppÓta cumu 'na laprýsta.

T'annatichiji tisa e 'nsubrettÓta,

cumu 'na scacat¨ra 'ntra 'na cista.

 

'A SUPERBJUTA

Sý ttisa, frugulÓra e superbj¨ta,

cumu 'na streghicÚlla de rumÓnza.

Te meritÚrre fatta 'na lej¨ta

de vita, civilizza e dde criÓnza.

 

 

 

'U SIMMINATU

'Na cruce 'nzarzagnÓta de sud¨re

me serve...ppe 'nzurcÓre 'u simminÓtu! De supra cc'Ŕ 'nchiovÓtu lu Segn¨re chi,ppe lla cruce, chiange...'ndulerÓtu!

 

 

 

 

 

 

'U VIZZOCUNE

Questi versi intendono far riflettere quanti di noi concepiscono la religione non come esigenza e nutrimento dello spirito, ma come salottiero passatem-po sorretto dalla complicitÓ deldenaro. ź 'U vizzocune ╗, frequentatore saltua-rio e grottesco delle funzioni liturgiche domenicali e festive, Ŕ il classico bi-gotto saltellante, frettoloso, scultoreo, solitario e monumentale, il quale si reca in chiesa, furtivamente o in pom-pa magna secondo le circostanze, non per pregare e pentirsi, bensý per soddi-sfare la sua vanitosa autoritÓ, o per far tacere, momentaneamente, la voce della coscienza.

   Egli Ŕ un attore importante della commedia umanauniversale, nel cui ambito ognuno di noi recita e agisce non con naturalezza, ma con la maschera pirandelliana della falsitÓ.

  ź'U vizzoc¨ne ╗, per le sue variopinte debolezze, Ŕ uno come noi, i quali, in determinate occasioni o forse sempre, ci compiaciamo di troneggiare impettiti e superbi dei nostri titoli e della no-stra friabile e paesana grandezza.

   Egli finge di essere il servitore com-punto di una religione ufficiale, demo-tica, problematica e canonizzata, noi, invece, siamo effettivamente i servi-tori dell'adulazione e di altre divinitÓ, depositarle del cerimoniale della sud-ditanza ossequiosa e grassoccia.

 

 

'U vizzoc¨ne curre a sse sedýre

ppe sse conzÓre tisu e 'mparu 'mparu.

'U Paradisu 'ncÓsa ha dde trasire

e ttinge lla cuscienza ppe ddinÓru.

 

Si lÚje llu VangÚlu se 'mpag¨ra

e ssente 'ntra lu core nu scas¨ne.

Se fa lla cruce ppe mmu se sprec¨ra,

ma 'nc¨ollu cc'Ŕ lla surra d'u spj¨ne.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PARTE SECONDA

STILLUZZE DE RICUORDI E DDE SUSPIRI

Il poeta, con l'animo incantato del bambino, riscopre un mondo denso di dimensioni profondamente umane, che non si rivolge all'intelligenza e di cui il sentimento pervade la pi¨ intima sostanza. La meraviglia diventa partecipazione simpatica ad una realtÓ festiva e giocosa, ma pregna di significati, ed, attraverso il ź ludus sacer ╗ di usi e costumi, che del rito rifiuta solo lo schematismo ripetitivo per librarsi in un'ebbrezza vitalistica, entra in comunione esaltante con la sfera del Sacro. Le gioie di questo mondo demotico, che la cultura ufficiale vorrebbe relegare nella sottocultura e nel folklore vuoto e carnascialesco, rivelano radici che affondano attraverso i secoli nella cultura della ź Magna Graecia ╗ e che sopravvivono a tutte le dominazioni politiche ed alle imposizioni culturali. Lý il popolo ritrova la sua autenticitÓ ed il poeta vi partecipa, non solo perchÚ Ŕ il popolo da cui egli Ŕ nato, ma perchÚ scopre in quei valori la propria matrice culturale.

Natale Colafati

'A FOCARA 'E NATALE

Come foglie cadenti che, in Autunno, intor- pidite e inaridite dal freddo, si adagiano neglette sul terreno assonnato, o si dis-perdono, sulle ali del vento, verso ignoti e fiabeschi destini, cosý le nostre amene, morbide e prestigiose tradizioni, possenti come i personaggi omerici, elegiache e modulate come la poesia virgiliana, vanno inesorabilmente immergendosi nella nebbia dell'oblio.

'Ardenu e ccarcarýjanu i tizz¨ni

e lli 'mbriÓchi 'ntýnnanu la strina.

Remýnanu e spit¨zzanu i trunc¨ni,

'ncjurrÓndu chiaru 'nzin'a lla matina.

 

'A f˛cara 'e NatÓle Ŕ nna ricchýzza!

E' nna fuscÚlla 'e luce ppe lla festa!

'U core Ŕ 'mbervarÓtu 'e cuntentýzza

e... dde stu jurnu nu ric˛rdu resta...

 

GjuÓnni , Mastru Peppe  e MmiliÚlla

se scÓrfanu e sse c¨ntanu rumÓnze...

'Na tr˛ppa de sicýlle fa dde stella

e ssi 'nde porta... trývuli e sperÓnze.

 

A f˛cara cchj¨ ttoga 'e Suveria

Ŕ chilla d'a funtÓna 'e PortachiÓna .

Te 'nzÚrta 'ntra lu core 'na gulia

de sienzi, de ricuordi e dde murriÓna.


1) Si tratta di GIOVANNI CAVALIERI (Soveria Mannelli 27-1-1958). 2) Mi riferisco a GIUSEPPE MARASCO fu Pasquale (Soveria Mannelli 27-2-1908), un uomo sag-gio, limpido e sorridente. 3) Alludo alla mia parente EMILIA MARCHIO, vedova Marasco (Coraci 6-3-1922). 4) E' un rione soveritano che ha visto l'evolversi delle mie scorribande infantili.

SIENTI LA STRINA... MA'...! STENTI LA STRINA...

Si ode, in lontananza, la melodia alpestre di alcuni źstrinÓri ╗ e l'anima palpita di gioia, ma anche di malinconica dolcezza.

Passa lla strina... passa nna canz¨na

e ll'Ónima se sente scarcagnÓre.

Passa llu suonu... passa e tte 'ncur¨na...

Passa llu tiempu e... lÓssalu passÓre...

 

'A strina Ŕ cumu l'acqua de Gargýglia 1

'nzertÓta ccu ll'add¨ru de le rose.

E' chijcar¨la cumu 'na visciglia

e spacchjusÚlla cumu le framb˛se.

 

Se spÓmpula llu suonu 'ntra lu scuru...

Se perde... suspirÓndu... ppe lla via.

Arrýcchju a ssa canz¨na e lla 'nzap¨ru

cumu 'na cofanÚlla de gulýa.

 

La 'ntýnnanu, spizzj¨si e 'ngalapÓti,

Ninn¨zzu ccu Francýscu 2 e llu Tragj¨ne 3

'Ntr'a mente s'ammuzzÚllanu 'ngrillÓti li

tiempi de quand'era nnu guaglj¨ne...


1) Si tratta di una fonte che sgorga nelle vicinanze del rione Liardi (Decollatura). 2) Vedi note (1) e (2): źI trissettÓri ╗ pag. 33. 3) Mi rivolgo al mio caro e vaporoso amico GIOVANNI CALIGIURI (Soveria Mannelli 23-3-1913), titolare di un avviato esercizio di autocarrozzeria e conosciuto universalmente col titolo di : ź MARTELLUZZU D'ORU ╗.

'A PAPAZZINNA

Sona lla papazzýnna a San GjuÓnni 1

e lli guaglj¨ni vattenu le manu.

Ricuordi randulilli de settÓnni

pÓssannu ppe lla mente e ssi...'nde vanu...


(1) E' la ricorrenza festiva del 24 giugno dedicata a San Giovanni Batti-sta, patrono della mia Soveria e solennizzata con l'intervento di una banda musicale paesana, la quale ridesta fuggenti ricordi.

'A RESBIGLIATA

Si te resbýgli vispa e 'ngrillatÚlla

i vÚrvari d'a casa vanu bbuoni!

Si te resbýgli niura e 'ncazzusÚlla,

se sÚntenu li spari ccu lli truoni!

 

 

'A SCHETTA E LLA 'NZURATA

'A schetta Ŕ nna frascuzza siccar˛gna

e ppÓte ssempre ppe lli mali 'ntrÓgni.

R¨sica o... se sta ccýtu ppe vvrig˛gna,

ma, si la smicci, 'ngrisi e tte scarcÓgni.

 

'A 'nzurÓta se sciÓla a tte cuntÓre

i vÚrvari d'u liettu e dd'a cucina.

A lla ruga... se ferma a cjucjuniÓre

e, 'ntr'a putýga, pare una gallina.

 

'NtÚr'a porta:Ś CummÓ!...T'hÓju 'e parrÓre!

E... ciarmuniÓndu... passa lla matýna.

Si'mpila ggrÓssu, pue, te fa recriÓre

e lla volÚrre avire ppe vicina.

 

S'Ŕ sperta e ccu llu tuppu ha dde chietÓre

e... ssi rÓpere vucca Ŕ nna rujna.

Pipitýja e ppue curre a ss'ammucciÓre

cumu 'na quatrarÚlla malandrina.

 

'NgasÓte a nnu scal¨ne de vinÚlla,

quattru fýmmine schette e mmaritÓte

pÓrranu d'u sap¨re d'a rusÚlla e...

ppÓssanu, cuntÚnte, le sirÓte.

I TRISSETTARI

ź 'NA 'MBISCATELLA 'E CARTE O 'NA FAVUZZA TE 'NZURCA 'NTRA LU CORE 'NA RICCHIZZA! ╗

   In un ambiente vivido e accogliente, pulsa un mondo di gioia, di amicizia, di prestigio, di orgoglio, di risentimento e di solidarietÓ, il quale ti attira, ti ammalia e ti seduce non con artifici magici, appari-scenti e alchimistici, ma col magnetismo della semplicitÓ, dell'uguaglianza e della cordialitÓ.

   Quello della ź putighÚlla ╗ Ŕ ancora uno dei pochi paradisi superstiti e foggiati a misura d'uomo, dove ognuno di noi si sente vero e sincero, animato da un soffio di speranza e di altruismo, sospinto a dividere con un amico, anche occasionale, il peso del proprio calvario quotidiano.

Chi entra viene invaso da un senso di por-tentosa vitalitÓ e basta un bicchiere di vino per dischiudere una cortina di fascino e per assaporare il gusto dell'amicizia.

AzzaccanÓti 'ntra 'na putighÚlla,

ccu nnu varrýle 'e vinu ppe ccumpÓgnu,

addimmurÓndu ccu nna sardicÚlla,

pÓrranu de suttÓne e dde sperÓgnu.

 

Ninn¨zzu 1 s'arruncýglia lli mustÓzzi

e ttr¨scia ccu Francýscu 2 e llu cumpÓri.

'Nzap¨ranu tarÓlli ccu pipÓzzi

'ncugnÓndu jocat¨ri e bbiccherÓri.

 

Cc'Ŕ cchine resta all'urmu e sse sta ccitu,

cc'Ŕ cchine si 'nde nesce jestimÓndu.

'U sutta lupinija... assamberitu

e llu patr¨ne... 'ncj¨rra parachiÓndu.

 

'A camberÚlla 'ntýnna dde jestýgne,

de sgrusci, de 'mbruscÓte e dde stuss¨te.

JÚttanu picunÓte forgiarýgne ccu

pparolýcchie stierule e ccund¨te.

 

'U putigÓru vene 'ncullurÓtu,

'mpÓpara lli rugÓgni e ssi 'nde vota.

'U sutta se stendýcchia... sprecurÓtu

e dd¨na a lli culÓcchji 'n'atra scota.

 

Stan¨zzu (3) gargarýja e, ppue, se st¨ija

llu mussu ccu lla mÓnica d'u ggiÓccu.

Ninn¨zzu resta a ll'urmu e ciarm¨nija.

Signa Ile bbotte e... 'nzicca 'ntra lu saccu.

 

'Na putighÚlla 'e vinu Ŕ llu riciettu

d'i trissettÓri e dde li trusciat¨ri.

Se j¨ngenu 'ncroccÓti a ilu muriettu

sburiÓndu ccu pprestýgni e cconzat¨ri.


1) Mi riferisco al mio stimato amico e collega prof. ALDO COSTANZO, un uomo affabile e fecondo di solidale bontÓ. 2) Si tratta di FRANCESCO MARASCO (Soveria Mannelli 1-5-1922), un uomo colto, leale, profondamente umano e generoso, amante della contemplazione e della solitudine. 3) Alludo a STANISLAO VIRGILLO, un amico traboccante di semplicitÓ, fra-tello del prof. DOMENICO insigne cultore di studi filosofici.

 

'U VINU

   Questi versi agili, semplici e garbati, hanno l'onorevole compito di inneggiare vaporosamente al nettare della vita: il vino genuino e regale, ispiratore ed evocatore di emozioni, di suggestioni, di sensazioni corpose ed istintive, uniche, irripetibili e capaci di fugare, in un attimo, il grigiore e lo squallore dell'esistenza.

   Il vino Ŕ, come una donna leggiadra, la croce e la delizia dell'uomo ed ha il magico potere di sospingerti piace-volmente verso l'altare dell'ebbrezza per farti assaporare, goccia a goccia, l'effervescenza paganeg-giante del suo regno, oppure di farti precipitare nel baratro della con-fusione e della depravazione.

   Come un amico fedele e premuroso, ti sorregge nei momenti di tristezza, di sco-ramento, di malinconia, di perplessitÓ, di indecisione.

   Ti rende euforico, intraprendente, auda-ce, conquistatore, geniale.

   Ti fa essere un motteggiatore caustico ed incisivo nelle discussioni animate, oppure ti conferisce una carica di simpatia e di autorevolezza nelle riunioni conviviali.

   Come un'apparizione fatale e incan-tatrice, il vino ti attira, ti avvince, ti stra-zia, ti seduce e, in determinate circostanze volute e ricercate per allettare il corpo e lo spirito, ti avvolge nella spirale vorticosa ed eterea di una piacevolezza senza aggettivi.

 

Si 'biondu, si' ggentýle e rrussulýllu,

d'a vita si' llu Rre e llu conzat¨ru!

Si' ssapur¨su cumu nu vasýllu

e dde sta vucca sý llu spacchiat¨ru!

PRIMAVERA

E' PrimavÚra! Festa de cul¨ri!

E' PrimavÚra! Gioia de stu core!

ArricettÓmu vÚrvari e ddul¨ri,

godimune d'u sule lu tep˛re.

 

'Na margherita spunta a nnu stravientu,

'na violicÚlla cÓccia lla cap¨zza.

'U core m'assimýglia nnu parmientu...

'Ntra l'erva s'arremýna nna crap¨zza.

 

'U pÓssaru cilýja ccu ppecýre, '

u miÚrulu va 'ncýrca 'e cuscugliÚlle.

Resbýgliate, quatrÓra! Nun dormire!

E... scu˛tula cammýse e cammisÚlle.

 

RÓpere stu bbarc¨ne e ssa finÚstra!

'Nd¨cete st'aria frisca e ggenuýna!

Scinde 'ntra l'uortu e ccoglie 'na minÚstra

cund¨ta de sap¨re e dd'acquazzýna!

 

Lu piÚrzicu sparmÚnta e ss'affacciÓre

ccu nnu jurillu tÚnnaru e ggentýle.

'U pettir¨ssu 'ncýgna a piccjuniÓre

e zu' Michele cjuma a nnu sedile.

 

 'A PrimavÚra porta nna vilÓnza

'e canti, de bellýzze e dde sap¨ri!

'U virde Ŕ lla simÚnte d'a sperÓnza...

'E viole de sta vita su'... ll'add¨ri.

PASSANU I ZITI

Se 'nzura nna furrÓcchia e lle cummÓri

d'a ruga e dde vinÚlle cchj¨ vicine

se vanu ricogliendu 'mpedi l'urmu 1

ppe sse gustÓre 'a zita e ppe guardÓre

si l'abitu le mere.

'A quatrarÚlla spercia e sse sta ccitu,

'a gjuvenÚlla se fa russa e spera,

'a fýmmina 'nzurÓta si 'nde ride.

'Na vecchiarÚlla tutta 'ncatarrÓta,

ccu nna man¨zza sutta lu sinÓle,

'nghjÚrmita llu rusaru e sse cunz¨la...

1) Si tratta dell'olmo secolare che troneggia nelle vicinanze della Chiesa di Soveria.

 

 

 

 

 

 

PARTE TERZA

PULLULE 'NZUCCARATE DE LU CORE E PPAMPINE 'NZURCATE DE SAPURE.

ź 'MbÚrvara nna sirÓta fridda e scura

ccu scutulÓte 'e nive e purverýnu.

Tacchýju a mme 'ntanÓre 'ntra ste mura...,

ppe mme 'ncjurrÓre n'Ócinu de vinu ╗.

   Da ź Mamma Adelina ╗

   La tempesta che infuria non Ŕ solo quella atmosferica; Ŕ soprattutto la tempesta della vita, che agghiaccia le vene ed oscura il cuore: e nemmeno ź Bacco ╗ pu˛ fugarla.

   E' al caldo del focolare domestico, la cui ź Vestale ╗, quasi su un'ara sacra, alimenta il fuoco della vita, che si pu˛ operare questa magia.

ź Mamma Adelina 'ncigna...: źVita mia...!

   Ibidem

   E' in questa unitÓ affettiva (il poeta vive nello stesso momento Ś non solo in senso cronologico Ś il suo duplice ruolo di padre e di figlio) il segreto della magia che gli consente di godere di sÚ e delle cose in un clima di pace. E come in una favola le cose si animano, si caricano di ricordi che diventano sogni vissuti con l'intensitÓ di una realtÓ attuale.

ź'E note d'a zamp¨gna 'e zu' Mic¨zzu se

pÚrdenu luntÓne... suspirÓndu ╗.

   Ibidem

   Il poeta ormai rivive la sua infanzia bisognosa di affetto, di carezze, di favole.

źO ma'...! SÚdete m˛ a stu cippariellu

e parra d'a rumÓnza 'e Tridicýnu,

d'a scirubbÚtta e dde lu carriciellu,

d'u tirri, d'a zzurri˛la e dd'u martýnu ╗.

   Ibidem

   E la poesia diventa ź poietica ╗ di una dimensione insperabile. źe ttorna quatrarÚlla cum'AdÚle ╗.

   Ibidem

   Nel superamento della barriera del tempo sono insieme Mamma Adelina, Adele ed il poeta, fanciulli spensierati in un alone di felicitÓ.

   Il ricordo, impotente e triste, del fanciullo pascoliano diventa nel Proto, come per arcano incantesimo, gioiosa realtÓ.

   L'intimitÓ, da ricerca di rifugio e di conforto, in cui rimarginare le proprie ferite, si trasforma in pienezza di vita che si alimenta d'amore e fiorisce nella gioia.

   I sentimenti si esplicano liberi ed autentici in una comunione totale che rende superflua la parola.

   Ma quello creato dalla poesia Ŕ un mondo drammaticamente fragile che, pur gelosamente protetto, viene continuamente infranto anche dal pi¨ piccolo tocco maldestro di mani grossolane.

   E ritorna la dicotomia dolorosa dei sentimenti, e la loro inco-municabilitÓ, nella realtÓ frustrante della monotonia quotidiana.

źMamma Adelina! Cumu si' affriggj¨ta...! ╗

   Ibidem

Ma Ŕ ancora lei, la donna-madre, che sola custodisce nel suo cuore, alimentandolo col suo amore sofferente, per richiamarlo al momento opportuno a nuova vita, quel mondo ź di favola ╗, che s'identifica con le aspirazioni pi¨ intime e pi¨ profonde di ogni uomo.

źJurýllu suspir¨su e 'ndulerÓtu,

ccu nn'acu 'ntirillÓtu 'ntra lu piettu,

ric˛rdate d'i juri d'u passÓtu

e 'ntra lu core tr˛vacce riciettu ╗.

   Da ź Jurýllu suspir¨su ╗

Natale Colafati

MAMMA ADELINA

   Rivolgo un saluto lirico a mia madre alla quale sono immensamente legato da un affetto senza aggettivi, oltre che da un sodalizio caratterialmente elettivo.

'MbÚrvara nna sirÓta fridda e scura

ccu scotulÓte 'e nive e ppurverýnu. ¨

Tacchýju a mme 'ntanÓre 'ntra ste mura...,

ppe mme 'ncjurrÓre... n'Ócinu de vinu.

 

M'assiettu 'nter 'u fuocu e mme quadýju,

mentre i tizz¨ni vanu 'mbervarÓndu.

Me frýju due patÓte, me recrýju

e lle cusc¨glie vaju reminÓndu.

 

A nn'Óngulu, sed¨ta a nna seggj¨lla,

cc'Ŕ... mamma mia... chi 'nghýjma nnu

sinÓle. AdÚle 1 va 'ngirÓndu ccu nna culla

e... ssente lla rumÓnza de JugÓle 2.

 

Supra 'na seggia stiendu nu stiav¨ccu

e lle sicýlle sÓglienu a lli travi.

Mamma se sciala e zlliica nnu zuccu,

AdÚle sgruscia ccu nnu mazzu 'e chiavi.

 

'A faccjuzzÚlla 'e mamma Ŕ ssuspýrusa,

ccu nna chijc¨zza e nn'¨mbra 'e dispiacýre.

AdÚle joca ccu nna pezza aff¨sa...

Mamma Ŕ ccuntÚnta e ccirca dde cusýre...

ź Ppe mmie ssa quatrarÚlla Ŕ nna ricchizza, ppe mmie ssa quatrarÚlla Ŕ nnu tris˛ru. Quandu m'abbrÓzza, quanta cuntentýzza! Quandu me vasa Ŕ cchj¨ prezj¨sa 'e l'oru!╗

Nanna e nnep¨te jocanu e nnu cantu...

Se sc˛rdanu d'u mundu... Cchi allegria!

'A nive ne cumb˛glia ccu nnu mantu...

Mamma Adelina 'ncigna...: ź Vita mia...! ╗

 

ź ...Dorme...! Ca vene mm˛ lu zampugnÓru

e 'nghjÚrmita nna ricca ninna-nanna... ╗

Tu duormi... Nanna dice llu rusaru...:

ź'U prýncipe te raga nna succÓnna ╗.

 

'U gattu cjuma cumu nu Rre MmÓgju.

'U zuccu ciarmunýja e... ppue s'ast¨ta.

ZÓ Tiresýna 3 Ŕ cumu nu rir¨ogju...

Mamma Adelina! Cumu si' affriggj¨ta...!

 

'E note d'a zamp¨gna 'e zu' Mic¨zzu 4

se pÚrdenu luntÓne... suspirÓndu.

Resp¨nde lla pipita de Vir¨zzu

e lle sicille vanu satariÓndu.

 

O mÓ...! SÚdete m˛ a stu cippariellu

e parra d'a rumÓnza 'e Tridicýnu.

d'a scirubbÚtta e dde lu carriciellu,

d'u tirri, 'a zzurri˛la e dd'u martýnu.

 

C¨ntame de la tila de Jugale

e ttorna quatrarÚlla cum'AdÚle.

Ric˛rdame d'a zzana e dd'u grembiÓle,

ca le par˛le tue su' cumu 'u mele...


1) E' la mia bambina nata a Catanzaro il 9-11-1976, la quale porta il nome melodioso della nonna. 2) Jugale, con le sue dist vventure e le sue grottesche peripezie, incarna efficacemente e superbamente la figura del povero diavolo, del credulone, ź d'u cjuotu maliticu ╗, vittima indifesa e innocente di una societÓ spietata, sadica, sedicente furbesca che cerca di deridere le miserie altrui per mascherare le proprie e per nascondere un'insidiosa pochezza mentale.

Gli ź sperti e 11i scienziati ╗ non hanno alcun titolo per dileggiare burle-scamente la buona fede e l'ingenuitÓ dei poveri diavoli relegati ai margini di una societÓ opulenta e smagliata, ma dovrebbero riflettere sulle proprie tenden-ze meschine e guardarsi responsabilmente allo specchio. Secondo me, gli auten-tici ź jugali ╗ del nostro tempo non sono quelli della ź rumÓnza ╗ consapevoli dei loro limiti, bensý quegli addobbati manichini che disprezzano gli altri e non vedono che dietro di loro ci sono il vuoto e lo squallore pi¨ completi. 3) Mi riferisco a mia zia TERESINA MARASCO (Soveria Mannelli 10-10-1909), sorella di mia madre, alla quale sono molto affezionato e devoto, perchÚ mi Ŕ stata sempre vicina e mi ha prodigato tante cure, quando mia madre era ricoverata in ospedale, durante la mia prima infanzia. 4) Si tratta di DOMENICO COLOSIMO (Soveria Mannelli-Colla 9-19-1909), attualmente abitante a Cilifetto. E' un uomo arzillo, sorridente, cordiale e primeggia come suonatore di zampogna. Della sua bravura ha dato un saggio la notte di Natale del 1976, per solennizzare la nascita della mia bambina.

RICUORDI E SUSPIRI

Passa la vita, sfavillano i ricordi e l'anima annega vorticosamente in verdeggianti sospiri.

Se sÚnte... dde luntÓnu... 'na zamp¨gna... chi 'mb¨tta lli suspýri 'e zu' GrabiÚle. 1 ViÓtu chine... quetu quetu... 'ngr¨gna cappellÓzzi e tturdýlli ccu llu mele.

Fazzu 'na carizzÚlla a mamma mia

e scÓrminu i capilli d'Ubard¨zzu 2.

Pracchjune joca ccu nnu sciallu 'e zia

e vva ciliÓndu... cumu 'n'aggell¨zzu.

 

Sti papuzzÓni 3 su' lla vita mia...

M'abbrÓzzanu ccu ccore e nne recrjÓmu.

Me d¨nanu nu pocu de chiarýa,

me str˛ppanu i mustÓzzi e nne prejÓmu...

 

AdÚle, ammasunÓta a nna rasýlla,

conza nna cammisÚlla a Vvicenzýnu. 4

Za' Tireslna trova nna scasýlla

e llu gattu... le z¨mpa 'ntra lu sinu.

 

MugliÚrma, 'mpaparÓta a nna seggjulla,

se 'ng¨ma nna patÓta parignÚlla.

Mamma Adelina annÓzzica lla culla

e... 'ncigna nna rumÓnza... longarÚlla.

 

'U tiempu passa e tt˛rnanu a lla mente granzýlli de 'ngrugnÓte e carricielli.

'A nanna e lla nep¨te su' ccuntÚnte

e parranu de fate e dde castielli.

 

'Ntr'u fuocu nu tizz¨ne scattarýja

e lle sicýlle 'ntýnnanu la nÓnna...

Za' TiresIna anc˛re ciarmunýja

e AdÚle fa, ccu ssÚggie, 'na capÓnna.

 

'E ggioie cchju 'ncarnÓte e ssapur¨se, sustÓnza d'a famiglia e dde sta vita,

su' ddue spic¨zze tÚnnare e ggulj¨se

e lle sperÓnze mie vestute a zzýta.


1) Si tratta di GABRIELE CIMINO (Liardi-Decollatura 4-4-1906). Con im-menso piacere e affettuosa gratitudine mi rivolgo all'artista e all'interprete subli-me ed ispirato della zampogna, uno strumento patriarcale ed immensamente espressivo, il quale con i suoi sospiri sovverte le pi¨ intime inclinazioni dell'estasi paganeggiante e dionisiaca. 2) Si tratta di Ubalduccio, il mio bambino che perpetua il nome di mio padre. (3) Adele e Ubaldo. 4) Mi riferisco ad un prezioso bambolotto regalato affettuosamente alla mia bambina dalla gentile signora VLNCENZINA SIRIANNI (Decollatura 26-10-1901), madre del mio cordiale amico e collega RAFFAELINO SIRIANNI.

ADELE

Ricchýzza mia, lumÚra de stu core, sperÓnza de sta terza e dde sta vita, dÓmme 'na manu e 'nz¨rcame vig˛re   

ppe cc˛gliere 'na jýffula de sita.

 

Sti capill¨zzi biondi e arruccjulÓti, st'occhj¨zzi chiÓri d'acquicÚlla 'e mare l¨cenu 'ntra la mente arricettÓti

e mme recrýju sempre a lle vasÓre.

STA VITA MIA...

Bella Ŕ sta vita mia chi va 'ngirÓndu

cumu nu vullu 'e sienzi e dde sperÓnza!

Bella Ŕ sta vita mia chi va sperciÓndu

i spizzi carist¨si de la panza!

 

Bella Ŕ sta vita mia quand'Ŕ scuntenta

e mminte 'ncr¨ce 'n'anima quagliÓta!

Bella Ŕ sta vita mia quandu sparmÚnta

a strampaliÓre ccu nna 'mbriacÓta!

PATRIMMA

Spesso mi ritorna nella mente l'immagine di mio padre Renato-Ubaldo, deceduto il 27-12-1972. Me lo ricordo affettuoso, sorridente e premuroso, anche quando aveva la giacca tutta inzuppata d'acqua, dopo una giornata di duro e corrosivo lavoro.

Te rassimýglju sempre affezzionÓtu,

amýcu de l'amýci e pricar¨su.

Te tiegnu 'ntra lu core 'ntorchjniÓtu

ccu nnu sorrisu e ccu llu giaccu aff¨su.

 

 

SPIGOLATURE AFFETTIVE E ROMANTICHE

NOTE AMARE

Tenui, pacate, grevi di tristezza,

cullate dai silenzi della sera,

giungonle note vaghe e speranzose

d'un garrulo clarino.

Son note adorne di fuggenti baci, messaggere discrete e sospirose

di tante ascose ed inespresse voci.

Un balcone si schiude e s'intravede

un alitare di capelli biondi,

tra sguardi timorosi ed un sorriso,

furbesco e sonnecchioso,

animatore di furtive attese.

LA MIA BAMBINA

La mia bambina dai capelli d'oro,

dagli occhi azzurri e chiari come il mare,

quando sorride Ŕ un magico tesoro

e le tristezze fa dimenticare.

 

Con la vocina garrula e trillante,

mi chiama e mi conduce a saltellare.

Io la seguo giulivo e trepidante,

perdendomi con lei, a fantasticare.

BRUMA NOVEMBRINA

Davanti a una vetrina illuminata,

tutta fiocchetti e trine,

smunto e smagrito se ne sta un bambino con gli occhi scintillanti, a rimirare

un costoso balocco.

Sogna e rimembra le passate fole,

dolci carezze, ariose monachine

che ricordano gli occhi della mamma.

Rivolge poi lo sguardo timoroso

verso un mesto passante, a interrogarlo.

Torna di nuovo a rimirar l'orsetto.

Indi sorride e, tutto trasognato,

si disperde silente

tra la bruma del mese novembrino.

LA BEFANA

La Befana Ŕ una vecchietta

tutta rughe e poesia.

Con la scopa vola in fretta,

porta ovunque l'allegria.

 

Vien pian piano dal camino

per premiare i bimbi buoni:

un orsetto, un soldatino,

un pianino e tanti suoni.

 

Vola via senza rumore,

per i tetti, via... lontano...

Ecco l'alba! E con stupore...

S'alza un bimbo e spera invano...

 

Ma...! La calza ed un trenino!

Corre, corre dalla mamma...

Poi si getta sul lettino

e di gioia... il cor s'infiamma.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su

 

 Aggiornato il 27 . 01 - 2017

 Migliore visione  -  Rsisoluzione 1366x768

 Il webmaster