Vittorio Butera

  

 

  1877 - 1955

"C'è in lui, accanto al mondo che fustiga,   un contromondo preciso, che in Trilussa non è dato trovare: pago,  questo poeta,  del suo scetticismo mondano,pago di prendere in giro chi si dà delle arie, di svelare i trucchi e i sottofondi dell' esistenza,di mostrare che egli non si fa gabbare dalle apparenze, dalle parole dei politici, di tutti i politici.  Butera invece prende energicamente sul serio la sua materia, difende i valori in cui crede, di fermezza, di fedeltà, di disinteresse; non fa politica, nel senso spicciolo della parola, perchè in lui la politica si converte in morale".(Dalla Prefazione di UMBERTO BOSCO al volume VITTORIO BUTERA -  EDITRICE MIT- Cosenza, 1978)

 

 

 

 

Home

 

Biografia

 

Opere

 

Critica

 

Poesie

 

 

 

 

Bibliografia

 

Fotogallery

 

Conflenti   Storia

 

Dove siamo

 

Link


Poesie

'A FUNTANA DE FRUNTERA

 

A ru paise miu, 'na vota, cc'era,
E, ppe' ffurtuna nostra, cc 'èdi ancora,
'Na funtanella ditta de Fruntèra,
Chi nesce dde 'na petra figlialora;
Umbra le fa 'nna cerza 'ndedarata 
Dduve l'aggielli càntanu a jjurnata.
De quannu munnu è mmunnu
 'Ssa funtanella è stata
'A fata 'e 'sta cuntrata.
Ha ppirinchiùtu 'a vozza
All'antinati mie fatigaturi
E ppue l'ha rrifriscatu 'e cannarozza,
'Ntramente de simente
Inchjanu i surchi funni e dde suduri.
Ppe' ddare 'n 'unuratu
Pane a ra gente chi l'avìa ssudatu,
Ha 'mpastatu 'a farina
De tutte 'ste mulina,
Ed ha ccu ttutti quanti i culaturi,
Abbiviratu juri
E rrose d'ogne mmise,
Mo' ppe' re gioie e mmo ppe' ri duluri
De tuttu 'stu paise.
Ma 'na matina, musiche, bannère,
Discurzi, vattimanu....
De 'nu vuoscu luntanu
Arrivàru zzert'acque furistere,  
E ccu   re furie pazze     
D' 'e cunnutte furzate       
Affunnìeru re strate, 
Allagaru re chiazze
E 'nnu paise sanu
Riddusseru a ppantanu.
 'A povara funtana de Fruntèra,
Se sa, fò abbannunata,
Ppecchì 'sta ggente nostra è ssempre stata
O 'ngrata o trafaccèra.
Fina chi l'ha ssirvutu
Ppe' rrifriscare cannarozza e jjuri,
L 'ha ssùbbitu rinnutu
Tutti quanti l'unuri;
Ma quannu ppe' ra site paisana
È arrivata 'n 'atr'acqua furistera,
L 'ha ddittu: statte bbona, o de Fruntèra
Vecchia funtana!
Ma tu chi vìeni 'e suttaterra e 'mpunnu
Canusci cum 'è ffattu e bba ru munnu,
Nulla parola d'odiu o de minnitta,
Cara funtana de Fruntèra, hai ditta.
Ppe' Ssupra 'u ceramìle
Chi nn 'hadi n 'àutru accuoppulatu a pponte,
Discurri cumu prima cu ra fonte
Chi cum'è cchiara deccussì è ffidile.canti e ccanti.

A 'nn 'apa ed a 'nnu jure,
De l'ùomini cchiù ddigni,
Cunsacri mo l'amure
Chi prima dave a ttradituri 'ndigni.
De Supra chira cerza 'ndedarata
'Nu mìerulu rispunne a prijmavera
Ccu 'na canzuna tantu appassiunata
Chi finisce ccussì: funtana, spera!...
Passàru ll'anni. Curtu quantu amaru,

Vinne 'nnu malu mise de frivaru.
A terra, abbotracata,
'U nn 'ha ppututu cchiù
E ss'è, ppardìu,  spracata
De cientu banne: vuu!...

'A cunnutta furzata
A mmare è scigulata;
'E funtanelle asciutte
Se su' ttruvate tutte,
E ra gente 'mpidile,
Cchiù mmo ca prima 'ngrata,
Cchiù mmo ca prima vile,
A Ffruntera è tturnata.'
A cchira funtanella abbannunata,
Ch'è ssempre llà dduv'era,
All'umbra de 'na cerza 'ndedarata,
Chi 'un cància dde bbannera.
Dice ra fonte: -Mo cchi cce vulèra
Ccu 'ssa canaglia 'ngrata,
Ccu 'ssa gente due vote trafaccèra,
Chi curre a ri bisuogni dduve tata?
'Nu pugnu de vilenu e sse pirdèra
Dde tutti 'a radicata! -
Ma chira funtanella abbannunata
Rispunne ddeccussì:

-Ppe' qquantu vili,
Penza ca me su' ffili,
O fonte 'ntruvulata.  -
Ed ìnchje ri varrili
De chira gente 'ngratra.




                                                          

La fontana di Fruntera

C'era una volta, al mio paese, e per nostra fortuna c'è ancora una fontanella chiamata Fruntera, la quale nasce da una pietra sfaldabile; le fa ombra una quercia coperta d'edera, dove gli uccelli cantano durante tuto il giorno. Da quando il mondo è mondo, questa fontanella è stata la fata di questa contrada. Ha riempito la brocca ai miei antenati faticatori e poi ha rinfrescato le loro gole mentre riempivano di semente e di sudori i solchi profondi. Per dare pane  onorato alla gente che l'aveva sudato, ha impastato la farina di tutti questi mulini ed ha, con tutti quanti gli scolatoi, innaffiato fiori e rose d'ogni mese, ora per le gioie ora per i dolori di tutta la gente del paese. Ma una mattina, musiche, bandiere, discorzi, battimani... Da un bosco lontano arrivarono certe acque forestiere, e per la forte pressione delle condotte forzate bagnarono le strade, allagar
ono le piazze e ridussero  a pantano l'intero paese. La povera fontana di Fruntera, si sa, fu abbandonata, perché questa nostra gente è sempre stata o ingrata o voltafaccia. Fino a quando ne  ha avuto bisogno, per rinfrescare gole e fiori, le ha subbito reso tutti gli onori; ma quando per soddisfare la sete paesana è arrivata un'altra acqua forestiera, le ha detto:statti bene,o vecchia fontana di Fruntera! Ma tu che vieni da sottoterra e a fondo conosci come è fatto e va il mondo, nessuna parola d'odio o di vendetta hai detto,cara fontana di Fruntera. Da sopra la tegola , che ne ha un'altra  disposta sopra come un coperchio, discorri come prima con la fonte che come è chiara così è fedele. E canti e canti. Ad un'ape e ad un fiore, più degni degli uomini, consacri ora l'amore che prima davi a traditori indegni. Da sopra quella quercia coperta d'edera un merlo risponde a primavera con una canzone tanto appassionata che finisce così: fontana, spera! Trascorsero gli anni. Corto quanto amaro, sopraggiunse un cattivo mese di febbraio. La terra impregnata d'acqua non ne ha potuto più ed  è, perdio, franata da cento parti. La condotta forzata è scivolata a mare;le fontanelle si son trovate tutte asciutte e la gente infedele, ora più di prima ingrata, ora più di prima vile, è tornata a Frontera; a quella fontanella abbandonata, che è là dov'era, all'ombra di una quercia coperta d'edera, che non cambia bandiera. Dice la fonte: - Ora , cosa ci vorrebbe per questa canaglia ingrata, per questa gente due volte voltafaccia, che corre dal babbo solo  quando ha bisogno? Una manciata di veleno e, di tutti,  si perderebbe la stirpe! Ma quella fontanella abbandonata così risponde: - Per quanto vili, considera che mi sono figli, o fonte intorbidita. E continua a riempire i barili di quella gente ingrata.



'A LICERTA E RU CURZUNE 

 

'Na licerta,
Sberta sberta,
A ra loggia spalancata
De 'na scola era 'ncriccata,
E, ccurcata
Supra l'anta,
Tutta quanta
Rusicata, d' 'o barcune,
Se gudìa ro solliune.
Intra, cc'era
'Nna filèra
De sculari
Gridazzari;
Ma, chiù d'intra ancore, cc'era,
Ccu ra frunte rughijata
E ra capu 'na nivèra,
'Nu maestro chi facìa
Llizzione 'e giumitria.
Se chiamava ddonnu Titta
E ra crozza  avìa ddiritta.
De 'na cagna de lavagna
Scassàu pprima zerti cunti;
Pue pigliau, signàu ddui punti
E ddicìu: -Ppe d'arrivare
De ccà ccà se puotu ffare
Mille vie, billizze mie:
Chista, 'st'àutra, chista ccà;
Ma sintiti a Ddonnu Titta,
Chi de vue de cchiù nne sa,
'A cchiù ccurta è ra diritta -
'A licerta chi sintiu
Disse: -È bberu
Ppe' ddavèru! -
E, dde tannu, si camina,
Fuje, spritta e bbà ddiritta,
Pirzuasa ch 'abbicina.
Doppu 'n 'annu, 'na matina,
Mentre jìa
A ttruvare 'na vicina,
'A vavìa
S'affruntàu  ccu 'nnu curzune
Chi, 'u' ssapìennu giumitria,
Stuorticannu  si nne jìa.
'A licerta le dicìu:
-Biellu miu,
Si camini ccussì stuortu
Quannu arrivi? Doppu muortu?
A ra scola 'un ce si' statu?
E ru mastru 'un te l'ha ddittu
Ca 'u caminu cchiù bbicinu
Sulamente è ru dirittu ?
Già, i curzuni, tutti quanti,
Siti stùpiti e gnuranti.
-Hai ragiune! Vere sperte
'Un ce siti ca 'e licerte;
Ma 'sta vota si' 'nna ciota.
E ppue dire a Ddonnu Titta
Ca, ccu tutta 'a giumitrìa,
'A cchiù storta d'ogne bbia
Quasi sempre è ra diritta!...
Chine vo' ppriestu arrivare
È strisciannu e stuorticannu
Ch'a 'stu munnu ha dde marciare! -

 


La lucertola e la serpe


 Una lucertola, svelta, svelta, si era arrampicata alla loggia spalancata di una scuola  e, coricata sopra la soglia tutta quanta rosicchiata del balcone, si godeva il solleone. All'interno, c'era una lunga fila di scolari schiamazzanti; ma ancora più all'interno, c'era con la fronte rugosa e in capo una nevicata(coi capelli bianchi) un maestro che faceva lezione di geometria. Si chiamava don Titta e la testa aveva diritta. Da una caspita di lavagna cancellò prima certi conti; poi incominciò a segnare due punti e disse:- Per  arrivare da qua a qua si possono fare mille vie bellezze mie,questa, quest'altra e questa qua; ma ascoltate don Titta  che ne sa più di voi, la più corta è la diritta- La lucertola che sentì disse:- E' vero, per davvero!- E da allora, quando cammina o fugge, salta e va diritta, persuasa di avvicinare. Dopo un anno, una mattina, mentre andava a trovare una vicina, lungo la via incontrò una serpe che, non sapendo la geometria, camminava a zig zag. La lucertola le disse:-Bella mia, se cammini così storto, quando arrivi? Dopo morta? A scuola non ci sei stata? Ed il maestro non te l'ha detto che il cammino più corto è solamente quello diritto? Già, i serpenti siete tutti stupidi e ignoranti. - Hai ragione, intelligenti vere, siete solamente voi lucertole; ma questa volta sei una sciocca. Puoi dire a don Titta che, malgrado la geometria, la più storta di ogni via quasi sempre è quella diritta!...Chi vuole presto arrivare e strisciando e zigzagando che in questo mondo deve marciare!-  




FATIGATURI


De furmiche 'na fila senza fine
Se stava ccarrijànnu, chianu chianu,
'U civu d' 'e galline.
Disse ru guardianu:
-Cchi ggente fatigante!
De l'arva a ra scurata, tutte quante
Cchid'è rripuosu 'u' ssànu.
-È bberu -rispunnìu ru gallunnianu.
-'A fatiga santifica ru munnu;
Ma ad unu chi m'arrubba ru nnianu
Prifirisciu de cchiù 'nnu vacabbunnu.


Faticatori


Una fila interminabile di formiche stava trasportando lentamente (nella propria tana) il mangime delle galline.  Il guardiano disse:- Che gente lavoratrice! Dall'alba alla sera, tutte non conoscono il riposo-.

- E' vero - rispose il tacchino - il lavoro santifica il mondo; ma ad uno che mi ruba il graturco preferisco un vagabondo.




MAMMA CARMELA


In memoria della contadina Carmela Borello che, in una notte del 1928, sorpresa dalla tormenta, in un bosco di Sersale, sacrificò la sua vita per salvare i suoi due figlioletti, in modo sublime e quasi leggendario.

L 'eroismo di questa madre resta come il simbolo più alto e significativo delle genuine virtù della gente bruzia.

 

     Mamma Carmela, ccu 'nna figlia 'mbrazza 
E ccu 'nnu figliulìellu ppe' ra manu,
A ru paise sue, de 'nu luntanu
Vuoscu de pini, si nne torna. Jazza.
Porta 'n capu 'na sàrcina   de ligna
Ed a scurare, a ppuocu a ppuocu, 'ncigna.
  
     Jazza. Cchiù sta, cchiù jjazza. Duce duce
Cade ppannizzijannu  'a nive 'ntuornu;
D'anima viva nu' sse sente bbuce;
Perde ru vùoscu sempre cchiù ccuntuornu
E, mmu a ra casa 'n sarvamientu arriva,
Àuza dde cchiù ru pede 'a cumitiva.

 

     Ma, ad ura chi t'adduni, 'na timpesta
De nive 'mpalluttata  se scatina.
Visca ru vientu e ttantu forte mina
Chi pàrica se mpesa ra furesta.
Sàgliedi a ppassi de giganti 'a neglia 
Ed ogne ccosa crùovica  e ccummeglia.

 

   U màsculu de friddu e dde pagura
Trema mmienzu a 'ssa sorta de nivèra.
Ciance cchill'àutra povera criatura,
E ra mamma s'affrigge e sse dispera,
Posa 'nnu pede: a mmenza gamma affunna,
Àuza cchill'àutru:'u posa e ttorn'e 'mpunna

.

     Povara mamma! Cchiù ca po' a r'allutta 
Fà ccu ru vientu, chi l'affrigge e appretta;
Chi moni avanti e mmoni arrieti 'a mmutta,
Chi moni a ddestra e mmoni a mmanca 'a jetta.
'U 'nne pò cchiù. Spune re ligna e 'mbrazza
Se piglia ll'autru figliu e sse l'abbrazza.

 

     -Fìgliuma -dice -figliulella mia,
Ancòre cci nne vo' ppemmu arrivamu,
Ancòre è llonga, è ttantu longa 'a via;
Ma nun ciancimu e nnu' nne scumpidamu.
'A Madonna nne vide e 'u' nn'abbannuna:
E' ppuru mamma ed animu nne duna -.

 

  Intra 'stu mentre, de luntanu, sona
R 'avemmaria. L 'affritta se strascina
Fin'a ru muricìellu de 'na cona
Chi se trova ppe' ccasu llà bbicina.
'Na lampa ad ùogliu arrieti 'na 'mmitriata
Alluce 'nna Madonna 'Ndulurata.

 

     Cumporma arriva, i figliulielli spune. 
Se caccia ru vancàle  e ra fadiglia.
'U masculu cce mmùolica e ra figlia.
Resta ccu ra cammisa e ru jippune.
Trema. Vatte re ganghe una ccud'una,
Ma chira mamma 'u' ssi nne mancu adduna.

 

     E ccade 'n terra gninucchjuni. 'A cruce
Se fà ddicìennu: -'Ndulurata bbella,
'Stu figliuliellu miu e 'sta figliulella
Sàrvali tu, ppe' 'ss'uogliu chi t'alluce.
A mmie, Madonna mia, ricogliemìnne:
'Ssa nive mu me crùovica chi scinne.

 

     Ad illi, no! su' dde 'stu sangu 'u jure,
Su' ccarne de 'sta carne chi se gnela.
Madonna mia, ricòglite a Ccarmela;
Ma sàrva 'sse due pòvare criature...
Curaggiu, bbielli mie! Cchiù nnun cianciti!
Due mamme chi v'assistenu tiniti -.

 

     E ssupra chir'affritti accuoppulata
Se conza, ppe' ri mmiegliu cautilare.
Putìa, ma nu'sse voze mmuoticare
De dduve amure 'a trattinìa 'nchiuvata.
'A nive cummigliàu cchiru pagliaru,
Ma chiri quatrarìelli se sarvaru!

 

     'A mamma, no! L 'ajjàru  ssenza jatu,
Ccu ru mussu appuzzatu a ru fullune.
'Ntramente dava a cchiru sangu amatu
L 'urtimu abbrazzu e ll'urtimu vasune,
De chiantu le niscìu 'nnu schicciulune
E a ra prunella  le ristàu 'nchiatratu
.



Mamma Carmela


Mamma Carmela,con una figlia in braccio e con un figlioletto per mano, se ne torna al suo paese da un lontano bosco di pini. Nevica.  Porta in testa un fascio di legna e a poco a poco incomincia a scurare. Nevica. E col passare del tempo nevica sempre di più. La neve cade tutt'intorno ,dolce dolce, a grandi fiocchi ; non si sente voce di essere vivente; il bosco perde sempre più i suoi contorni e, per arrivare salvi a casa, la comitiva accelera il passo. Ma, in un attimo, si scatena una tempesta di neve appallottolata. Il vento fischia e tira così forte che sembra  voglia sradicare la foresta. La nebbia sale a passi di gigante ed ogni cosa  seppellisce e copre. Il maschio trema per il freddo e per paura in mezzo a questa eccezionale bufera. Piange quell'altra povera creatura e la mamma si affligge e si dispera. Posa un piede e sprofonda fino alla metà della gamba. Alza l'altro piede, lo posa e torna sprofondare. Povera madre! Lotta più che può contro il vento che l'affligge e la molesta, che una volta la spinge in avanti, un'altra volta all'indietro, che  la butta ora a destra ora a sinistra. Non ce la fa più. Posa la legna a terra e piglia l'altro figlio in braccio e se lo stringe al petto. -Figlio- dice- figliola mia, ancora ci   vuole tempo per arrivare.La strada è abbastanza lunga; ma non piangiamo e non ci sconfortiamo, la Madonna ci vede e non ci abbandona: anche lei è madre e ci dà coraggio-. In quel momento, da lontano, giunge il suono del vespero.L'afflitta si trascina fino al muricciolo di un'icona che si trova lì vicino. Una lampada ad olio, dietro una vetrata, illumina una Madonna Addolorata. Appena arriva, posa a terra i figlioli. Si toglie il panno e la gonna e vi avvolge il maschio e la femmina. Resta soltanto con la camicia e il corpetto. Trema. Batte i denti, ma quella madre nemmeno se ne accorge.Cade a terra in ginocchio. Fa il segno della croce dicendo: -Addolorata bella, questo figliolo e questa figliola, salvali tu, per quest' olio che t'illumina. A me (non pensare), Madonna mia, portami con te: mi seppellisca pure questa neve che scende.Essi, no! Sono il fiore di questo sangue, sono la carne di questa carne che si gela. Madonna mia, prenditi a Carmela, ma salva queste due povere creature...Coraggio belli miei! Non piangete più! Due mamme, che vi proteggono, tenete. Dispone il proprio corpo a mo' di cupola per meglio proteggerli. Poteva, ma non volle muoversi da dove l'amore la teneva inchiodata. La neve coprì quel pagliaio, ma quei bambini si salvarono. La madre, no!La trovarono senza fiato, com la bocca appoggiata al giaciglio. Mentre dava a quel sangue amato (ai figli) l'ultimo abbraccio e l'ultimo bacio, le uscì una goccia di pianto e le restò gelata nella pupilla. 

 

CATIRINA E FTIDILE

                             

 I vintidue d'aprile
 S'èranu liticati
 E ssupra 'nu sidile,
 Spalli e spalli vutati,
 Catirina e Ffidile
 Se stavanu assittati.
 Illu ccu 'nna bbacchetta,
 Illa ccu 'nn 'umbrellina,
 'Sta sorta de rizzetta

 Scrissero ssupra a rina:
 -L 'amure è 'nna spintura!
 'Na pesta, 'na ruina!
 Mmenu male ca 'u ddura!
 Ffidile, Catirina. -

 

 Ma l'appriessu matina
 S'èranu fatti amici
 E ccuntienti e ffilici
 Stritti abbrazzati,
 Jìenu acchjappannu pullule
 Ppe missate e ppe prati.
 De veri nnamurati'
 U core avienu 'nfesta
 E mentre 'na furesta
 Passavanu de pini,
 Illa ccu spinguluni,
 Illu ccu ttimpirini, 
 Grubbaru ri troncuni
 
 De l'arvuli vicini.  

 

 E cce 'ntagliaru rrose
 Mazzi mazzi ligati,
 E cce scrivieru ccose
 Tennare e 'nzuccarate:
 L'amure è 'nna funtana
 Chi miedica ri guai!
 Ch'ogne dulure sana
 Senza scuttare  mai!
 I vintitrì d'aprile.
 Catirina e Ffidile.

 

 Su' passati vint'anni stamatina,.                              

 'Ma chir'amure è muartu e sutterratu,
 Armenu a 'nna trentina...
 -Chi porca! Cchi assassina! -,
 Va ddiciennu Ffidile
 -Chi carogna! Cchi bbile! -
 Priedica Ccatirina.
 'Ntramente 'u scrittu ca l'amure 'u' ddura
 Durau 'nnu quartu d'ura
 Mentre chill'àutru ca l'amure 'u' mmore 

 Duradi ancora.

 'Na rinnina  chi passa                        

 Me viscadi de n'ura                                          

 'A verità se scassa;

 Era minzogna dura!

Caterina e Fedele

Il ventidue di aprile Caterina e Fedele avevano litigato e sedutii  sopra un sedile stavano girati di spalle. Quello con una bacchetta, quella con un ombrellino, scrissero sopra la sabbia questa specie di ricetta:- L'amore è una sventura! Una peste, una rovina! Meno male che non dura! Fedele, Caterina.- Ma la mattina dopo si erano fatti amici e contenti e felici, abbracciati stretti andavano acchiappando farfalle per messi e per prati. Da veri innamorati avevano il cuore in festa e mentre attraversavano una foresta di pini, lei con spilloni lui con temperini forarono i tronchi degli alberi vicini. Vi intagliarono  rose, legate a mazzetti, e vi scrissero cose tenere e zuccherate:l'amore è una fonte che cura le disgrazie! Che guarisce ogni dolore, senza mai finire di scorrere! Il ventitrè di aprile.Caterina e Fedele. Sono passati vent'anni questa mattina; ma quell'amore è morto e sotterrato almeno da una trentina... - Che porca! Che assassina!- va dicendo Fedele - Che carogna! Che vigliacco!- predica Caterina. Nel frattempo, la scritta che l'amore non dura durò un quarto d'ora, mentre quell'altra (la quale dice) che l'amore non muore dura ancora. Una rondine di  passaggio mi fischia ad un orcchio: La verità si cancella e la menzogna dura!




'E DUE GATTE


   Ve cuntu ca 'na vota
Cc'era 'nna vecchiarella
Ch'avìa 'nna gattarella
Bella, ma menza ciota.
   De sòlitu 'ssa povara patruna
Se l'annacava 'n sinu e, cchianu chianu,
Ciumànnu  a 'nna putruna,
Le lisciava ru pilu ccu ra manu.
   Ma 'na sira d'aprile, 'a lazzaruna,
Tutt'a 'nna bbotta, le sprittàu  dde manu
E, pprima mu chill'àutra si nn'adduna,
Si nne saglìu dde curza a ru vignanu,
Ppe' ggula de se fare de luntanu
Due chiàcchiare amuruse ccu ra luna.
   'A notte chi de 'ncantu parìa ffatta
Tantu de stille lucite era ffitta,
Llà ssupra avìa cchiamata 'n 'àutra gatta,
Ch'avìennu troppi sordi, èradi affritta
De suonni, de canzune e mmiludìe,
De lune quinte e ssimili ciutìe.
   Miulija tu, miulija iu, suspira,
Discurri, vota, gira,
Finìu ca doppu mancu 'na menz'ura,
Cidìennu a ru 'ncantisimu de l'ura,
Chire due gattarelle se livaru
Ssupra i piedi d'arrieti e ss'abbrazzaru,
Core ccu ccore, forte, forte, forte
E nn'amicizzia stritta se juraru
Fin'a ra morte.
   Ma ficeru dde cchiù. Cumu si ad anni
S'eranu canusciute,
'E gattarelle mie, 'ntennarisciute,
Fìceru ru sanciuanni.
-Iu criju ca 'ntramente
Te campa ra patruna,
Cummà, 'un t'accurre nnente -
Le disse ra riccuna.
-Ma s'hai bisuognu 'nchjana
A 'ssa turra suprana,
Cà iu ppe' ttie cce sugnu
E 'nzo  cchi bbue te dugnu. -
   'Ud'èradi passata
Ancore 'na simana
Quannu, tutt'a 'nna bbotta, 'na campana
Sunàudi 'na spirata:
Murìu ra vecchiarel
la
E cchira gattarella
Ristau mmienzu 'na strata.Cumu sapiti, i gatti,
Praticannu ccu ll'uomini,
'Ngrati se sunu fatti.
Eccu ppecchì, cianciuta 'na mullica
Chira patruna morta,
Disse ra ciota: -All'ùrtimu
A mmie cchi mmi nne 'mporta ?
Ppe'mmie cc'è cchir'amica
Chi m'àpire ra porta. -

    Cumu 'mpatti cce jìu
E cchilla rapirìu.
-Oh, ccara cummarella!
Chi ffò? Te si' ppirduta!
'Un t'haju cchiù bbiduta.
Si' stata malatella?

    Ma mo chi, a qquannu a qquannu,
Ccà ssupra si' 'nchianata,
Te tiegnu carcirata
Ppe' cchistu e ppe' 'nn 'atr'annu.
-Grazie; ma 'na spurtuna
Granne m 'è ccapitata.
-'Un criju ch' 'a patruna...
-Salute a bbue, è spirata.
-Povara gattarella!
E mmo... tu... povarella...
Cchi ffai? Cumu ripari
Senza 'mpiegu e ddinari?
-Ma cumu? 'Un ce si' ttuni
Chi vattu e mmi nne duni
Cumu dicisti 'u luni?
   -Ah, deccussì haju dittu ?
E... ppoca... 'un t'appricare...
'U tavulatu è strittu,.
Ma viju d'arranciare
E, ppe' ttri o quattro sire,
'Un ti nnefazzu jire... -
   'A gatta ch'era cciota, ma non tantu,
A bbuolu a sirinata capiscìu
E, ccu 'nnu vunnu 'e chjantu,
De dduve era bbinuta si nne jiu...
   Giràu ttri o quattro juorni
Tutti chiri cuntuorni
senza mèta nisciuna,
Abbiluta e ddijuna.
   All'urtimu, 'nu gattu
Chi l'avìa ccanusciuta a r'abbunnanza,
Le disse: -Pecchì ccianci ?
-Sugnu dijuna, sula, abbannunata...
-E cchira vecchia? -È mmorta a ra 'ntrasata.
-E cchira gatta ricca? E ll'autri gatti?
-Chiacchiare e nnente fatti.
-Ah, cciotarella! E ttu nu' ru sapìe
Ca ccu re manu tue si nun t'arranci
A 'stu paise 'un manci?
Si vue sintire a mmie
Appòstate a 'nnu passu
E qquannu vidi 'nu cunigliu grassu
Assàrtalu, pirìnchjete 'ssa panza
E nnu' stare a r'amici cchiù spiranza! -


Le due gatte

Vi racconto che una volta c'era una vecchietta che aveva una gattina bella ma un pò sciocca.Di solito questa povera padrona se la cullava in seno e, piano piano, sonnecchiando ad una poltrona, le lisciava il pelo con la mano.Ma una sera d'aprile, la lazzarona, di colpo le fuggì rapidamente di mano e prima che quell'altra se ne accorgesse, se ne salì velocemente su un terrazzo, per desiderio di fare da lontano due chiacchiere benevoli con la luna.La notte, che sembrava fatta da un incantesimo, tanto era piena di stelle lucenti, aveva richiamato là   un'altra gatta, che avendo troppi soldi  era afflitta da sogni,  canzoni e melodie, da lune piene e simli stupidaggini. Miagola tu, miagola io, sospira, discorri, volta, gira, finì che dopo neanche una mezzora, cedendo all'incantesimo dell'ora, quelle due gattine si alzarono sopra i piedi di dietro e si abbracciarono, cuore con cuore, forte, forte, forte ed un'amicizia stretta si giurarono fino alla morte. Ma fecero di più. Come se ad anni si fossero conosciute, le mie gattine, intenerite, fecero il comparatico. - Io credo che mentre vive la tua padrona, comare, non ti occorre nulla- le disse la riccona. -Ma se hai bisogno, sali a questa torre soprana, perchè per te ci sono io e ciò che vuoi ti do. Non era trascorsa ancora una settimana, quando di colpo una campana suonò a morte: Morì la vecchietta e quella gattina restò in mezzo alla strada. Come sapete i gatti, praticando con gli uomini, si sono fatti ingrati. Ecco perchè, dopo aver pianto un pò quella padrona morta,  la sciocca disse:- Infine a me che cosa importa? Per me c'è quell'amica che mi apre la porta.-   Infatti ci andò e quella aprì. -Oh, cara comarella! Che successe? Ti sei perduta! Non ti sei fatta più vedere. Sei stata malata? Ma ora che finalmente sei salita qui sopra, ti terrò carcerata per questo e per un altro anno. -Grazie; ma una sfortuna grande mi è capitata-  Non credo che la tua padrona... -Salute a voi, è morta. -Povera gattina e ora... tu...

poverina...Che cosa fai? Come ripari senza impiego e denari?- Ma come ? Non ci sei tu, come dicesti lunedì , che appena busso me ne dai?.- Ah, così ho detto? E... allora...non ti preoccupare...il tavolato è stretto; ma vedrò di arrangiare e per tre o quattro sere non te ne faccio andare.La gatta che era sciocca, ma non tanto, a volo capì la serenata e ,con un conato di pianto, se ne andò da dove era venuta...Girò tre o quattro giorni per i dintorni senza nessuna meta, avvilita e digiuna. Infine, un gatto che l'aveva conosciuta nel periodo dell'abbondanza, le disse:- Perché piangi? -Sono digiuna, sola, abbandonata...-E quella vecchia?- E' morta all'improvviso. -E quella gatta ricca? E gli altri gatti? - Chiacchiere e niente fatti.-Ah, stupidella!  E tu non lo sapevi che se non ti arrangi con le tue mani, in questo paese non mangi? Se vuoi ascoltare il mio consiglio, appostati ad un punto di passaggio e quando vedi un coniglio grasso, assaltalo, riempiti la pancia e non avere più speranza negli amici.



 
TUARNU A RA SCOLA


In memoria di Emanuele Caruso (nato a Conflenti nel 1845 e morto il 1916) che fu insuperabile educatore del popolo e primo  indimenticabile mio maestro .

 

    Tuppi, Tuppi! -Chin'è? -Mi cce vuliti

Asittatu ccu bbue supra 'ssi vanchi?

Vue 'na mullica  tuttii quanti siti,

Iu tiegnu 'a varva e ri capilli janchi;

Ma me criscivi a cchista stessa scola

Mo su' ttant'anni... 'U tiempu cumu vola!

                                                            

     E nnummu ve criditi ca nun tìegnu 

Nu pizzicu de sale a ru ciarvìellu...

Si vìecchiu tuornu ccà, cce torn'e bbiegnu 

Ca viàtu chi torna qquatrarìellu!

Vita cchiù bella e cchiù ffilice 'un c'è

Dde quannu nne 'mparàmu l'abbeccè. 

                                                                

    Trasu? -Trasiti! -'E stesse cose care:

I vanchi, 'e segge, 'u posticiellu miu!

Ve guardu 'mpacce e bbìdere me pare

Pped'ognunu de vue 'n'amicu miu.

Tu certu si'... Ttumasi. Tu... Grabbiele.

Tu..Ciccu. Tu... Rusariu. Tu... Michele.

Ma cumu? Cica nn 'èramu pirduti,

Tutti 'sse bbanne bbanne e sparpagliati,

Chine 'nzuffunnu   e cchine mmuppa   juti,

Chine filici e cchine spurtunati,  

E mmece simu ccà. ...Bbielli, viniti,

Ve spalancu 'ste vrazza a cchiù ca siti.

 

    Cchi ttìempi chiri nuostri chi su' stati !

Quannu niscìemu 'e ccà paria 'nna fera.

Parìemu tanti diavuli 'ncarnati,

Parìemu tanti avanzi de galera,

Parìemu 'na nigliata de rinnuni.

Ah, ristati si fòramu  guagliuni!

                                                                

     De juri dduve mo cc'è cchiru mazzu,

Cc'era, a ri tiempi mie, 'nu tavulinu. 

Chiudu 'nu puocu l'uocchj e llà bbicinu

Te viju 'nu muscune , 'nu mustazzu,

E ddue prunelle duci cumu mele: 

 E' ru maestru miu! Ddo' Mmanuele!

                                                                 

     Guardati puru vue. Nu' ru viditi?

E' 'nnu gigante e dduve nnue è bbinutu

 ppe' nne purtare a ttutti 'nu salutu

 E ppe' sse stare 'nzieme a nnue 'nu titi.

 Vasàmule, cumpagni, de luntanu,

Cumu 'na vota, tutti quanti 'a manu. 

                                                                 

     'A manu chi a ra facce 'na carizza

Nn'ha ffatta, si nne l'hamu mieritata;

'A manu chi 'na rìcchja  nn 'ha ttirata

Quannu nu' ssimu juti  de capizza;

'A manu chi pigliàu ttutte 'ste manu

E ll'aste nne 'mparàudi chianu chianu.                                                  

O mastru, quantu bbene nn'hai vulutu

E qquante cose bbelle nn 'hai 'mparatu!

ppe' ffigli a ttutti quanti nn'hai tinutu,

e nnue cumu 'nu patre t'hamu amatu.

Rèstate sempre ccà. Nun ti nne jire 

O t'arrucchjamu  nummu  pue fujire.

                                                  

     Ma propriu intra 'stu mentre, oh cchi ppiccatu!

Ppe' mmala sorta mia, me rispigliai. 

'Ssu paradisu me l'havìa ssunnatu 

E re lacrime all'uocchj me truvai.

Già me l'avìa dde figurare: tu

Dicìe ch'ach'arrieti nu' sse torna.



 
Torno alla scuola

 

- Toc.., toc...! - Chi è? - Mi volete con voi seduto a questi banchi? Voi  tutti quanti siete così piccoli  e teneri , io ho la barba ed i capelli bianchi; ma  sono cresciuto in questa stessa scuola, ora sono passati tanti anni... Il tempo come vola!

 

E non crediate che non abbia un pizzico di sale in testa... Se vecchio torno qui, vi torno , perchè beato chi può tornare ragazzo. Vita più bella e felice non c'è di quando impariamo l'abbiccì.

 

- Entro?- Entrate! Le stesse cose care: i banchi, le sedie, il mio posto! Vi guardo in faccia e mi sembra di vedere, per ognuno di voi un amico mio! Tu certo sei...Tommaso. Tu...Gabriele. Tu...Cecco.Tu...Rosario. Tu...Michele.

 

Ma come? Si dice che eravamo persi, sparpagliati per il mondo, chi è  andato a fondo  e chi a galla si  è mantenuto, chi felice e chi sfortunato, e invece siamo qua... Belli, venite, vi apro queste braccia a tutti quanti voi siete.

 

Che tempi sono stati , quei nostri ! Quando uscivamo di qua sembrava una fiera. Sembravamo tanti diavoli incarnati, sembravamo tanti avanzi di galera, sembravamo una nidiata di rondini. Ah! Se fossimo restati ragazzi!

 

Là, dove ora c'è quel mazzo di fiori, ai miei tempi , c'era un tavolino. Chiudo un poco gli occhi e lì vicino vedo una barba a pizzo, i baffi e le pupille dolci come il miele: E' il maestro mio! Don Emanuele!

 

Guardate pure voi. Non lo vedete? E' un gigante e da noi è venuto per portare a tutti   un saluto e per stare con noi un po'. Baciamogli, compagni, da lontano,  come una volta,  la mano.

 

La mano che ha accarezzato le nostre facce, quando l'abbiamo meritato; la mano che l' orecchio ci ha tirato quando non abbiamo osservato le regole; la mano che prese  tutte queste mani e ci guidò a tracciare piano piano le aste ( i primi segni di scrittura che costituivano un esercizio preparatorio in quello che un tempo era il metodo usato nelle scuole: metodo fono-sillabico, ora sostituito dal metodo globale).

 

O maestro, quanto  ci hai voluto bene e quante cose belle ci hai insegnato! Ci hai considerato tutti come figli e noi ti abbiamo amato come un padre. Resta sempre qua, non andartene o ti circondiamo per non farti fuggire.

 

Ma proprio in quello stesso istante, oh che peccato! Per mia sfortuna mi risvegliai. Questo paradiso l'avevo sognato e mi trovai con le lacrime agli occhi. Già, me lo dovevo immaginare: tu dicevi che indietro non si torna più



'U MACCATURU E RA SACCA

   'A sacca de 'na giacca,
Vidìennu 'u muccaturu
'Ntuornu listatu scuru,
Addimannàu: -Ppecchì
Si' ttinciutu ccussì?
   -Ma cumu? Viramente
'U nn'hai saputu nente?
A ru patrune miu
L 'è mmuortu, chiru ziu
Chi l'ha llassatu tuttu,
   E mmo, dìcica, 'u luttu
L' haju 'e purtare iu! -


 Il Fazzoletto e la tasca

La tasca di una giacca,vedendo il fazzoletto listato tutt'intorno di nero, domandò: - Perchè ti sei tinto così?- Ma come? Veramente non hai saputo niente? Al mio padrone è morto quello zio che gli ha lasciato tutta l'eredità e ora dice che il lutto lo debbo portare



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DUE CAMMISE
 
    
A ra gorna, 'stu viernu 'ntruvulata
De 'na chjna arrummante,
Si cc'è rricota, mo, l'acqua 'nchiarata
De 'sta jumara mia murmurijante.
'U cielu si cce preja e, ccapusutta,
'Na fila 'e chjuppi si cce specchia ttutta.
     Ccu ra cammisa a mmenza gamma azata,
Si cc' è rricota e llava re linzola
D'allegre lavannare 'na murrata.
'N cielu d'amure 'na canzuna vola
E ll'accumpagna, fàttuse parola,
'U cantu de 'na zìula 'nnamurata.
Ma mòredi ccu 'nn'urtimu lamientu
L'amurusa canzuna cujjintara...
Allura, 'a cchiù qquatrara,
Amprannu cumu vela cuntra vientu
'A cammisa e sita chi rinchjara,
Dice a ra cchiù bbicina:
-Guarda, cammisa rara!
Guarda, cammisa fina!
L 'ha ffilata 'na fata,
L'ha ttissuta 'nu ragnu,
E' ttantu dilicata chi me spagnu,
Purzì, de le dunare 'na guardata.
Chi sa de dduve vene!...
Me cape intra 'nu pugnu.
Trappànnula, m'addugnu
Quale valure tene.
'A manu chi 'a 'nsapuna
'A strince e 'u' ssi nn'adduna.
Criju ca mancu l'acqua
'A sente, mentre 'a sciacqua.
'Ud'ha mmaniche,'un tènedi fadelle,
'U d'ha spichìetti, lìefrichi, nimelle :
E' nnu lippu, è 'nnu velu trasparente...
Pare ffattu ccu nnente!
Ah, si nn'avèrad'una,
Pur'iu, de 'ssa manera,
Cumu me ricrijera!
Ma 'na tanta furtuna
'Ud'è ppe' 'nna quatrara
Ch'è nnata lavannara!
-E bbrava a Ccarulina!
-Le disse Ccatirina -
Se vide ca lavannu
Tridici misi l'annu,

Te si' ffatta de pella dilicata
Cumu 'na signurina!
Iu, no! Sugnu ristata
'Na lavannara vera
E 'sta cammisa mia nu' ra cancèra
Mmancu ccu ra cammisa de 'na fata!
'U' bbene dde livante,
'U'bbene dde punente;
E' rrustica, è ppuncente
Cumu 'nu vissicante,

 Ma è ffatta ccu jjinostra
De chista terra nostra
E ppe' ra pelle mia
E' 'nna galantaria!
'U' ll'ha ffilata 'a fata,
'U' ll'ha ttissuta 'u ragnu,
M'arriva a ru carcagnu,
Pare 'nna cirma ujjata;
Ma de 'ssa tua è cchiù mmeglia
Ch'armenu me cummeglia!
Eppure ca me carda
E 'un cape intra 'nu pugnu,

Addura dde cutugnu
E ssa dde spicanarda!
Me ricuordu... ' A jinostra chi sirvìu
Ppe' ra trame e ra stame,
L 'haju cugliuta iu,
Ccu 'ste povare manu,
A 'nnu diestru luntanu;
Vulluta a 'nna quadara
Ccu ll'acqua 'e 'sta jumara;
Manganata, filata,
De sira, mparu mparu,
Avanti 'a vamparata
Cara 'e 'nu fuocularu.
A 'nnu granne tilaru
Vinne ddoppu tissuta
E ppue vinne ttagliata,
E ppue vinne ccusuta.
Era 'nnu palu l'acu,
'U filu era 'nnu spacu,
Ma cc' èradi turciuta,
Cchiù fforte, 'na spiranza :
Chilla chi, 'n quatraranza,
Avimu tutte avuta.
E ra stipai a 'nna cascia
De tavule d'apita,
De dduve, a ffrunte vascia,
Ccu mmie niscìu quannu niscivi zita.
'N'uominu sulamente
E ru sule l'hau bbista;
'A sita e ra battista
Nn'hàu ccanusciutu gente!...
Ma pue, quale durata
Tene 'ssa vilittella?
A ra prima lavata
Li se scurcia ra pella,
Mentre, ppe' qquantu fai,
'Sta mia 'u' sse strude mmai.
 Doppu vint'anni 'e prova,
Guàrdala, ancora è nnova,
Ccu ttuttu ch'allivata
S'è ssupra 'sta fadella
'A cchiù ssanizza e bbella
De masculi nidata.
Ma, supratuttu, penza
E 'ste parole pisa a ra vilanza :
'A sita èdi apparenza,
'A jinostra è ssustanza. -

'
Na ranocchia spurtiva,
Chi facìa ri sircizzi all'àutra riva,
L'accuse e re difise
D''e lavannare 'ntise ,
E ddisse a Ccatirina :
-Ha ttuortu Carulina.
Iu nud'usu cammise;
Ma si vene ppe' mmie puru 'ssa vostra
Moda pazzisca de purtare panni,
Pue priedicare, Catirì, cent'anni,
Ma 'u' mmi nne mintu una de jinostra,
Mancu si tu te scanni!
         

                       

 
Le due camicie

Nella gora, durante l'inverno  intorbidita da una piena rumorosa, ora  si è raccolta  l'acqua chiara  di questa mia fiumara ( che scorre con ) dolce suono  . Il cielo  gode, rispecchiandovisi, e, capovolta, vi si riflette una fila  di pioppi .Con la camicia alzata a metà della gamba, vi si è raccolta e lava le lenzuola una moltitudine di allegre lavandaie. In cielo sale una canzone d'amore e l'accompagna il canto, trasformatosi in parola, di uno zigolo innamorato.  Ma quando muore con un ultimo lamento l'amorosa canzone conflentese (di Conflenti), allora, la più giovane delle lavandaie, sciorinando, come vela contro vento, la camicia di seta che risciacqua, dice alla sua vicina: -Guarda che camicia rara! Guarda che camicia fine! L'ha filata una fata, l'ha tessuta un ragno ed è così delicata che temo finanche di darle uno sguardo. Chi sa da dove viene! Mi si raccogle tutta in un pugno. Palpadola mi accorgo qual' è il suo valore.La mano che l'insapona, la stringe e nemmeno se ne accorge. Credo che neanche l'acqua la sente mentre la sciacqua.Non ha le maniche, non ha falde, gheroni, orli, bottoni; è liscia come il muschio; è un velo trasparente...Sembra fatta con niente! Ah, se  ne avvessi anch'io  una uguale, come sarei felice! Ma una fortuna tanto grande non capita ad una ragazza che è nata per fare la lavandaia!-

Una ranocchia sportiva che si esercitava sull'altra riva, sentì le accuse e le difese delle lavandaie e disse a Caterina: -Carolina ha torto. Io non uso camicie; ma se viene pure per me questa  pazza moda di indossare panni, puoi predicare, Caterì, a lungo, ma io non me ne metto una di ginestra neanche se tu minacci di ammazzarti-E  brava Carolina- rispose Caterina -si vede che lavando tredici mesi l'anno ti sei fatta di pelle delicata come una signorina! Io, no! Sono rimasta una lavandaia vera e questa mia camicia non la cambierei neanche con la camicia di una fata! Non viene nè da levante,nè da ponente: è rustica, pungente come un vescicante( sostanza revulsiva che provoca vesciche sulla pelle), ma è fatta con ginestra di questa nostra terra e per la mia pelle è un lusso! Non l'ha filata una fata e non l'ha tessuta un ragno, mi arriva al tallone, sembra un sacco gonfiato, ma di questa tua è migliore perchè almeno mi copre! E anche se mi graffia e non entra in un pugno, odora di mela cotogna e di lavanda! Mi ricordo...La ginestra che servì per la trama e l'ordito, l'ho raccolta io, con queste povere mani in un luogo lontano; bollita in una caldaia con l'acqua di questa fiumara; manganata, filata di sera davanti al fuoco di un caro focolare. Venne poi tessuta ad un grande telaio e poi tagliata e poi cucita. Era un palo l'ago ed il filo era uno spago, ma c'era pure, avvolta insieme ai fili, una speranza: quella che tutte abbiamo avuto in gioventù( sposarsi). La conservai in una cassapanca di tavole di abete, da dove, a fronte bassa, uscì con me quando mi maritai. Un uomo solo ed il sole hanno avuto modo di vederla; la seta e la batista ne hanno conosciuto gente!...Ma poi, quale durata tiene questa stoffa leggera ed inconsistente, alla prima lavata si spella, mentre la mia, anche se tu fai tutto il possibile, non la consumi mai. Dopo vent'anni di prova, guardala, ancora è nuova, con tutto che sulle sue falde è stata allevata la più sana e bella nidiata di bambini. Ma soprattutto rifletti  e queste parole pesa con la bilancia: la seta è apparenza; la ginestra è sostanza-.

 



NATALE


     'A solita zampugna colarusa,
Ccu ra nive, è scinnuta a ra marina;
E, mmo, de vientu e dde lamientu chjna,
Sona ra ninna ad ogne pporta chiusa.
E' ra santa Vijìlia de Natale.
Sona, zampugna! Sona 'a Pasturale!

 

     Sona! Pped'ogne nnota chi me porta,
Mo chianu chianu e mmo cchiù fforte 'u vìentu,
Intra 'stu core miu turnare sientu
Tutta 'na vita chi cridivi morta,
E mmi s'acqueta 'n core ogni tturmientu
E ppassu supra ad ogne ccosa storta.

 

     Mentre staju ccussì, tra dormebbiglia,
Trase ru suonu duce de 'na n'gaglia;
M'accarizza re ricchie, me rispiglia,
E mme porta, ccussì, cumu 'na paglia,
Ppe' fforza de va vide quale 'ncantu,
A ttiempi 'e mo luntani 'u 'sse sa qquantu

 

      E, all'umbra de 'na granne ciminera,
Viju 'n 'ardente, caru fuocularu;
'Nu zuccu  'ncarpinatu  paru paru
Arde ccumu 'na cima de jacchèra;
'Ntuornu cce su': 'nna vecchiarella accorta
E Nnannu e Ttata.  Mamma, no! M'è mmorta!

 

     'A vecchiarella mia, fusu e ccunocchia,
Fila ccumu sulìadi 'n quatraranza;
Iu le zumpu cuntientu a re jinocchia,
Illa me cunta llesta 'na rumanza...
E ra zampugna sona 'n luntananza
E ri cumpagni mie le fàu ra rocchia,

 

     Sona, zampugna! Pòrtame luntanu,
A ri tiempi filici 'e quatraranza;
A Nnanna chi filava cchianu chianu
'Ntramente me cuntava 'nna rumanza;
A ru zuccu chi ardìa, ssempre cchiù cchiaru
Sutt'a camastra de 'nu fuocularu
!

Natale

 

La solita zampogna dal suono mesto è scesa, con la neve, alla marina! E ora, piena di aria e di lamento, suona la ninna ad ogni porta chiusa. É la santa Vigilia di Natale. Suona zampogna! Suona la Pastorale!

 

Suona! E per ogni nota che il vento mi porta, ora più forte ora meno, dentro questo mio cuore sento tornare tutta una vita che credevo morta, e mi si acquieta in cuore ogni tormento e sorvolo  su ogni cosa storta.

 

Mentre sto così, nel dormiveglia, entra il suono dolce da una fessura; mi accarezza le orecchie, mi sveglia, e mi porta così come una paglia, per forza   non si sa di quale incanto, a tempi tanto lontani  che nemmeno  posso indicare  con  precisione.

 

E all'ombra di una grande ciminiera, vedo un caro focolare acceso; un ceppo  arde da tutte le parti come una fiaccola. Intorno ci sono:  una vecchietta attenta, il nonno, il babbo. Mamma, no! E' morta!

 

La vecchietta mia ( la nonna), fuso e conocchia, fila come soleva in gioventù; io contento salto sulle sue ginocchia, lei mi racconta veloce una romanza...E la zampogna suona in lontananza e i miei compagni le fanno crocchio.

 

Suona, zampogna! Portami lontano ai tempi felici della fanciullezza;  alla nonna che filava piano piano, mentre mi raccontava una romanza; al ceppo che ardeva sempre più chiaro sotto la cappa di un focolaio



 

U PIECIRARU E RI CANI

 

'E piecure mirìjanu  a 'nna manca,

E dde dduve me trùovu a re gguardare

Paru 'nna cista de vucata janca,

Amprata supra l'erva ad asciucare.

Vicinu a 'nna funtana

Chi cantadi  a 'nnu friscu,

'Nu vìecchiu piecuraru, zu Franciscu,

Ccu 'nn'ugna  'e calaturu,

Chianu chianu se sgrana

'Nu mienzu pane scuru

Putenza de l'adduru!

Cumu si 'nu viscune  canusciutu

L 'avèradi chiamati, a 'nnu minutu,

I cani d' 'o cuntuornu

Li se pàranu 'ntuornu

Ed ogned'unu aspetta

Si 'n'urra  li nne jetta.

Iu me ricriju a re gguardare. Paru

'Nna murra 'e Vancilistri

Avanti de 'n'ataru.

'Nu canicìellu russu,

Quattru passi distante,

Se fa ogne  ttantu 'na liccata 'e mussu

E nnùcedi  mmacante.

'Na cagnola vicina

S'è 'nculacchiata 'n terra;

'A cuda le rimina

E nnittija  ra  terra

Cumu 'na scuppittina.

'Nu crozzu 'e pilu scuru

Annasca ed ogne ttantu

Cce jetta 'nnu languru'

Chi pare ppropriu chjantu.

Ma Ciccu, chi 'u' sse sturde

Dde panze musce o vurde,

Mancia e, ogne ttantu, fa

Ccu mmala grazia: zàa!

I cani, amminazzati,

Se vòtanu, se giranu,

Cumu tanti stunati;

Ma nullu si nne va:

Ancòre cc'è spiranza

De se vurdare  'a panza.

Ma quannu, sazziatu,

Ciccu, a ru tascappane

Se stipa ll'urra 'e pane

Chi ancòre l'è rristatu,

I cani tutti quanti 

Le pèrenu d'avanti.

Finuta è ra spiranza

De se vurdare 'a panza.


Il pecoraio e i cani

Le pecore meriggiano all'ombra e, da dove mi trovo a guardarle, sembrano una cesta di bucato bianco steso sull'erba ad asciugare. Vicino ad una fonte, che , riparata dal sole,  scorre con un suono che sembra un canto, un  vecchio pecoraio, zio Francesco (l'appellativo di zio, quando non indica parentela, indica rispetto) con un'unghia  (un po') di companatico mangia lentamente un mezzo pane scuro. Potenza dell'odore! Come se fossero stati  chiamati da un fischio conosciuto, tutti i cani dei dintorni gli si mettono di fronte ed ognuno aspetta se gliene getta un orlo. Io godo a vederli . Sembrano una moltitudine di evangelisti immobili davanti ad un altare. Un cagnolino rosso, distante quattro passi, si lecca di tanto in tanto il muso ed inghiotte a vuoto. Una cagnetta vicina s'è seduta a terra, la coda le si muove e pulisce la terra come una spazzola. Una testa di pelo nero annusa freneticamente,  ed emette di tanto in tanto un lamento che sembra proprio un pianto. Ma Cecco non si preoccupa di pance mosce o sazie, mangia ed ogni tanto , con mala grazia,  dice : zza!. I cani, minacciati, si girano come intontiti, ma nessuno di loro se ne va: ancora sperano di riempire la pancia. Ma allorché Cecco, ormai sazio rimette nel tascapane l'orlo di pane che ancora gli era restato, i cani , tutti quanti ,spariscono. Finita è la speranza di riempirre la pancia.

L'UMBRA

  'U sule, quannu 'ncigna a sse curcare,
Me rassimiglia qquasi a 'nnu tizzune
Ch 'a ppuocu a ppuocu s'astuta  intra mare.
  A cchill'ura, de l'umbra a jjudicare,
'Nu mienzu parmu, tantu, de pirune
Va vide quale 'ntinna àuta te pare.
Ma si demane 'a tùorni a ra guardare
A mminzijuornu 'mpuntu,
Ridduciuta 'nu puntu,
Chiru pirune 'nu pirune pare.
  De notte, tanti e ttanti
Te pàrenu giganti,.
Ma guardàti a ra luce,
Ognunu 'nu pitazzu se ridduce.

L'ombra

Il sole, quando incomincia a tramonta- re, somiglia quasi ad un tizzone che a poco a poco si spegne nel mare. A quel- l'ora, a giudicare dall'ombra, un mezzo parmo di piuolo ti appare come un'an- tenna chissà quanto alta. Ma se domani la torni a guardare a mezzogiorno in punto, ridotto ad un punto, quel piuolo un piuolo appare ( appare nelle sue reali dimensioni). Di notte, molti sem- brano giganti; ma guardati alla luce, ognuno diventa un minuzzolo.




L'AMERICANO

 

    'A chiazza paisana è ccummigliata
De l'umbra de 'nu chiuppu sieculare;
'Ntuornu cce sta, mu ti cce pùe assittare,
'Nu sidile ccu dduppia scalunata.

 

   'A gente d' 'o paise, a bbesperata,
Si cce sole jjuncire, ppè ttagliare
I panni a ttutti quanti e ppe' sputare
Sintenze supra i fatti d' 'a jurnata.

 

   Chira sira cce stàvanu: 'u nutaru,
'U paracu, u' spizziale, l' avvucatu,
Sett'uottu vacabbunni e ru furgiaru.

 

   A ppuocu de l'America turnatu,
Cce stava ppuro Japicu, scarparu:
Catina d'oro e ccollu 'mpuosimatu!

 

   'U nutaru dicìa: -Chin 'è tturnatu
De l'America, cunta 'nna patuta:
'U vuommicu a ra juta e a ra vinuta,
L 'orait e il fait, sempre all'àutri datu!

 

   Ccu ll'arte fina d' 'o scarparu natu,
Japicu nuostro 'a vucca s'ha ccusuta
E mmancu 'na parola 'nn 'ha ddiciuta
De quannu si nn'è ccà rrimpatriatu.

 

   Ppe' 'nnu bisuognu, chin 'a Ccicacu è jjutu,
'nna ssempre, sutta 'st'arvulu, cuntatu,
filu ppe' ffilu, 'e cose ch 'ha bbidutu.

 

   Tu sulu citu citu te si' statu;
ma, 'nsumma, cchi ppardiu t'è ssuccidutu?
'Un criju, arrassu sia, ca si' ammutatu! -

 

   -No, no! Gnornò! Ma la ragiuni vera
è che mi son faciuto americano
e ci ho presa una parla forestera
chi non la 'ngaglia nnullu taliano.

 

   Ppe' mi dare a ccapire io vi dovera
pparrare all'usu simprice nostrano;
ma como cà non 'ngaglio la manèra,
lu mussu mi 'mpurtiellu ccu lla manu. -

 

   -Male! -disse ru pàracu - Parrati!
Ca nue, ppe' qquantu ciucci ve capimu
cchiù assai de quantu vue nu' bbe pinzati.

 

   Gaddemma, bossu, storo, li ssapimu;
fait ed orait nni l'hamu 'mparati;
spiccàti puru, cà vi capiscimu! -

 

   -Lu mundu nuovu, vi raccuntu, allura,
ch 'è ffattu 'e n 'autra sorta di manera:
Llà gnorna quandu ccà scinde la sera,
ovverosia cci arbija quandu scura.
 
   Nun sulu,'ma cumporma cangia ll'ura,
stracangia lla stagiuni; a pprimavera
la terra americana è una nivera
e llu granu lu viernu si matura.

 

   Ma chillu chi ti fa' traseculare
è cca tutte le fimmine su' dditte
uomini, all'usu luoru di parrare.

 

   Le strate, tantu storte ca deritte,
puro ca sono larghe quanto il mare,
ppe' d'ogne americano sono stritte!

 

   E lle case? io mi pierdu allu cuntare!
Su' ccase chi vi fannu sbalurdire!
Ppi ddittu d'autri, senza le bbidire,
nisciunu se le ppò raffigurare!


   E Ccu chiste case nostre a lle

bbulire,pirdùnane,
Signure, cumpruntare,
sarebbi, comu fussi, ddi vulire
un moscarino a un ciuccio abbicinare!

 

   Sono tant'arte chi 'u bbi saccio dire-
Teneno armeno cento e passa piani-
Parca allu cielu vòrranu saglire-

 

   La pieju casa di l'americani,
potesse, armeno armeno, cuntinire,
de chisti nuostri, tri paggesi sani!

 

   Io puro sobbra il pede so' ssagliuto
e mmi nde sono pròpito scialato;
ppricchì lu cezu muru vo' mmanciato
di 'ncapo e nnon a ttàvola servuto-

 

   Il meglio muro, a mmie, quand'è    ttoccato
di mano strana, a ggiro d'un minuto,
lo stòmaco m'ha ssempre rivotato.

 

   Ca di quanno a Ccicaco sono juto,
mi so' ffatto di vocca dilicato
e nnon mmi nnocio manco lo mio sputo!

 

   Chi non ha bbisto ponte Broccolino,
vi l'assicuro, non ha bbisto nente!
Cà chillo è pponte! Un ponte viramente
como non cci nde sta ppe' ccà bbicino!

 

   Tene lli piedi, ma non ha vortino.
È ffatto di li nuostri diffirente;
a 'mmenzu cielu si ndi sta ppindente,
ligato ad uno sciarto mascolino!

 

   E, ppoi cchi atezza, quanno lo guardate!
A mmodo stesso ca 'no cagnolino
mi passa ssotto l'anche scancarate,

 

   ccossì, ppe' sotto ponte Broccolino,
cci po' ppassare, cco lle vele azate,
anche il più grosso culusseo marino!

 

   Io di prufissione ero scarparo,.
ma quandu jivi llà, restai 'ncantato!
Cà chillu chi li mastri mi 'mpararo,
vitti ca cc'era, ppròpito, appizzato!

 

   'A furma, a suglia, a 'nzita, 'u puntijato,
a nnenti, propiu a nnenti, mi giuvaro;
cà ppi ffare cussì di scarpe un paru,
passave un mise e mmancu eri sbrigato!

 

   Imbegge, senza studio e ssenza scola,
llà cc'è ccomu 'na machina di latta
chi pàrica cci manca lla parola.

 

   Io non bbi saccio dire com 'è ffatta;
ma como cà cci menti un pò di sola,
la scarpa ti sortisce bell'e ffatta! -

 

  -Madonna, bbumma! --Ah, no? Non ci criditi?
Vi pare il mio trascurzu stravacante ?
E bbue dicintincillu a cchi voliti
E bbi dirà ch'è bbirità lampante.

 

   A stu' paisi, già quantu ca siti,
di lu cchiù àutu all'urtimu bracciante,
d'essere non si sa cchi bbi criditi,
e llu cchiù ddottu, 'mbece, è 'nnu gnurante!

 

   Spegie Vussugnuria, regiu nutaru,
chi di 'ssu modu stupitu riditi
e ddi giabatte non baliti 'un paru!

 

   Già, si tu fussi jutu a cchille bbanne,
difficirmente, scemo comu siti,
facivi intra Cicaco un atto...granne! -


  'Na risatuna. 'E tutti scurridutu,
a ra facce 'na vampa le saglìu,
e ssenza dire mancu: ve salutu,
giràu ssupra 'nu taccu e si nne jiu!

 

   'U cottu  de zigrinu, a ddui spartutu,
a re bbanne d'arrieti le vattìu,
e llestu, cchiù dde quannu era bbinutu,
'nu zùchiti de scarpe se sintìu!

 

   'A mugliere, cumporma fo' arrivatu,
ppecchì puru a r'America era stata,
le disse: -Mi pariti un po' 'nzirratu. -

 

 -No, no! Gnornò! Vi siti assai sbagliata;
ma criju ch 'era mmiegliu si ristatu
mi forra ccu lla vucca 'mpurtillata!-


L'americano

La piazza paesana è coperta dall'ombra di un pioppo secolare; tutt'intorno, per poterti sedere, c'è un sedile a doppia scalinata.

La gente del paese, al vespro, vi si suole riunire, per tagliare i panni a tutti quanti (pettegolare) e per sentenziare sui fatti del giorno.

Quella sera ci stavano: il notaio, il parroco, lo speziale (il farmacista), l'avvocato, sette o otto vagabbondi ed il fabbro.

Da poco tornato dall'America, ci stava pure Japico, calzolaio, con la catena d'oro ed il colletto inamidato.

Il notaio diceva:  - Chi   torna dall'America, racconta una sua esperienza: il vomito all'andata ed al ritorno, "l'orait" ed il "fait", sempre agli altri dato!

Con l'arte fine del calzolaio nato, il nostro Japico s'è cucito la bocca  e neanche una parola ci ha detto da quando è rimpatriato.

Per un bisogno, chi è andato in America, ci ha sempre, sotto quest'albero, raccontato filo per filo le cose che ha visto.

Tu solo sei rimasto zitto; ma, insomma che caspita ti è successo? Non credo, non sia mai, che sei diventato muto!-

-No, no! Ma la ragione vera è che son diventato americano e ho imparato un linguaggio forestiero che non lo capisce nessuno italiano.

Per farmi capire, io dovrei parlare secondo l'uso semplice del nostro paese, ma siccome non trovo il modo, mi chiudo la bocca con la mano( me ne sto zitto)-

-Male!- disse il Parroco- Parlate!  Noi, per quanto asini vi capiamo   più di quanto voi non pensiate

. "Gaddemma", "bossu" "storo", li sappiamo; "fait ed orait" li abbiamo imparati; parlate pure, che vi comprendiamo!-

-Il mondo nuovo, vi raconto, allora, è fatto in un altro modo: là fa giorno quando qua scende la sera, ovvero albeggia quando scura.

Non solo; ma così come cambia l'ora, cambia la stagione; a primavera la terra americana è coperta di neve e il grano matura d'inverno.

Ma quello che ti fa trasecolare è che tutte le donne sono dette uomini nel loro modo di parlare.

Le strade, sia le storte che le diritte ,anche se sono larghe quanto il mare, sono stritte(strette)!

Le case? Io mi perdo a raccontare! Sono case che vi fanno sbalordire! Detto da altri, senza vederle, nessuno se le può immaginare!

A volerle, Signore perdonaci, confrontare con le nostre case, sarebbe come avvicinare un moscerino ad un asino!

Sono tanto alte che non vi so dire. Hanno almeno cento e più piani. Sembra che al cielo vogliano salire.

La peggiore casa degli americani potrebbe contenere almeno  tre di questi nostri paesi!

Oh, guarda ! Perchè questo bamboccio ha il muso dipinto? Te lo sei dipinto come le americane  o hai mangiato le more di gelso molto mature?

Anche io son salito sull'albero e me  la sono goduta, perchè le more di gelso vanno mangiate sulla pianta e non servite a tavola.

Le migliori more, quando sono toccate da mano estranea, nel giro di pochi minuti, mi hanno sempre rivoltato lo stomaco.

Da quando sono andato a Cicago, son diventato di bocca delicato che non ingoio nemmeno la mia saliva!

Chi non ha visto il ponte "Broccolino", vi assicuro , non ha visto niente!Quello è ponte! Un ponte come non ce ne sono da queste parti!

Ha i piedi ma non ha volta. E' fatto in modo diverso dai nostri; se ne sta pendente in mezzo al cielo, legato ad una robusta fune!

E poi che altezza, quando lo guardate! Nello stesso modo che un cagnolino mi passa sotto le gambe divaricate, così, sotto ponte "Broccolino" può passare, con le vele alzate, anche la nave più colossale!

Io di professione ero calzolaio; ma quando andai là, restai incantato, perchè vidi che quello che i mastri mi avevano insegnato era proprio sprecato!

La forma, la lesina, la setola, la cucitura, a niente, proprio a niente mi servirono,perchè per fare un paio di scarpe in questo modo non ti saresti sbrigato nemmeno in un mese!

Invece, senza studio e senza scuola, là c'è   una macchina di latta che sembra gli manchi solo la parola.

Io non vi so dire come è fatta; ma appena ci metti un pò di suola, la scarpa esce già finita!-

-Madonna balla!- Ah, no? Non mi credete? Il mio discorso vi sembra stravagante? E voi ditelo a chi volete e vi dirà che è verità lampante.

In questo paese, tutti, quanti siete, dal più alto all'ultimo bracciante, non si sa che cosa credete d'essere, e il più dotto, invece, è un ignorante!

Specialmente Vostra signoria, regio notaio, che ridete in questo modo stupido e non valete nemmeno un paio di giabatte.

Già, se tu fossi andato da quelle parti, difficilmente scemo come siete, avresti fatto dentro "Cicaco" un atto...grande!-

Una risata. Deriso, gli salì in faccia una vampa di calore e senza nenche salutare, girò su un tacco e se ne andò!

Il cappotto di stoffa rigida, diviso a due, battè nella parte posteriore, ed improvviso, più di quando era arrivato, si sentì il cigolio delle scarpe.

Appena arrivò a casa, la moglie che era stata anche in America gli disse:- Mi sembrate un pò adirato.-

- No, No, gnorno! Vi siete sbagliata; ma credo che sarebbe stato meglio, se fossi rimasto zitto!-




L 'URMU E RA VITE

  

 'Nu pede d'urmu s'era 'nnamuratu
De 'nu pede de vite muscatella;
Ma, vrigugnusu, 'u' ss'èradi azzardatu
Mancu 'e le dire: quantu siti bbella!

 

  'Nu juornu, quannu 'u vientu, chianu chianu,
'E pàmpine de cchiù lle muoticava,
Senza fare a ccapire de luntanu,
'Na canzuna d'amure le cantava.

 

   'A vite, chi sinn 'era 'nnamurata,
Filice se sintìa; ma stava ccita.
Avèra ddata ppe' cchill'urmu 'a vita

Ma passare 'u' bbulìa ppe' 'nna spacciata.

 

   'Nu juornu l'urmu, fàttuse cchiù arditu,
Le disse: -Te vulèra ppe' mmugliere -.
'A vite rispunnìu: -si tu sapère
A qquant'anni te vuogliu ppe' mmaritu! -

 

   E ffo' ccussì chi, l'ùottu de frivaru,
'A vite e ll'urmu nuostru se spusaru.


L'olmo e la vite

 

Un Olmo si era innamorato di una vite di uva "muscatella", ma essndo timido non aveva mai osato neanche a dire: come sei bella!

 

Un giorno, quando il vento, piano pano, le scuoteva le fronde, senza farsene accorgere, da lontano, le cantava una canzone d'amore.

 

La  vite, che si  era innamorata (già da tempo), si sentiva felice, ma stava zitta. Per quell'olmo avrebbe dato la sua vita ma non voleva apparire una sfacciata.

 

Un giorno, l'olmo, fattosi più ardito, le disse: - Ti vorrei come moglie- La vite rispose: - Se tu sapessi da quanti ti desidero come marito !

 

E fu così che l'otto febbraio la vite ed il nostro olmo si sposarono.

 



U QUATRU E RA TINNA

 Vidìennu, quann 'eru quatraru,

'Na tenna 'nchiuvata a 'nnu muru,

-Ll'arrieti  -dicìa -me figuru

Cchi qquatru cce ha dd'essere raru! -

Ppe' mmi nn'accirtare

L 'avèra bbuluta arrassare.

Frattantu

Eru tantu,

E, ppe'qquantu

I piedi e re vrazza stinnìa,

A cchira pardìa

D'atizza   'u' jjuncìa.

  Ma 'mparu putivi,

'Na cascia,  'nu vancu,

'Na  seggia e,intra  mancu

'Nu creddu,  saglìvi.

Guardignu cchiù assai de 'nu latru,

'A tenna tirài... Quale quatru?

'Na macchia de muffa

Cce ajjavi... Cchi ttruffa!

 'Ntramente

Dulente, 

Scinnìa,

'Nu ragnu sapiente

Ccussì mme dicia:

-'A vita, cumpagnu, è 'nna muffa, 

De bbenne  de sita 

Cuverta, ppe' ttruffa! -

 


II quadro e la tenda

 

Vedendo, quand'ero ragazzo, una tenda inchiodata ad un muro, - lì dietro - dicevo - chissà che quadro raro  deve esserci. Avrei voluto scostarla per accertarmene, ma purtroppo ero piccolo e per quanto stendessi le braccia e i piedi  non giungevo  a quella altezza.  Ma appena potei, con   una cassa, un banco e una sedia, in men che si possa credere salii. Guardingo più di un ladro, tirai la tenda... Quale quadro? Una macchia di muffa trovai...Che truffa! Mentre, deluso, scendevo, un ragno sapiente cosi mi diceva : - La vita, amico, è una muffa coperta di bende di seta, per truffa

--------------

A MUSCA E RU VOI


Disse 'nna musca a 'nnu gigante 'e voi:
-Ma cumu? Si' cchiù fforte de l'azzaru
E ssenza dire oi,
Te fai mintire 'u juvu , e 'nu quatraru ?
Iu, s'avera ra forza
Chi tìeni tu, l'avèra spracillatu!
L 'avèra spissicatu!
-Parole! Ccu 'ssu facci d'ammazzatu,
Chi m 'hadi 'mpasturatu
E nnu' mme fa jjatare,
Dimme, cchi ppuozzu fare?
-E re corne 'un ce l'hai
Mu l'usi ppe' ppizzutu?
-L 'haju; ma chille sèrvenu
Ppe' mmustrare a ra gente
Ca sugnu sulamente 'nu curnutu -.

La mosca e il bue

Una mosca disse ad un bue grande come un gigante: -Ma come? Sei più forte dell'acciaio e senza un minimo di protesta ti fai metter il giogo da un ragazzo? Io, se avessi la forza che hai tu, l'avrei sfracellato, gli avrei sfondato la vescica!

- Parole! Contro questo birbante, che mi ha immobilizzato e non mi fa neanche respirare, dimmi, che cosa posso fare? E le corna non  le hai, per usarle come punteruoli? - Le ho, ma quelle servono per mostrare alla gente che sono un cornuto.

 

'U TIRRI


'Nu tirri tirrijava
E ssulu s'avantava:
-Supra 'nu pede abballu
Cchiù mmiegliu de 'nu gallu
E ggiru e ggiru e bbaju
De ccà e dde llà e nnun caju.
-'Un te paparijare!
Le dìssedi 'nu lazzu.
-'Un tantu t'avantare! -
Le dìssedi 'nu vrazzu.
-Tu giri cà girare
Nu' autri te facimu.
Penza ca si vulimu,
Finisci d'abballare! -

La trottola

Una trottola girava e da sola si vantava:- Sopra un piede ballo meglio di un gallo e giro e giro , vado di quà e di là e non cado.-Non ti pavoneggiare!- le disse un laccio. -Non  vantarti troppo!- le disse un braccio. -Tu giri perchè noi ti facciamo girare. Mettiti in testa che se noi vogliamo, tu finisci di ballare!

 

 

 

 

 

 

 

 

 Aggiornato il 30 . 09 - 2017

 Migliore visione -  Risoluzione 1366x768

 Il webmaster